Remise en forme e rimedi anticellulite sul divano: 5 idee efficaci anche a casa

0
- Annuncio pubblicitario -

Il triangolo letto – cucina – postazione da smart working andata e ritorno ha causato un brusco rallentamento sul rettilineo ben programmato della remise en forme di stagione. Il traguardo del bikini, d’altronde, sembra quasi un miraggio. Eppure, non è il momento per lasciar andare nessun buon proposito, e nemmeno speranza.

Se anche per centri estetici e fidate massaggiatrici c’è da aspettare ancora un po’, con un paio di oculati acquisti online si può cercare di rimediare all’effetto quarantena che sta omaggiando in ritenzione idrica e cuscinetti. Anche a basso sforzo, senza scuse, nemmeno per le più affezionate al divano.

- Annuncio pubblicitario -

Fanghi e bendaggi

Un’ottima strategia domestica di remise en forme sono fanghi e bendaggi: chi mai ha tempo di farli? Nessuna. Almeno, fino ad ora. Stimolano la vasodilatazione e la termogenesi sulle zone più soggette a adiposità e ristagni come cosce e girovita, “asciugano” efficacemente i liquidi in eccesso per poi drenarli e smaltirli. Certo, ci vuole del tempo, di posa e poi di risciacquo. E di attesa, circa mezzora, ma i risultati si vedono già dopo poche applicazioni, proprio per via della loro azione urto.

Più pratici – non sporcano – i bendaggi: «si tratta di bende monouso pre-impregnate di attivi ultra concentrati, oppure a sigillo dei prodotti pre massaggiati, che bisogna avvolgere con metodo e giusta pressione saldamente intorno alle aree più critiche. Anche questo genere di prodotti servono principalmente a drenare i liquidi in ristagno, quindi a detossinare, smuovere la ritenzione idrica ed eliminare il senso di pesantezza e gonfiore, e quindi, in secondo luogo, snellire» spiega Margherita Fais, beauty thrapirst preferita di Elisabetta Canalis e Chiara Ferragni proprio per i suoi massaggi linfodrenanti e i bendaggi effetto slim down, soprattutto su addome e gambe.

Alla base dei suoi trattamenti ci sono solo ingredienti della sua Sardegna, selezionati con farmacisti e biologi: ippocastano, centella asiatica, argille detox. E i risultati, oltre alle sue manualità, passano anche dal suo account Instagram @faismargheritareal.

Il massaggiatore corpo

Bastano circa 10 minuti al giorno, dopo la doccia, oppure semplicemente sdraiate sul letto o sul divano: i body device massaggianti a uso domestico sfruttano testine o coppette a microvibrazioni ad azione circolare o pulsante che vanno ad attivare meccanicamente i flussi circolatori, smuovono i ristagni dei liquidi e stimolano la rottura degli accumuli adiposi localizzati. Spesso, in combinazione, subentrano tecnologie a luci infrarosse che agiscono riducendo le infiammazioni dei tessuti adiposi, causa principale che scatena la cellulite, e alzano la temperatura dei tessuti profondi stimolando il metabolismo cellulare.

Perfect Body di Incarose (88 euro).

Qualche esempio? Il massaggiatore Perfect Body di IncaRose (in farmacia) associa un’azione linfodrenante e snellente ai raggi infrarossi per una doppia azione tonificante e snellente; oppure, il massaggiatore anti cellulite a vibrazione ultrasonica Hansilk (su Amazon) abbina un massaggio che stimola i muscoli e ultrasuoni che aiutano a disintossicare il sistema linfatico, attivare il metabolismo, la circolazione sanguigna e la produzione di collagene. L’azione è quindi combinata: anticellulite, linfodrenante, snellente e rassodante.

In attesa di un protocollo professionale in istituto, come LPG Cellu M6 Alliance, che sfrutta un’aspirazione sequenziale meccanica eseguita da un rullo che “smuove” e rimodella i tessuti in profondità in tutte le dimensioni, agendo contemporaneamente sull’adipocita, sul fibroblasto che produce collagene di sostengo e sul microcircolo.

I patch o i pantaloncini slim

Ce li si mette e li si dimentica sotto tute, leggings e magliette. Oltre alla versioni per lato b e culotte de cheval, ne esistono ormai in formati maxi anche per l’addome, giro vita e seno. Concentrati di attivi lipolitici e destoccanti come caffeina, etratti di guaranà e the verde, mentolo, zenzero, rilasciano miratamente gli attivi dove ce n’è più bisogno, mentre si sta sedute a lavorare o si svolge qualunque faccenda domestica.

Questi micro o macro cerotti cosmetici si possono tenere in posa tutta la giornata, e poi rimuovere prima della doccia. Possibilmente fresca – almeno il getto finale – tonificante, che dà una sferzata al microcircolo e potenzia tutti i benefici degli attivi rilasciati.

- Annuncio Pubblicitario -

La spazzolatura a secco

È un gesto beauty che ha lo stesso effetto di un allenamento intensivo sulla pelle: la spazzolatura a secco, o body brushing, eseguito possibilmente con spazzole in fibre naturali, esfolia, riattiva la circolazione, purifica la pelle e ottimizza l’efficacia di tutte le creme trattamento successive. Dal basso verso l’alto, ha un effetto urto che risveglia la vitalità dei tessuti, ed è quindi ottimale al mattino, prima di iniziare la giornata.

In alternativa, esistono anche piccoli rulli e device in silicone, che ne mimano i benefici con un’azione miratamente destoccante su cosce e culotte de cheval.

Tesmed Cell massaggiatore manuale anticellulite (10 euro, su Amazon)

La coppetta “sottovuoto”

Se ne vedono tante, di diverse forme, in silicone colorato (le più famose restano le Cellu-cup, in vendita anche su Sephora.it). Servono per effettuare un trattamento di “cupping massage” o coppettazione, un massaggio che sfrutta un piccolo sottovuoto sulla pelle effetto vacuum, pratica che risale in realtà alla medicina tradizionale cinese, con la differenza che in quel caso si utilizzano coppe di vetro scaldate a fuoco.

I benefici? Drenanti, destoccanti degli accumuli adiposi, stimolanti sull’afflusso di sangue. La pelle appare quindi più compatta e, secondo le credenze orientali, anche detossinata, disinfiammata ed energizzata.

Cellu-cup strumento per massaggio in silicone (18 euro, su Sephora.it).

Ci vuole cautela, sia nei movimenti, sia nell’intensità: il rischio di procurarsi piccoli lividi e rotture dei capillari è alto. È fondamentale applicare sulla pelle di cosce e glutei un velo d’olio, così da permettere alla coppetta di scorrere bene.

Si poggia sulla pelle e si preme creando un lieve vuoto che “aspira” una piccola sezione di pelle e adipe sottocutaneo nella coppetta, e si procede per lenti movimenti verticali, dal basso verso l’alto della coscia al gluteo, e dal centro del gluteo in orizzontale verso l’esterno, il fianco, ripetendo i movimenti per almeno cinque minuti, senza mai “perdere” la pressione. È sempre bene iniziare a bassa intensità per poi aumentare gradualmente la pressione. Il trattamento, se pur semplice, esige costanza (almeno tre volte la settimana), compatibilmente con la reattività della pelle e la fragilità dei capillari. Resta sconsigliato per pelli sensibili e reattive, così come per chi ha problemi circolatori.


L’articolo Remise en forme e rimedi anticellulite sul divano: 5 idee efficaci anche a casa sembra essere il primo su iO Donna.

- Annuncio pubblicitario -