Illusione del controllo, illudersi credendo che la volontà sia onnipotente

0
- Annuncio pubblicitario -

“Il fronte è una gabbia in cui bisogna aspettare nervosamente cosa accadrà. Siamo sotto la traiettoria delle granate e viviamo nella tensione dell’incertezza. Il caso aleggia sulle nostre teste. Quando arriva un proiettile, il massimo che posso fare è accovacciarmi; non posso sapere dove cadrà, né posso cambiare questo fatto”, scriveva Erich Maria Remarque nella sua straordinaria opera “Niente di nuovo sul fronte occidentale”, in cui racconta gli orrori della prima guerra mondiale.

Lì ha imparato che non poteva combattere contro il caso, il caos e l’incertezza. Ha anche imparato che non poteva controllare tutto. In effetti, ben poche cose erano sotto il suo controllo. Ha imparato a concentrarsi su ciò che dipendeva dalla sua forza e a smettere di preoccuparsi di ciò che era al di fuori del suo controllo.


Per fortuna non viviamo in una trincea e nessun proiettile vola sopra le nostre teste, ma se vogliamo avere più pace interiore e una visione più obiettiva del mondo, dovremmo anche contrastare l’illusione del controllo. Dobbiamo sbarazzarci dell’idea che possiamo controllare tutto ciò che accade e aprirci di più al caso e all’incertezza.

Cos’è l’illusione del controllo?

L’illusione del controllo è la tendenza a sopravvalutare il controllo percepito sugli eventi. In pratica, crediamo di avere un certo controllo, influenza o potere sugli eventi, anche quelli che sono completamente incontrollabili o ampiamente al di là della nostra influenza e volontà. Attribuire le vincite alla lotteria o alle slot machine alla nostra abilità o buona fortuna è un esempio di illusione del controllo, eppure nella vita di tutti i giorni cadiamo continuamente in questa trappola.

- Annuncio pubblicitario -

L’illusione del controllo fa parte di ciò che è noto come pregiudizio causale. Le illusioni causali si riferiscono a convinzioni illusorie sulle relazioni causa-effetto.

Nel caso dell’illusione del controllo, la causa “presunta” sarebbe l’azione, il pensiero, il desiderio o l’intenzione della persona che si verifichi un certo effetto. Se quell’effetto si materializza, la persona cade nell’illusione del controllo perché crede che sia stato causato dal suo comportamento, pensiero, desiderio o volontà, anche se non è così.

Siamo continuamente vittime di questo tipo di illusioni causali, che dipendono in gran parte dal modo in cui interpretiamo le informazioni sul verificarsi degli eventi, dai fattori a cui attribuiamo la loro causa e dai loro risultati.

Per questo motivo, l’illusione del controllo va spesso di pari passo con il pensiero magico. Lo dimostra uno studio condotto all’Università di Princeton. Nell’esperimento, i partecipanti osservarono un’altra persona tirare una palla da basket in miniatura in un canestro. Quando i partecipanti volevano che il giocatore facesse canestro, e questi vi riusciva, credevano che la buona mira fosse in parte dovuta al loro desiderio, anche se era ovvio che le aspettative degli osservatori non potevano avere alcun effetto sul tiro.

Questa tendenza ad attribuire poteri “soprannaturali” alla nostra volontà sulla base di presupposti errati o ingiustificati è chiamata pensiero magico. Questo tipo di pensiero genera spesso idee e spiegazioni infondate in cui non esiste un rapporto causa-effetto verificabile. Tuttavia, spesso ci fa credere di essere onnipotenti, portandoci a pensare di avere più controllo sull’ambiente di quanto ne abbiamo realmente.

Il lato positivo di credere di avere il controllo

L’illusione del controllo genera sicurezza. Ci calma e ci aiuta a dare un senso a un mondo che altrimenti potrebbe sembrare troppo caotico e minaccioso. In effetti, sebbene sia un’illusione, i suoi effetti psicologici sono molto reali.

A volte l’illusione del controllo può essere benefica, soprattutto quando ci aiuta ad assumerci le nostre responsabilità. Ad esempio, quando a una persona viene diagnosticata una malattia, questa potrebbe voler riprendere il controllo apportando modifiche alla dieta e allo stile di vita o seguendo alla lettera le cure mediche.

In tal caso, l’idea di poter cambiare ciò che gli accade è una buona cosa perché gli permette di fare i passi necessari per prendersi più cura di se stessa. È stato anche notato che quando i pazienti ricoverati possono auto-somministrarsi antidolorifici, spesso assumono dosi inferiori a quelle prescritte dai medici, ma non provano più dolore.

Sentire di avere il controllo può anche spingerci ad assumere un atteggiamento più attivo e ottimista, anche se le reali possibilità di successo sono basse. In pratica, l’illusione del controllo può fornirci la dose extra di motivazione di cui abbiamo bisogno. Può diventare un elemento che ci rafforza e ci dà la sicurezza necessaria per affrontare le difficoltà.

- Annuncio Pubblicitario -

Naturalmente, ciò non significa che avremo successo o che raggiungeremo i risultati attesi, ma almeno ci aiuta ad affrontare le avversità e ci permette di continuare ad imparare, tanto da diventare persone più resilienti e mature.

Gli effetti negativi dell’illusione del controllo

Nel bel mezzo della dittatura della Psicologia Positiva, con bestseller come “The Secret-Il segreto” e frasi ottimistiche che adornano tazze e t-shirt, pensare che la nostra volontà non sia onnipotente va controcorrente. Tuttavia, è importante essere consapevoli che l’illusione del controllo ha anche un lato oscuro.

Uno studio condotto presso la Open University Business School ci mette in guardia sugli “effetti avversi” dell’illusione del controllo. Questi ricercatori hanno scoperto che i broker che credono di avere un maggiore controllo sul mercato ottengono risultati peggiori nel loro lavoro. Un altro esperimento condotto alla Stanford University ha confermato che più ci sentiamo potenti, più forte diventa l’illusione del controllo e più ci disconnettiamo dalla realtà.

Infatti, il pericolo maggiore dell’illusione del controllo è che ci rende ciechi di fronte ai segnali provenienti dall’ambiente. Se crediamo di essere “onnipotenti”, è più probabile che ignoriamo i segnali di allarme ambientali che indicano che le cose non sono davvero sotto il nostro controllo. L’illusione del controllo ci rende più insensibili al feedback, il che può fare in modo che ci esponiamo a rischi inutili.

Ci rende anche più vulnerabili al senso di colpa e al rimorso. Se non rispettiamo le forze del caso e crediamo che tutto dipenda dalla nostra volontà o desiderio, sarà più probabile che incolperemo noi stessi per calamità che non hanno nulla a che fare con le nostre decisioni o comportamenti.

Infatti, l’illusione del controllo è alla base della colpa del sopravvissuto, uno stato che genera una profonda sofferenza nella persona che sopravvive all’altra perché è convinta che avrebbe potuto fare qualcosa per salvarla, quando in realtà non è così.

Pertanto, dobbiamo trovare un equilibrio tra ciò che possiamo davvero controllare e ciò che non dipende dalla nostra volontà. Una visione più realistica della portata delle nostre azioni ci consentirà di sviluppare un’immagine più obiettiva del mondo, senza cadere nell’impotenza, ma anche senza pensare di essere onnipotenti. In questo modo possiamo sforzarci di cambiare ciò che possiamo cambiare e accettare ciò che sfugge al nostro controllo, imparando a fluire con le forze della vita. Il risultato non è rassegnazione, è serenità.

Fonti:

Fenton, M. et. Al. (2010) Trading on illusions: Unrealistic perceptions of control and trading performance. Journal of Occupational and Organizational Psychology; 76(1): 53-68.

Fast, N. J. et. Al. (2009) Illusory Control: A Generative Force Behind Power’s Far-Reaching Effects. Psychological Science; 20(4): 502-508.

Pronin, E., Wegner, D. M., McCarthy, K., & Rodriguez, S. (2006). Everyday magical powers: The role of apparent mental causation in the overestimation of personal influence. Journal of Personality and Social Psychology; 91(2): 218–231.

La entrada Illusione del controllo, illudersi credendo che la volontà sia onnipotente se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -
Articolo precedenteGiorgia Palmas si gode gli ultimi giorni di vacanza tra perizoma e bikini bollenti
Prossimo articoloJennifer Lopez, spunta un nuovo video del ricevimento ma lei si infuria
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!