Grosso Guaio a Chinatown: Kurt Russell non era interessato e la sceneggiatura inizialmente era diversa

0
- Annuncio pubblicitario -

Abbiamo deciso di approfondire il film Grosso Guaio a Chinatown, vero e proprio prodotto cult degli anni 80. 






IL FILM

Grosso guaio a Chinatown (Big Trouble in Little China) è un film del 1986, diretta da John Carpenter; è interpretato da Kurt Russell e Kim Cattrall, e mescola elementi da commedia con quelli delle pellicole di arti marziali. In Italia è uscito al cinema venerdì 5 settembre 1986 distribuito dalla 20th Century Fox. 

La pellicola uscì negli Usa 2 luglio 1986; il primo fine settimana incassò la somma di 2,7 milioni di dollari su un totale di 11,1 milioni guadagnati nel solo Nord America. Ciò andò contro le previsioni iniziali, che prevedevano incassi di 25 milioni di dollari. Ottenne risultati migliori nel resto del mondo e si classificò al 27º posto tra i primi 100 film di maggiore incasso della stagione cinematografica italiana 1986-1987.

- Annuncio pubblicitario -

In un articolo sul sito Pills of Movies il film viene definito «un fumetto sfogliato sul grande schermo, che sposa due mondi: quello cinese dei film kung fu e quello americano degli eroi senza macchia. Un’epopea underground che gioca a ribaltare gli stereotipi, sempre all’insegna dell’avventura sfrenata




LA DIFFERENZA DI SCENEGGIATURA E L’INIZIALE DIFFIDENZA DI KURT RUSSELL

Nello script iniziale, la pellicola doveva svolgersi nel vecchio West e avere per protagonista il classico cowboy senza passato che arriva in città e libera la ragazza dalle grinfie del malvagio stregone Lo Pan. Ambientata ai giorni nostri e impreziosita da elementi orientaleggianti nuovi per il cinema del periodo, la pellicola fu un semi flop, incassando negli USA solo 11 milioni di $. In seguito invece il suo valore è stato riconosciuto diventando una pellicola di culto grazie al suo successo in videocassetta e ai numerosi passaggi televisivi.

- Annuncio Pubblicitario -


La prima versione della sceneggiatura venne elaborata da due giovani Gary Goldman e David Z. Weinstein. Durante l’Estate del 1982 presentarono lo script che fu acquistato con la richiesta però di una modifica. Anche la seconda versione non piacque ed i due, dopo aver rifiutato di ambientare il film in epoca odierna abbandonarono il progetto. Lo studio quindi mise sotto contratto lo scrittore W.D. Richter per riscrivere drasticamente la sceneggiatura poiché sentiva che il selvaggio West e gli elementi fantasy non funzionavano per niente. Lo sceneggiatore, infatti, cambiò tutto. Quasi tutto della sceneggiatura originale fu scartato tranne la storia di Lo Pan. Tutto il film fu riscritto in soli 10 settimane. 

Kurt Russell all’inizio non era interessato a recitare nel film perché secondo lui: “C’erano diversi modi per approcciare Jack, ma non sapevo se ce ne fosse uno abbastanza interessante per questo film. 






“Questo è un film difficile da vendere, perché è difficile da spiegare. È una miscela di storia reale della Chinatown di San Francisco miscelata con leggenda e tradizione cinese. È roba bizzarra”.

Tuttavia l’attore era reduce da una serie di insuccessi al botteghino che lo rendevano perplesso sulla riuscita del personaggio. Fu poi il regista a convincerlo.


L’articolo Grosso Guaio a Chinatown: Kurt Russell non era interessato e la sceneggiatura inizialmente era diversa proviene da Noi degli 80-90.

- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteTutte le caratteristiche di un neonato di 8 mesi
Prossimo articoloMamme in Auto: tutto sui dispositivi anti abbandono
Regalino De Vincentiis nasce nel 1 settembre 1974 ad Ortona (CH) in Abruzzo nel cuore della costa adriatica. Inizia ad appassionarsi alla progettazione grafica nel 1994 trasformando la sua passione in lavoro e diventando un grafico. Nel 1998 crea Studiocolordesign, un’Agenzia di comunicazione e Pubblicità rivolta a chi vuole impostare o rinnovare la propria immagine aziendale. Mette a disposizione del cliente la sua competenza e professionalità, per fornire le migliori soluzioni per ottenere un risultato su misura in base alle esigenze e all’identità dell’azienda.