Anche le relazioni scadono – bisogna sapere dire addio al momento giusto

0
- Annuncio pubblicitario -
lasciare andare le relazioni che non funzionano

Siamo accumulatori nati. Accumuliamo cose, esperienze, sentimenti, credenze, abitudini. E, naturalmente, relazioni. Cresciuti nella cultura del “di tutto e di più”, concepiamo la vita come una aggiunta incessante. Eliminare non ci piace. Di conseguenza, non è difficile che terminiamo portando un pesante bagaglio emotivo o trasciniamo delle relazioni scadute.

Normalmente ci vuole più coraggio per lasciare andare una persona con cui abbiamo condiviso sogni e disperazione piuttosto che trattenerla. Di solito è più facile aggrapparsi che lasciar andare, perché spesso porre fine a queste relazioni è come lasciare andare una parte di noi stessi, una sensazione condivisa che forse non rivivremo mai più. Ma a volte per andare avanti bisogna accettare che certe relazioni abbiano perso la loro ragion d’essere.

Le relazioni che non si aggiornano finiscono per languire

Niente è permanente, tanto meno le relazioni. Ma poiché gli addii ci costano, spesso rendersi conto che una relazione è scaduta diventa fonte di sofferenza.

Le relazioni possono raffreddarsi per un’infinità di motivi, dall’interruzione della condivisione di valori, interessi, aspirazioni e progetti, alla comparsa di conflitti o semplicemente perché ogni persona prende un corso diverso nella vita.

- Annuncio pubblicitario -

La verità è che, se guardiamo indietro, vedremo che pochissime persone mantengono la stessa posizione di fiducia e complicità. Anche se è doloroso, è un fenomeno normale. La vita cambia e noi cambiamo con la vita. Esperienze diverse e modi diversi di affrontarle possono condurci su strade che divergono.

Cambiamo con gli anni e i danni. Non siamo la stessa persona di dieci anni fa, e nemmeno dell’anno passato. Se non aggiorniamo le nostre aspettative e le forme di relazionarci, è probabile che la relazione finisca per cadere sotto il suo stesso peso, come una foglia appassita in autunno.

Quando ciò accade, quando la connessione che ci ha uniti si perde, mantenere la relazione può finire per causare più danni che benefici. Per evitare che qualcosa che era bello degeneri, dobbiamo imparare a chiudere i cerchi della vita.

Lasciare andare le relazioni che non funzionano è anche una dimostrazione di amore e rispetto

Il passare degli anni non ci rende immuni agli addii, soprattutto quando intuiamo che non si può tornare indietro o che quella persona ha avuto un ruolo importante nella nostra vita.

Infatti, a volte non ci aggrappiamo alla persona, ma al sentimento di connessione che avevamo sperimentato, quel legame speciale che avevamo creato e tutti i significati che racchiude nella nostra mente. Il filosofo Matthew Ratcliffe si riferisce a questo fenomeno come allo “spazio relazionale condiviso”.

- Annuncio Pubblicitario -

In pratica, ogni relazione porta con sé un bagaglio emotivo fatto di esperienze condivise e sentimenti gratificanti, dalla sicurezza e fiducia che sperimentiamo con qualcuno alla gioia o spontaneità. Spesso troviamo difficile separarci da quello spazio relazionale, quindi iniziamo a sperimentare “una tensione continua tra due mondi, un passato che si continua ad abitare e un presente che è privo di significato e sembra curiosamente distante”, come dice Ratcliffe.

Tuttavia, lasciare andare nel momento giusto eviterà che i conflitti si aggravino e le differenze avvelenino la relazione. Quando ciò accade, quando ci aggrappiamo troppo a lungo a una relazione scaduta, i bei ricordi si trasformano in rimproveri. La gioia condivisa si trasforma in amara delusione.

Per questo lasciare andare le relazioni scadute non è solo una dimostrazione di amore per se stessi, ma anche di rispetto per l’altro e per ciò che abbiamo vissuto. Noi cambiamo e le nostre relazioni si trasformano – che ci piaccia o meno. Non è colpa di nessuno. Dobbiamo solo accettare che, anche se fa male, è necessario mettere fine a qualcosa che non ha più futuro.

I ricordi possono essere preziosi, purché restino nel passato e noi non viviamo di essi. Purché non ci costringano a mantenere abitudini con le quali non ci identifichiamo più o purché non ci condannino a vivere in una reciprocità indesiderata che genera più insoddisfazione che gioia.

L’ideale è lasciare andare le relazioni al momento giusto. Quel momento in cui ci rendiamo conto che non possiamo continuare ad apportarci reciprocamente qualcosa di buono. Non possiamo continuare a crescere fianco a fianco. Non siamo persone migliori insieme, ma peggiori. Quel momento in cui ci rendiamo conto che la relazione ha perso il suo significato e non ha prospettive di miglioramento, per quanto ci sforziamo. Lasciarla andare in quel momento ci risparmierà molti problemi e conserverà un ricordo prezioso, evitando che quel prezioso “spazio relazionale condiviso” venga completamente contaminato.

Fonte:

Ratcliffe, M. (2021) Sensed presence without sensory qualities: a phenomenological study of bereavement hallucinations. Phenomenology and the Cognitive Sciences; 20: 601–616.

La entrada Anche le relazioni scadono – bisogna sapere dire addio al momento giusto se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -
Articolo precedenteAlba Parietti è dimagrita e il suo segreto è super hot: ecco qual è
Prossimo articoloMartina Strazzer e il fidanzato si sono lasciati: le ipotesi sui motivi della rottura
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!