Senso di inadeguatezza: smetti di sentirti non all’altezza e abbraccia il tuo “io” imperfetto

0
- Annuncio pubblicitario -
senso di inadeguatezza

Ti chiedi costantemente se sei abbastanza bravo? O se sei abbastanza competente? O se puoi farcela ad ogni passo che fai? Se è così, è possibile che provi un senso di inadeguatezza, non ti senti all’altezza.

Ovviamente, tutti possiamo dubitare di noi stessi di tanto in tanto. Tutti ci siamo sentiti inadeguati, abbiamo pensato che un progetto fosse al di là delle nostre capacità o abbiamo dubitato delle nostre forze, ma quando questa sensazione non scompare diventa un problema perché non solo limita notevolmente le tue potenzialità, ma ti impedisce anche di crescere come persona.

Cos’è il senso di inadeguatezza e da dove viene?

Il senso di inadeguatezza è un sentimento che nasce dal profondo dell’io. Si presenta quando sentiamo di non essere capaci o abbastanza bravi. Ma di non ha nulla a che fare con le nostre effettive prestazioni o capacità, è più una sensazione che una constatazione.

Il senso di inadeguatezza, infatti, è più legato alla bassa autostima, alla scarsa fiducia in se stessi e al complesso d’inferiorità che a qualsiasi misura oggettiva di capacità o competenza. Pertanto, di solito deriva da vecchie insicurezze o mancanze che abbiamo iperbolizzato mentalmente.

- Annuncio pubblicitario -

Nessuno nasce sentendosi inadeguato. Le esperienze nel corso della vita e il modo in cui le elaboriamo sono ciò che crea quel sentimento dentro di noi.

Secondo la teoria dell’attaccamento, il senso di inadeguatezza può formarsi molto presto nella vita. Il legame con i nostri genitori può influenzare il livello di fiducia in noi stessi e modellare la nostra autostima, quindi se abbiamo avuto una relazione distante o ci sentiamo rifiutati, potremmo incolpare noi stessi e sviluppare l’idea che non siamo abbastanza capaci.

Anche le relazioni tossiche in età adulta, così come l’eccessiva pressione sociale, possono modificare la nostra struttura psicologica, facendoci dubitare di noi stessi, portandoci a credere di non essere abbastanza capaci, intelligenti, atletici…

Ovviamente, tutte quelle esperienze negative vanno configurando i nostri filtri mentali, dando voce al nostro dialogo interiore. Di conseguenza, possiamo sviluppare una visione pessimistica che ci porta a esagerare i nostri errori o a concentrarci esclusivamente sui fallimenti. Così alimentiamo un’immagine negativa delle nostre capacità e potenzialità.

A lungo andare, questa sensazione di insufficienza finisce per generare una profonda insoddisfazione interiore e si ripercuote sulla nostra salute mentale. Uno studio condotto presso l’Università di Valparaiso, ad esempio, ha scoperto che questa sensazione è alla base dei disturbi alimentari. È anche alla base della depressione e, in molti casi, dell’ansia.

Come superare una volta per tutte il senso di inadeguatezza?

1. Modifica le tue aspettative. Se non sei mai all’altezza delle tue aspettative e dei tuoi ideali, il problema potrebbe essere che hai aspettative irrealistiche su te stesso e su ciò che puoi realizzare. In tal caso, devi riflettere sui tuoi obiettivi, sogni e ideali. Se ti prefiggi continuamente obiettivi irraggiungibili, non sorprende che finisci per sentirti frustrato. Pertanto, cerca di sviluppare una visione più obiettiva che tenga conto anche dei tuoi limiti e adegua i tuoi obiettivi a tali capacità.

2. Sviluppa la fiducia emotiva. Ti sei mai sentito male per esserti sentito male? Se ti senti come se non fossi all’altezza, è probabile che i sentimenti che quella sensazione genera ti facciano sentire ancora peggio, sprofondandoti in una spirale tossica. Invece, la fiducia emotiva è la capacità di sedersi e gestire le emozioni spiacevoli invece di cercare di evitarle o “ripararle” subito. Pertanto, la prossima volta che ti senti male, non cercare di sfuggire, prendi nota di ciò che provi e cerca di capire quale messaggio c’è dietro.

- Annuncio Pubblicitario -

3. Smetti di confrontarti. Theodore Roosevelt disse che “i paragoni ci rubano la nostra gioia”. Non aveva torto. Molte volte la sensazione di inadeguatezza nasce dal confronto con gli altri, in particolare nell’era dei social network, dove è facile accedere a profili illusori di persone che seguono uno stile di vita molto diverso dal tuo. Questi confronti possono farti sentire come se non fossi all’altezza, portandoti a dubitare delle tue capacità. Tuttavia, ogni persona è unica e speciale a modo suo, quindi non ha senso confrontarsi con gli altri.

4. Ricorda che non sei il tuo passato. Non c’è niente di sbagliato nel pensare al tuo passato, compresi gli errori che hai commesso. Infatti, uno dei modi principali per evitare di inciampare due volte nella stessa pietra è analizzare cosa abbiamo sbagliato. Questa è una sana riflessione. Ma rimuginare sui problemi non è salutare perché porta a sensi di colpa, vergogna, rimpianto e, naturalmente, al senso di inadeguatezza. Non hai bisogno di ricordare a te stesso ad ogni passo cosa hai fatto di sbagliato perché non sei più la stessa persona. Ricorda che le esperienze e il tempo ti cambiano, quindi la prossima volta che inizi a rimuginare su un errore del passato, chiediti: continuare a pensare a questo aiuta davvero qualcuno?

5. Sostituisci il “ma” con “e”. È una parola breve, ma molto potente, soprattutto se usata per sostituire i “ma”. Questo semplice esercizio psicologico ti dà la possibilità di apprezzare un quadro più completo ed equilibrato di quanto sta accadendo, andando oltre la frase “non sono all’altezza”. Quando dici “ma”, cancelli istantaneamente tutto il buono di prima, sostituendolo con il negativo che viene dopo. Quando usi “e” equilibri la frase perché riconosci sia gli errori che i successi.

6. Espandi la tua visione. La società vuole farci credere che l’adeguatezza e la sufficienza derivino dal successo in alcune aree della vita: finanza, fama, risultati professionali, aspetto fisico o felicità in una relazione. Ciò restringe la tua visione e, di conseguenza, non è raro sentirsi a disagio e inadeguati se non sei abbastanza ricco, famoso, potente, attraente o innamorato. Ma una buona vita, la felicità e la soddisfazione derivano da altri valori, come la curiosità, la capacità di apprezzare la bellezza o la serenità. Espandere la tua visione ti aiuterà a valutare altre cose oltre i comandamenti sociali.


7. Fai riposare il tuo “io” migliore. Anche se tutti ti dicono che devi mostrare la tua faccia migliore e devi sforzarti di essere migliore ogni giorno, quella pressione permanente finisce per essere estenuante. Concediti il ​​permesso di non essere all’altezza, di non avere tutto sotto controllo, di avere una brutta giornata o addirittura di perdere la calma. Sforzandoci duramente di dare il nostro meglio, ci stiamo dicendo inconsciamente che essere ciò che siamo non è abbastanza. Quindi cerca di essere più autentico e goditi le esperienze man mano che arrivano, incluse conversazioni imbarazzanti, disavventure relazionali e fallimenti. Sono cose che accadono e non devono determinare il tuo valore come persona.

Fonti:

Lindqvist, H. et. Al. (2017) Resolving feelings of professional inadequacy: Student teachers’ coping with distressful situations. Teaching and Teacher Education; 64: 270-279.

Behar, R. & Arancibia, M. (2014) El sentimiento de insuficiencia personal como rasgo nuclear en los trastornos de la conducta alimentaria. Trastornos del Ánimo; 10(2): 122-133.

Guindon, M. H. (2002) Toward Accountability in the Use of the Self‐Esteem Construct. Journal of Counseling & Development; 80(2): 204-214.

La entrada Senso di inadeguatezza: smetti di sentirti non all’altezza e abbraccia il tuo “io” imperfetto se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -
Articolo precedenteDemi Moore e Bruce Willis presto nonni: la figlia Rumer annuncia la prima gravidanza
Prossimo articoloCharlene di Monaco è incinta? Mentre il gossip impazza, Alberto usa parole al miele per lei
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!