La Regina degli Scacchi (The Queen’s Gambit) recensione

0
- Annuncio pubblicitario -

Ho appena finito di vedere una delle miniserie, secondo me, più belle e ben fatte degli ultimi tempi, come si evince dal titolo “La Regina degli Scacchi” titolo originale (The Queen’s Gambit) prodotta in esclusiva da Netflix.



La trama è tutt’altro che scontata, non mancano ne i colpi di scena ne la suspense, ambientato  a cavallo tra gli anni’50 e ’60, nell’America dove le donne erano mogli e mamme, ma la protagonista e da subito diversa.

La cosa che più mi ha colpito è l’attrice, sia la bambina ma soprattuto da adulta, interpretata da una spettacolare Anya Taylor-Joy, attrice statunitense, l’espressione dei suoi occhi e del suo corpo sono una cosa fantastica, una semplice partita di scacchi diventa tutt’altro che noiosa, anzi adrenalina pura.

Anya Taylor-Joy

Nella serie si chiama Elizabeth Harmon, che si fa chiamare sempre Beth, inizia la sua storia in orfanotrofio a 9 anni, e diventa da subito, dopo un’incontro inaspettato con il custode nel seminterrato, una straordinaria giocatrice di scacchi, fino ad arrivare passando per svariati tornei e sprofondando nei fumi dell’alcol e delle pillole, a scontrarsi con il campione del mondo, il russo Borgov, ed è proprio in Russia che si lascia alle spalle il baratro grazie l’ancora di salvezza per eccellenza “l’amicizia”.

- Annuncio pubblicitario -

- Annuncio Pubblicitario -


L’ambientazione è perfetta, sia i costumi che le scenografie sono perfette, non ho trovato difetti ma solo pregi, i dialoghi sono scorrevoli e le scene mai noiose.

Non voglio spoilerare più di così, quindi vi dico solo che sarà una lunga avventura, di 7 puntate da circa 1 ora ogni una, un susseguirsi di colpi di scena, incontri e rotture con i vari personaggi della miniserie.

Una cosa è certa vi terrà incollati allo schermo dall’inizio fino alla fine.

- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteLe parole sono come pietre
Prossimo articoloI modelli più sicuri e rilassanti di dondolo per neonato
Regalino De Vincentiis nasce nel 1 settembre 1974 ad Ortona (CH) in Abruzzo nel cuore della costa adriatica. Inizia ad appassionarsi alla progettazione grafica nel 1994 trasformando la sua passione in lavoro e diventando un grafico. Nel 1998 crea Studiocolordesign, un’Agenzia di comunicazione e Pubblicità rivolta a chi vuole impostare o rinnovare la propria immagine aziendale. Mette a disposizione del cliente la sua competenza e professionalità, per fornire le migliori soluzioni per ottenere un risultato su misura in base alle esigenze e all’identità dell’azienda.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.