La propaganda oggi: come si è trasformata per continuare a manipolarci?

0
- Annuncio pubblicitario -

propaganda oggi

Propaganda. Sembra una parola antiquata. Tipica di altri tempi. Di un’altra generazione. Eppure, la propaganda non è mai scomparsa. Infatti, oggi è più attiva che mai. Il suo punto di forza è proprio che quasi nessuno la nota, quindi può assolvere perfettamente agli obiettivi per cui è stata concepita. Come disse lo psicologo Noam Shpancer, “Se non senti parlare molto di propaganda, questa è ciò che stai ascoltando”.

La lontana origine della propaganda

La propaganda è sempre esistita, fin dall’antica Grecia. Tuttavia, il termine stesso risale al 17° secolo, quando la Chiesa cattolica si sforzò di propagare le sue opinioni e la sua visione del mondo al fine di frenare l’ascesa del protestantesimo.

Infatti, il primo documento storico in cui compare la parola “propaganda” risale al 1622, quando papa Gregorio XV istituì la Sacra Congregatio de Propaganda Fide o “sacra congregazione per la propagazione della fede della Chiesa cattolica e romana”. Fu allora quando si istituì un ufficio di propaganda pontificio per coordinare gli sforzi della Controriforma contro il luteranesimo.

Da allora è passato molto tempo. Dopo essere passato attraverso la propaganda nazista di Joseph Goebbels e la propaganda di entrambe le parti della Guerra Fredda, questo concetto ha gradualmente assunto un alone negativo che rimanda fondamentalmente a menzogne ​​interessate, generalmente promosse da alcuni sistemi di controllo sociale per cercare di manipolare l’opinione pubblica.

- Annuncio pubblicitario -



Che cos’è esattamente la propaganda?

Il Propaganda Analysis Institute degli Stati Uniti l’ha definita “l’espressione di un’opinione o di un’azione di individui o gruppi deliberatamente progettata per influenzare le opinioni o le azioni di altri individui o gruppi in riferimento a fini predeterminati”.

Pertanto, la propaganda consiste nella diffusione di informazioni parziali o ingannevoli che vengono utilizzate per promuovere o pubblicizzare una particolare causa o punto di vista politico con l’obiettivo di influenzare l’opinione pubblica e gli individui in particolare.

La propaganda ha un duplice obiettivo. Da un lato, cerca di plasmare le opinioni delle persone su un determinato argomento offrendo un’interpretazione parziale e, dall’altro, cerca di spingere quelle stesse persone all’azione in modo che cambino il loro mondo e supportino determinate idee.

I principi machiavellici della propaganda

L’American Psychological Association indica che “la propaganda fa poco uso delle tecniche che aiutano le persone a gestire il proprio comportamento in modo intelligente e scommette di più su quelle che inducono l’individuo a seguire i propri impulsi emotivi e non razionali”.

Elenca i quattro principi della propaganda usati per manipolare l’opinione pubblica:

1. Fai appello alle emozioni, non discutere mai

2. Concentra la propaganda sul modello: “noi” contro un “nemico”

3. Raggiungi gruppi e individui

4. Nascondi la propaganda il più possibile

In effetti, la propaganda più efficace è quella rivolta a un pubblico che non è consapevole dell’uso di questo tipo di informazioni manipolate su di esso. Pertanto, la propaganda non è uno spettacolo di magia, ma piuttosto una truffa a tutti gli effetti. Una mente che non è addestrata a rilevare e neutralizzare la propaganda è una mente ingenua e facilmente manipolabile.

In questo senso, non è un segreto che la propaganda sia stato uno strumento efficace utilizzato sia dalla Germania che dagli Stati Uniti per influenzare l’opinione delle rispettive popolazioni per “spiegare” come dovrebbero vedere il lato opposto. Attraverso manifesti, film, radio e altri media, i governi hanno influenzato la popolazione perché sostenga la loro causa.

Dopo ripetute esposizioni a questo tipo di propaganda, un fenomeno noto come “priming a ripetizione”, le persone hanno iniziato a credere e difendere ciò che ogni governo aveva detto loro. Per loro, la propaganda è diventata la verità.

In che modo la propaganda disattiva la nostra capacità critica?

Lo psicologo E. Bruce Goldstein ritiene che la propaganda funzioni attraverso il priming, che “si verifica quando la presentazione di uno stimolo cambia il modo in cui una persona risponde a un altro stimolo”. Infatti, la scienza ha confermato che quando siamo esposti ad affermazioni che abbiamo letto o sentito in precedenza, è più probabile che le valutiamo come vere. Questo è noto come “effetto illusorio di verità indotto dalla ripetizione“.

- Annuncio Pubblicitario -


In realtà, quando ascoltiamo una storia o un punto di vista che si allinea con le nostre convinzioni, è meno probabile che lo mettiamo in discussione. Non c’è dissonanza cognitiva. Potremmo anche sentirci bene perché abbiamo la conferma di ciò che pensavamo. Di conseguenza, non controlliamo tali informazioni perché riteniamo che siano “corrette”.

Questa trappola in cui cadiamo si verifica a causa di un complesso processo a livello cerebrale. Il nostro cervello ha una “rete di controllo esecutivo” che è principalmente responsabile del nostro atteggiamento critico e del pensiero. Tuttavia, una ricerca condotta presso la Harvard Medical School ha rivelato che la paura, come la paura degli stranieri, degli immigrati o dei diversi, può disattivare quella rete.

In altre parole, la paura rende più difficile per il nostro cervello pensare in modo critico e oggettivo, quindi quando viene attivata questa emozione – una delle preferite della propaganda – è più difficile per noi rilevare le informazioni false e siamo più vulnerabili alle bugie e le manipolazioni.

La propaganda partecipativa nell’era dei social network

Prima, la propaganda era fondamentalmente dominata dal sistema di potere, che esercitava la censura sui media come giornali, radio e televisione. Attualmente, Internet e i social network hanno cambiato quel controllo ferreo diventando un megafono per dare la parola alle voci dissenzienti.

In questo contesto è emerso un nuovo modo di manipolare l’opinione pubblica, la propaganda partecipativa o la propaganda peer-to-peer. È un universo in cui ogni persona replica il messaggio di propaganda sulle proprie reti, coinvolgendosi ancora di più, sentendosi più identificata con quelle idee e, ovviamente, aiutando ad affermarle come vere, esercitando a sua volta pressioni sulle persone che la seguono su quei social network.

“La propaganda partecipativa cerca di offrire un nuovo modo per ripristinare la sovranità statale sulle persone in un nuovo ambiente informativo e per ricostruire i muri che sono stati demoliti dalle reti orizzontali globali di comunicazione. Il suo obiettivo è mitigare la capacità di queste reti di sfidare la sovranità dello Stato. Se lo stato non può controllare il flusso di informazioni e comunicazioni, si concentra sul modo in cui queste informazioni vengono interpretate e analizzate.

“La propaganda partecipativa ripristina la sovranità statale dall’interno. Ha lo scopo di costruire pareti negli spazi interni della persona, configurando categorie di percezione dell’ambiente. In primo luogo, costruisce l’oggetto di un conflitto che può potenzialmente dividere le persone, e poi gli fornisce gli strumenti tecnologici per gestire quell’idea propagandistica”, dice l’accademico e giornalista Gregory Asmolov per il Massachusetts Institute of Technology.

La propaganda, soprattutto sui social network, diventa strumento di polarizzazione e disconnessione. Genera una socializzazione del conflitto. Esclude chi la pensa diversamente e crea bolle che sanciscono una sola visione dei fatti. Di conseguenza, il dialogo si interrompe. Il pensiero logico scompare. Vince la propaganda.

Pensare liberamente sotto l’assedio della propaganda

La propaganda non solo mette a tacere il nostro pensiero critico, ma rompe anche i ponti di comprensione con l’altro e, quel che è peggio, ci condanna all’oscurantismo, alimentando una visione parziale ed estremamente semplificata di problemi complessi e multideterminati. Di conseguenza, diventiamo pedine facilmente manipolabili disposte a seguire ciecamente certe dottrine.

Per sfuggire alla propaganda dobbiamo attivare il nostro pensiero critico e disattivare le nostre paure. Assumendo che qualsiasi mezzo può diffondere propaganda. Ogni volta che qualcuno ci dice cosa pensare e da che parte stare, dovrebbe suonare un campanello d’allarme. Ogni volta che la narrativa ufficiale vira in una direzione, dovremmo insospettirci. E soprattutto, per sfuggire alla propaganda non dobbiamo pensare di essere immuni alla stessa.

Fonti:

Asmolov, G. (2019) The Effects of Participatory Propaganda: From Socialization to Internalization of Conflicts. JoDS; 6: 10.21428.

Nierenberg, A. (2018) Why Does Propaganda Work? Fear-Induced Repression of the Executive Control Brain Network. Psychiatric Annals; 48(7): 315.

Goldstein, E. B. (2015) Cognitive Psychology: Connecting Mind, Research, and Everyday Experience (4th Ed.). S.l.: Wadsworth.

Biddle, W. W. (1931). A psychological definition of propaganda. The Journal of Abnormal and Social Psychology; 26(3): 283–295.

La entrada La propaganda oggi: come si è trasformata per continuare a manipolarci? se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteMaglia Rosa, un colore sempre più sbiadito
Prossimo articoloNon è la felicità o il piacere, ma il senso della vita che protegge il nostro cervello
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!