Soffri di ansia? Forse è dovuto alla bassa autostima

0
- Annuncio pubblicitario -

L’ansia può diventare molto angosciante. Ti priva della calma e dell’equilibrio facendoti sprofondare nell’apprensione. Le preoccupazioni prendono il sopravvento, togliendoti il respiro. In quello stato, la vita di tutti i giorni diventa una sfida.

I sintomi dell’ansia generano un tale disagio che è comprensibile che ti concentri su quelle sensazioni e desideri che scompaiano il prima possibile. Essere in balia di pensieri ricorrenti, avere difficoltà a dormire, sentirsi paralizzati o addirittura sull’orlo della morte quando si ha un attacco di panico non è affatto piacevole.

Tuttavia, mentre questi sintomi possono essere molto dolorosi, spesso c’è un problema di fondo più profondo che deve essere affrontato. A volte il problema di fondo non è l’ansia, ma la bassa autostima. In tal caso, quando migliorerai l’immagine che hai di te stesso, migliorerai anche la tua capacità di gestire gli alti e bassi della vita senza provare i morsi dell’ansia.

Qual è la relazione tra bassa autostima e ansia?

Nel 2019 un gruppo di psicologi vietnamiti e olandesi realizzarono uno studio con più di 1.000 adolescenti e giovani. Scoprirono che “quelli con una bassa autostima avevano il doppio delle probabilità di sviluppare i sintomi dell’ansia, rispetto a quelli con un’autostima adeguata “.

- Annuncio pubblicitario -

Non è la prima ricerca a rivelare una relazione tra bassa autostima e ansia. Nel 1993, psicologi delle università dell’Arizona e del Colorado affermarono che “l’autostima funge da cuscinetto contro l’ansia”. Scoprirono che un’adeguata autostima riduce le distorsioni difensive che sono spesso alla radice dell’ansia.

Un anno prima, questi stessi psicologi svilupparono un esperimento in cui scoprirono che l’aumento dell’autostima riduce notevolmente l’ansia in diverse situazioni, dalla prospettiva della morte all’anticipazione di uno stimolo doloroso.

In realtà, la bassa autostima agisce come una minaccia “interna”. Quell’immagine negativa erode il tuo benessere, così diventi il ​​tuo peggior nemico. Infatti, il tuo cervello emotivo, il cui compito è avvisarti delle minacce, non distingue tra i pericoli esterni e quelli creati dalla tua mente.

Rileva semplicemente i pensieri disadattivi, catastrofici e pessimistici generati da una bassa autostima e li etichetta come una minaccia per il tuo equilibrio psicologico. Quindi rispondi con ansia, condannandoti a vivere in uno stato permanente di lotta-fuga. Il cortisolo sale alle stelle e le tue prestazioni precipitano. In questo modo, l’ansia finisce per rafforzare la bassa autostima, facendoti credere di non essere capace di nulla. Ti paralizza.

I 3 segnali che rivelano che dietro l’ansia c’è la bassa autostima

1. Pensare troppo al rifiuto

Il rifiuto fa male, non c’è dubbio. A nessuno piace sentirsi escluso o rifiutato. Tuttavia, la maggior parte delle persone elabora queste esperienze e va avanti. Al contrario, coloro che hanno una bassa autostima tendono a rimanere bloccati in esperienze di esclusione e disapprovazione, consentendogli di determinare il proprio valore e i sentimenti che provano nei confronti di se stessi.

Quindi, se ti stai soffermando sulla possibilità che gli altri ti rifiutino, escludano o disapprovino il tuo comportamento, potresti essere bloccato in un ciclo di ricerca dell’accettazione. Dal momento che non sei convinto del tuo valore, hai bisogno di un flusso costante di conferme esterne, quindi finisci per dipendere dalle opinioni degli altri.

Quella ricerca di approvazione ti farà interessare di più all’immagine che proietti. Inizierai a dubitare ad ogni passo. Ti chiederai come interpreteranno le tue parole e i tuoi atteggiamenti. Svilupperai un atteggiamento ipervigile con i tuoi “difetti” e ti preoccuperai eccessivamente. Di conseguenza, l’ansia andrà alle stelle.

Invece di consumare un’enorme quantità di energia per cercare l’approvazione degli altri, concentrati sull’accettazione di te stesso e impara ad amarti. Non hai bisogno che nessuno ti ricordi quanto vali. Circondati di persone che ti amano e ti accettano per quello che sei, non di persone che devi “conquistare” e impressionare.

2. Scappare dalle sfide

Le sfide sono opportunità di crescita. Ogni volta che affrontiamo una nuova situazione, impariamo o diventiamo più forti. Ma le persone con una bassa autostima hanno paura di correre dei rischi e non amano essere coinvolte in attività impegnative. Preferiscono rimanere nella loro zona di comfort.

Il problema è che, col tempo, quella zona di comfort si restringe sempre di più e la prospettiva di lasciare quello spazio in cui tutto è più o meno controllato inizia a generare ansia o addirittura panico. L’ansia può impedirti di affrontare nuove sfide e fare ciò che ti aiuterà a diventare più sicuro di te stesso.

- Annuncio Pubblicitario -


Non è un caso che uno studio condotto presso l’Università di Durham abbia rilevato che le persone con bassa autostima e ansia mettono in atto strategie fondamentalmente evitanti e repressive, cioè, preferiscono scappare dai problemi invece di affrontarli.

Ma se scappi dalle sfide non sarai mai in grado di metterti alla prova e sapere fino a che punto sei in grado di arrivare. Se permetti alla bassa autostima e all’ansia di delineare il tuo mondo disegnando le peggiori catastrofi, rimarrai in uno spazio molto piccolo in cui non potrai mai sviluppare tutto il tuo potenziale.

Invece di rimanere bloccato nella tua testa, torna al presente. Ogni volta che noti che i tuoi pensieri stanno seguendo i percorsi dell’apprensione, torna al presente e genera idee più realistiche. Più ti fidi di te stesso, delle tue abilità e della tua capacità di gestire ciò che accade, meno ansia sperimenterai e meglio sarai in grado di affrontare i problemi.

3. Essere un perfezionista

Perfezionismo, bassa autostima e ansia spesso vanno di pari passo. Il fattore comune è solitamente il divario tra aspettative e realtà; cioè la differenza tra come stanno le cose e come vuoi che siano. Le persone con un’adeguata autostima si accettano e si sentono bene con chi sono e cosa fanno, quindi non devono lottare per qualcosa di incredibilmente perfetto.



Invece, le persone con bassa autostima cercano di “alleviare” le loro continue delusioni attraverso la ricerca della perfezione. È difficile per loro sentirsi completamente soddisfatti dei loro risultati, semplicemente perché provano un’insoddisfazione interiore per se stessi. Sebbene raggiungano cose incredibili, l’idea di non aver raggiunto la perfezione mette in ombra il successo, alimentando un’immagine negativa di se stessi.

Quel bisogno di perfezione può farti sentire come se ci fosse sempre un errore da correggere o un problema da risolvere. Ciò alimenta il sovraffaticamento, portando l’ansia a livelli stratosferici. Il perfezionismo può essere estenuante ed estremamente demoralizzante se lasciato incontrollato. Ricorda che la perfezione è una chimera. È più produttivo spendere tutta quell’energia in compiti che ti fanno sentire bene, invece di inseguire ideali impossibili.

Infine, se soffri di ansia, è comprensibile che cerchi di trovare diversi modi per uscire da questo stato, ma considera che se questi tentativi non hanno successo, possono accentuare la sensazione di fallimento, che alimenterà una bassa autostima e aumenterà ancor di più l’ansia, chiudendo un circolo vizioso dal quale sarà sempre più difficile uscire.

Per non rimanere bloccati in quel ciclo, è meglio cercare un aiuto professionale. L’ansia può essere gestita in modo che non diventi un impedimento nella tua vita, ma a volte è necessario avere qualcuno che ti guidi nel sviluppare e applicare le strategie appropriate ed evitare le ricadute.

Fonti:

Benéitez, B. (2022) ¿Qué es el ‘yo’ en Psicología?: Las claves de cómo nos percibimos a nosotros mismos. In: La Vanguardia.

Fernandes, B. et. Al. (2022) The Mediating Effects of Self-Esteem on Anxiety and Emotion Regulation. Psychological Reports; 125(2): 787-803.

Nguyen, D. et. Al. (2019) Low Self-Esteem and Its Association With Anxiety, Depression, and Suicidal Ideation in Vietnamese Secondary School Students: A Cross-Sectional Study. Front Psychiatry; 10: 698.

Greenberg, J. et. Al. (1993) Effects of Self-Esteem on Vulnerability-Denying Defensive Distortions: Further Evidence of an Anxiety-Buffering Function of Self-Esteem. Journal of Experimental Social Psychology; 29(3): 229-251.

Greenberg, J. et. Al. (1992) Why do people need self-esteem? Converging evidence that self-esteem serves an anxiety-buffering function. Journal of Personality and Social Psychology; 63(6): 913–922.

La entrada Soffri di ansia? Forse è dovuto alla bassa autostima se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteCarlotta Dell’Isola shock su Nello: scoppia la crisi a poche settimane dalle nozze
Prossimo articoloWanda Nara e Mauro Icardi, il loro amore è al capolinea? Tutti gli indizi sul loro presunto divorzio
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!