Quanti abbracci servono per essere felici?

0
- Annuncio pubblicitario -

quanti abbracci ci vogliono per essere felici

Gli abbracci sono un modo particolarmente intimo e intenso di esprimere le emozioni. Attraverso un abbraccio possiamo trasmettere la nostra felicità o la tristezza. Possiamo dire a una persona che può contare su di noi incondizionatamente o che capiamo il suo stato d’animo. E tutto senza dover ricorrere alle parole.

Ma abbracciare non ci aiuta solo a connetterci con gli altri ed esprimere ciò che proviamo. Dare abbracci fa bene alla salute, al cervello e, naturalmente, al nostro equilibrio emotivo.

In che modo gli abbracci influenzano il nostro cervello?

Quando qualcuno ci abbraccia, quel contatto attiva i recettori di pressione che abbiamo sulla pelle, noti come corpuscoli Pacini, che rispondono principalmente alla pressione profonda. Questi recettori inviano immediatamente una serie di segnali di calma al nervo vago per, tra le altre cose, disattivare l’area del cervello che risponde alle minacce e ci mantiene tesi.

In quel momento iniziamo a sentirci bene perché quel nervo si collega alle fibre nervose che raggiungono diversi nervi cranici e svolgono un ruolo importante nel regolare la maggior parte delle funzioni chiave del nostro corpo, compresa la pressione sanguigna.

- Annuncio pubblicitario -

Come risultato dell’abbraccio e della stimolazione del nervo vago, la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna diminuiscono. Anche la frequenza respiratoria rallenta, il che ci aiuta a respirare più profondamente e completamente.

In effetti, il nervo vago svolge un ruolo importante nel sistema parasimpatico, che sarebbe una sorta di freno a mano del sistema nervoso che si attiva quando siamo troppo stressati o siamo sovraeccitati. Pertanto, stimolare il nervo vago attraverso l’abbraccio ci consente di riprenderci dalla tensione, allevia l’agitazione e ci aiuta a sviluppare uno stato di calma e benessere.

Attraverso questo meccanismo, gli abbracci arrivano ad “hackerare” il nostro cervello. Infatti, stimolano la produzione di dopamina, un neurotrasmettitore noto come “l’ormone del piacere” poiché genera una piacevole sensazione di soddisfazione che aiuta ad alleviare lo stress e la tensione.

È stato anche visto che l’abbraccio aumenta la produzione di ossitocina, nota come “l’ormone dell’amore”, che ci consente di connetterci emotivamente con altre persone e ci incoraggia a fidarci di loro.

Soprattutto, i vantaggi dell’abbraccio sono immediati. Uno studio condotto presso l’Advanced Telecommunications Research Institute International di Kyoto ha indotto un gruppo di persone a parlare per 15 minuti con i loro partner, poi alcuni hanno ricevuto un abbraccio e altri no.



Nel valutarne i parametri fisiologici, i ricercatori hanno visto che quelli che avevano ricevuto un abbraccio mostravano una riduzione significativa del livello di cortisolo nel sangue, l’ormone dello stress che provoca tanti danni all’organismo.

Gli abbracci ci aiutano a sentirci bene con noi stessi

Un abbraccio, o una carezza affettuosa, influenzano la capacità del cervello di costruire l’immagine del corpo, anche negli adulti. Questo tipo di contatto fisico è anche essenziale per sviluppare e mantenere una percezione adeguata del nostro corpo.

Secondo uno studio condotto presso lo University College di Londra, la spiegazione è che questo tipo di contatto con il corpo fornisce sensazioni tattili molto piacevoli che generano una serie di segnali propriocettivi, che ci aiutano a sentirci meglio nel nostro corpo.

In pratica, una carezza o un abbraccio non solo inviano segnali propriocettivi al nostro cervello che ci permettono di essere più consapevoli del nostro corpo, ma ci dicono anche che siamo degni di essere amati. E quei sentimenti ci fanno sentire molto bene.

Infatti, i ricercatori avvertono che la mancanza di abbracci e coccole potrebbe essere un fattore scatenante – o aggravante – di disturbi dell’immagine corporea come l’anoressia e la bulimia.

- Annuncio Pubblicitario -


Quanti abbracci servono per essere felici?

Potremmo vivere tutti senza abbracci, ma sarebbe come morire lentamente, un po’ ogni giorno. Per questo motivo, la psicoterapeuta familiare Virginia Satir ha affermato che “abbiamo bisogno di 4 abbracci al giorno per sopravvivere, 8 abbracci per mantenerci e 12 abbracci per crescere”. Secondo lei, abbiamo bisogno di 8 abbracci al giorno per essere felici.

In effetti, in uno studio condotto presso la UCLA, i ricercatori hanno scannerizzato il cervello dei partecipanti mentre ricevevano scosse elettriche. I loro partner li accompagnavano durante il test e, in alcuni casi, venne permesso loro di tenergli la mano.

Così si è visto che si attivavano le aree cerebrali responsabili dell’attenuazione della paura, il che li aiutava ad affrontare stress dell’esperienza. Il contatto fisico ci fa sentire più sicuri, diminuisce la nostra reattività a esperienze potenzialmente minacciose e ci rende meno sensibili al dolore fisico.

Ulteriori ricerche condotte presso la Carnegie Mellon University hanno rivelato che abbracciare può migliorare notevolmente il nostro umore e farci vedere le cose sotto una luce più positiva, anche nelle peggiori circostanze.

Questi ricercatori hanno chiamato ogni notte 404 persone per due settimane per chiedere dei loro conflitti interpersonali nella vita, indagare sul loro umore e scoprire quanti abbracci avevano ricevuto durante la giornata.

Il 93% delle persone ha dichiarato di aver ricevuto almeno un abbraccio durante i giorni dell’esperimento e il 69% ha avuto almeno un conflitto con un’altra persona in quel lasso di tempo.

Gli psicologi hanno scoperto che le persone si sentivano meglio del solito nei giorni in cui avevano ricevuto almeno un abbraccio, e peggio nei giorni in cui avevano avuto un conflitto con altre persone. Ma se avevano ricevuto un abbraccio lo stesso giorno in cui avevano litigato con qualcuno, il loro umore era più positivo.

In effetti, gli abbracci hanno persino avuto un effetto protettivo. Quando le persone ricevevano un abbraccio, avevano meno conflitti il ​​giorno successivo e il cattivo umore per i problemi quotidiani era minore.

Tutti questi risultati mostrano che gli abbracci hanno un potente effetto sul nostro cervello e ci aiutano a raggiungere uno stato di rilassamento e benessere, permettendoci nel contempo di affrontare meglio le situazioni stressanti. Il loro effetto attenaunte sugli eventi stressanti rivela anche che gli abbracci sono necessari per essere felici.

Quindi, anche se non ricevi esattamente 8 abbracci al giorno, assicurati di avere la tua dose giornaliera. Fa bene a te e alla persona che abbracci. La prossima volta che vedi un amico o un familiare in difficoltà, abbracciali. A volte le parole sono inutili. Non c’è niente come il contatto intimo per rafforzare i legami e mostrare il proprio sostegno.

Fonti:

Murphy, M. L. et. Al. (2018) Receiving a hug is associated with the attenuation of negative mood that occurs on days with interpersonal conflict. PLoS One; 13: e0203522.

Sumioka, H. et. Al. (2013) Huggable communication medium decreases cortisol levels. Nature; 3: 3024.

Crucianelli, L. et. Al. (2013) Bodily Pleasure Matters: Velocity of Touch Modulates Body Ownership During the Rubber Hand Illusion. Frontiers in Psychology; 4: 703.

Inagaki, T. K. & Eisenberger, N. I. (2012) Neural correlates of giving support to a loved one. Psychosom Med; 74(1): 3-7. 

Holt-Lunstad, J. et. Al. (2008) Influence of a “warm touch” support enhancement intervention among married couples on ambulatory blood pressure, oxytocin, alpha amylase, and cortisol. Psychosom. Med; 70: 976–985.

La entrada Quanti abbracci servono per essere felici? se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -