Perché dovresti includere un rituale nella tua vita in questo momento, secondo la scienza

0
- Annuncio pubblicitario -

rituali

Quando l’antropologo Bronislaw Malinowski visitò le Isole Trobriand al largo della costa orientale della Nuova Guinea nel XX secolo, notò che i pescatori eseguivano una serie di rituali complessi prima di avventurarsi in mare aperto. Tuttavia, non eseguivano questi riti per uscire nelle calme acque della laguna. Malinowski concluse che quei rituali facevano sentire i pescatori più sicuri nell’affrontare l’imprevedibile potere dell’Oceano Pacifico.

Oggi molti rituali sembrano superstiziosi o una semplice perdita di tempo, ma il filosofo Byung-Chul Han rivaluta l’importanza dei rituali e pensa che negarli contribuisca a generare un sentimento di sradicamento e di orfanità che ci spinge a cercare continuamente nuove esperienze senza mai sentirci soddisfatti.

“I riti sono azioni simboliche. Trasmettono e rappresentano quei valori e ordini che tengono unita una comunità. Creano una comunità senza comunicazione, mentre ciò che predomina oggi è la comunicazione senza comunità”, afferma.

Che cos’è esattamente un rituale?

Bronislaw Malinowski nelle Isole Trobriand

In psicologia, i rituali sono definiti come una sequenza predefinita di azioni simboliche caratterizzate da formalità e ripetizione che mancano di uno scopo strumentale diretto. Un rito è quindi composto da una serie di comportamenti prestabiliti che hanno un significato simbolico e seguono una sequenza precisa, ripetendosi nel tempo.

- Annuncio pubblicitario -

Tuttavia, per Byung-Chul Han il concetto di rituale va oltre. “I rituali possono essere definiti come tecniche simboliche di installazione in una casa. Trasformano lo ‘stare nel mondo’ in ‘stare in casa’. Rendono il mondo un posto affidabile. Rendono il tempo abitabile. Pertanto, i riti sono nel tempo ciò che è dimorare nello spazio”, ha spiegato.

Riti come stabilizzatori della vita

Viviamo in una società che ci sottomette ad un’enorme pressione per produrre e consumare. Quella pressione accelera i tempi ed elimina le forme per concentrarsi su una presunta essenza. Seguire il ritmo implica immergersi in una frenetica alternanza di eventi che ci impedisce di soffermarci su di essi e goderne.

Questo crea un disagio permanente. Ci spinge a passare da uno stimolo all’altro, perdendo i riferimenti che danno stabilità alla vita. Non viviamo le esperienze, le consumiamo. Di conseguenza, le cose che usiamo finiscono per logorarci. Le esperienze che viviamo finiscono per consumarci.

Quando “il tempo manca di una struttura stabile, non è una casa ma un flusso incoerente. Si disintegra nel semplice susseguirsi di un presente puntuale. Precipita senza interruzioni. Niente gli offre un punto d’appoggio. Il tempo che scorre senza interruzioni non è abitabile”, avverte Byung-Chul Han. Quindi possiamo sentirci più ansiosi o perdere del tutto il significato della vita.

D’altra parte, per Byung-Chul Han “i rituali danno stabilità alla vita. La stabilizzano grazie alla loro omogeneità, alla loro ripetizione”. Sono schemi che, ripetuti nel tempo, diventano ancore che ci fanno sentire a nostro agio. Ci permettono di soffermarci su qualcosa che va al di là del suo scopo pratico. Nell’ambito del rituale, le cose non vengono consumate o sprecate, vengono solo utilizzate.

La scienza è d’accordo con lui. I rituali portano ordine e struttura in un mondo intrinsecamente caotico. Diventano uno scudo efficace che ci protegge dalla valanga di eventi incerti.

A cosa servono i rituali a livello psicologico?

La psicologia ha approfondito le funzioni dei rituali e la loro importanza per la nostra stabilità emotiva. Uno studio condotto presso l’Università di Toronto ha rivelato che i rituali “ingannano” il nostro cervello facendogli credere di essere immerso in uno stato di stabilità e prevedibilità per aiutarlo ad andare avanti e impedirci di rimanere paralizzati.

La chiave sta proprio nelle forme, quelle che abbiamo scartato così facilmente. I movimenti ripetitivi aiutano a smorzare l’incertezza evocando un senso di ordine e controllo personale. La sequenza di movimenti rituali che segue un copione fisso crea stabilità. Pertanto, i rituali soddisfano un bisogno psicologico fondamentale: ci offrono una sensazione di struttura e ordine quando il mondo intorno a noi sembra andare in pezzi.

A questo proposito, gli psicologi dell’Università di Harvard hanno scoperto che i rituali svolti prima di un compito che genera ansia, non solo riducono lo stress e i parametri fisiologici ad esso associati, ma migliorano anche le prestazioni. Pertanto, i rituali non sono una perdita di tempo ma ci aiutano a calmarci e concentrarci meglio sul compito che ci aspetta, migliorando le nostre prestazioni.

- Annuncio Pubblicitario -


Infatti, un altro studio sviluppato da neuroscienziati dell’Università di Toronto ha rivelato che i rituali consentono di “spegnere” l’esperienza emotiva a livello cerebrale in caso di insuccessi. Cioè, minimizzano le fonti esterne di ansia e ci proteggono dall’incertezza, aumentando la motivazione ed evitando le emozioni negative generate dalla prospettiva di fallimento. Questi riti, quindi, ci ricaricano di un atteggiamento più positivo e fiducioso che ci aiuta ad affrontare la sfida.

Un’altra funzione dei rituali è che ci aiutano a mitigare il dolore. Una ricerca condotta all’Università di Harvard ha scoperto che i riti ci permettono di mitigare la sofferenza di fronte alla perdita, sia quella materiale che quella di una persona cara.

Questi ricercatori hanno apprezzato che, nonostante la diversità dei rituali che le persone mettono in pratica per affrontare una perdita, l’importante era il recupero del controllo percepito, che li aiutasse a mitigare lo stato d’animo negativo ripristinando una sensazione di autoefficacia.

È interessante notare che questi ricercatori hanno anche scoperto che la credenza nell’efficacia dei rituali non ha influenzato il loro potere di mitigare il dolore. Pertanto, non abbiamo nemmeno bisogno di credere che i riti ci faranno bene per coglierne i benefici. La chiave sta, secondo questo studio, nel compiere coscienziosamente i passaggi che conosciamo e danno vita al rituale.



Data l’importanza dei rituali per la nostra vita, potrebbe essere conveniente rivalutare l’antica saggezza e includere alcuni rituali che ci facciano sentire bene. Non devono essere riti religiosi ma piccoli riti che ci aiutano a recuperare le forme, ci permettano di fermarci in un mondo frenetico e ci facciano sentire a nostro agio e al sicuro nel mondo. Che si tratti della cerimonia del tè o di un rito di cura della persona, l’importante è prenderci il tempo per goderci il rito senza fretta, connettendoci con il momento per costruire i pilastri di sicurezza di cui abbiamo bisogno per affrontare la vita.

                       

Fonti:

Han, B. (2020) La desaparición de los rituales. Barcelona: Editorial Herder.

Hobson, N. M. et. Al. (2017) The psychology of rituals: An integrative review and process-based framework.
Personality and Social Psychology Review; 10.1177: 1-25.

Hobson, N. M. et. Al. (2017) Rituals decrease the neural response to performance failure. PeerJ; 5: e3363.

Wood, A. et. Al. (2016) Don’t stop believing: Rituals improve performance by decreasing anxiety. Organizational Behavior and Human Decision Processes; 137: 71-85.

Norton, M. I. & Gino, F. (2014) Rituals Alleviate Grieving for Loved Ones, Lovers, and Lotteries. Journal of Experimental Psychology: General; 143(1): 266 –272.

Malinowski, B. (1986) Los argonautas del Pacífico Occidental. Barcelona: Planeta Agostini.

La entrada Perché dovresti includere un rituale nella tua vita in questo momento, secondo la scienza se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedentePensare come un mago: risolvere i problemi in modo controintuitivo – Libri per la mente
Prossimo articoloGabriella Brooks commenta la sua lovestory con Liam Hemsworth
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!