L’importanza della coerenza come valore in un mondo sempre più incoerente

0
- Annuncio pubblicitario -

coerenza come valore

Ci fu una volta una riunione dei granchi. Venivano da ogni parte: da acque calme e oceani agitati e persino dai fiumi. Non c’era mai stata una chiamata di questa portata, quindi tutti stavano aspettando di sapere perché.

Il granchio più anziano parlò:

– Amici, vi ho convocato per parlare di una bruttissima abitudine che portiamo avanti da secoli e che dobbiamo urgentemente cambiare.

Tutti rimasero stupiti, finché un giovane granchio chiese:

- Annuncio pubblicitario -

– Qual è questa abitudine?

– Cammina all’indietro -, rispose senza mezzi termini il vecchio granchio. – Tutti ci usano come esempio negativo e si sono formati un’immagine terribile di noi. Sarà quasi impossibile per noi cambiare, ma propongo che le madri insegnino ai loro figli a camminare in avanti. Sarà più facile per la nuova generazione, così miglioreremo la nostra immagine.-

I presenti acconsentirono e quando tornarono a casa si sforzarono di mettere in pratica la raccomandazione. Da quel momento in poi, a tutti i granchi nati sarebbe stato insegnato a camminare in avanti.

Le madri fecero di tutto per guidare la loro prole, e anche i piccoli granchi si sforzavano di muovere le gambe come indicato, ma i progressi furono minimi perché era troppo difficile.

Un giorno, uno dei giovani granchi notò che i suoi genitori camminavano all’indietro più velocemente e senza sforzo.

– Perché loro fanno una cosa e ce ne insegnano un’altra? – Chiese.

Senza indugi, provarono quel modo di camminare e scoprirono che era molto più facile, quindi smisero di cercare di camminare in avanti.

Il granchio anziano dovette ammettere che non potevano chiedere ai piccoli qualcosa che loro stessi non erano capaci di fare. Così, tutti continuarono a camminare all’indietro, come sempre.

Sebbene in realtà i granchi non camminino all’indietro, ma di lato, questa favola di Félix María de Samaniego affronta l’importanza della coerenza come valore, sia nel campo dell’educazione nella vita quotidiana. La coerenza, infatti, è diventata uno dei valori più ricorrenti ed esibiti della quotidianità. Almeno il suo concetto, non la sua pratica.

La coerenza come valore ed elemento di giudizio

La parola coerenza deriva dal latino cohaerentia, che era usato per indicare una connessione o relazione globale tra ciascuna delle parti. Implica una coesione, non solo all’interno dei fenomeni ma anche nella loro espressione.

Possiamo dire che una persona è coerente quando soddisfa due requisiti fondamentali: 1. evitare di dire o sentire una cosa e farne un’altra, e 2. mantenere le proprie promesse e impegni. Pertanto, le persone coerenti sono più prevedibili e affidabili. Sappiamo cosa aspettarci da loro e cosa no.

La coerenza rivela la forza o la debolezza del nostro schema morale e la sua applicazione nel mondo reale. È ciò che ci permette di essere un riferimento per le altre persone, qualcuno credibile e degno di fiducia che trasmette sicurezza e armonia di giudizio e di azione. Agisce quindi come un potente collante sociale, mentre la sua assenza genera confusione, incertezza e sfiducia nelle relazioni. Pertanto, la coerenza può diventare un elemento essenziale per costruire spazi di fiducia o, al contrario, di sospetto che innescano conflitti interpersonali.

Per questo motivo, la usiamo spesso come metro ed elemento di giudizio. Valutiamo la coerenza degli altri in modo da poter sapere se la loro parola è affidabile. Invece, l’incoerenza toglie forza morale. Riteniamo infatti che non sia consigliabile accettare lezioni da persone incoerenti.

- Annuncio Pubblicitario -


Ma non dobbiamo dimenticare che allo stesso modo in cui alziamo le sopracciglia di fronte alle incongruenze di politici e altri personaggi pubblici, la coerenza ci spoglia e ci espone anche a noi, come nella favola dei granchi. Nessuno è esente da incongruenze.

La costruzione della coerenza è un processo che dura tutta la vita

La coerenza personale si costruisce per tutta la vita. La impariamo da bambini, prima in famiglia, poi a scuola e nella società. I genitori, ovviamente, hanno un enorme peso nel plasmare il senso di coerenza, oltre al sistema educativo.



Nel corso della vita, impariamo in modi diversi, anche osservando ciò che fanno gli altri. Infatti, l’apprendimento per modello, noto anche come apprendimento per osservazione, imitazione o apprendimento vicario, è uno dei più importanti nell’infanzia. I bambini imparano guardando gli adulti, che diventano il loro modello ed esempio. Pertanto, insegnare partendo dalla coerenza è il modo migliore per sviluppare questo valore.

Tuttavia, l’apprendimento per imitazione non è esclusivo della fase infantile. Da adulti continuiamo a osservare i comportamenti dei nostri coetanei e ad imparare da essi. Come i bambini guardano ai loro genitori per certi punti di riferimento quando si perdono in una situazione sociale, anche noi guardiamo agli altri quando non sappiamo come comportarci.

Nel dubbio, è naturale prendere nota di ciò che fanno gli altri. È un meccanismo antico che ci permette di evitare errori inutili o situazioni pericolose. Pertanto, possiamo continuare a rafforzare la coerenza personale in età adulta, prendendo anche atto dell’esempio che le organizzazioni ei sistemi forniscono. In definitiva, ogni società e cultura genera determinati standard di coerenza.

Ma quando siamo immersi in sistemi che normalizzano l’incoerenza, è probabile che sperimentiamo dissonanza cognitiva e la nostra coerenza ne soffre. Il nostro senso di coerenza, infatti, non è statico ma è piuttosto una formazione viva che si muove e si adatta alle circostanze, potendo diventare una colonna vertebrale della nostra vita o, al contrario, un ramo collaterale.

Quando siamo intrappolati in una società in cui sono consentiti alti livelli d’incoerenza, abbiamo sostanzialmente tre possibilità, come spiega la filosofa Esther Trujillo. La prima è rinunciare alle nostre idee e credenze, mentre la seconda implica adattarci in modo che il sistema ci accetti.

In entrambi i casi ci sforziamo di essere incoerenti. Ciò implica rinunciare a fare ciò che vogliamo o ci costringe a pensare in modo diverso. A lungo termine, questa incoerenza può avere il sopravvento, facendoci sentire degli impostori e perdere il contatto con noi stessi.

La terza possibilità è diventare consapevoli che non possiamo cambiare la società nel suo insieme per adattarla al nostro sistema di credenze, quindi dobbiamo “uscirne” per preservare la nostra coerenza. Questo ovviamente ha un costo. Ed è spesso piuttosto alto.

Il costo e la trappola della coerenza

La coerenza è ovunque. Si manifesta nel nostro essere, fare e dire. Si esprime anche attraverso le nostre decisioni, soprattutto quando scegliamo cosa tenere e a cosa rinunciare. Ogni decisione coerente comporta sempre una rinuncia. Pertanto, la pratica della coerenza implica essere disposti a rinunciare ad alcune cose.

Tuttavia, è importante non cadere nella trappola della coerenza, intendendola come un concetto assoluto in termini di “tutto o niente”. La coerenza può essere una fonte di motivazione e la colonna vertebrale di una vita significativa, ma può anche diventare un ostacolo se applicata rigidamente. La coerenza dovrebbe essere una bussola, non una camicia di forza. Quando la applichiamo rigidamente, finisce per opprimerci e spezzarci, sottomettendoci alla sua dittatura. Una dittatura che alla lunga tende a essere dannosa.

Tutti noi cambiamo nel tempo a causa delle esperienze che viviamo. È normale. Rimanere legati a valori che hanno perso la ragion d’essere e non riflettono più chi siamo o in cosa crediamo, tanto per essere coerenti, è un suicidio psicologico. La coerenza è uno strumento per vivere meglio ed essere più autentici, non un ceppo a cui incatenarci.

Fonti:

Trujillo, E. (2020) En busca de la coherencia. Ethic.

Vonk, R. (1995) Effects of Inconsistent Behaviors on Person Impressions: A Multidimensional Study. Personality and Social Psychology Bulletin; 21(7): 674-685.

La entrada L’importanza della coerenza come valore in un mondo sempre più incoerente se publicó primero en Angolo della Psicologia.



- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteNicki Minaj hot su Instagram
Prossimo articoloHalle Berry innamorata su Instagram
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!