Legge dello Specchio: come sfruttare ciò che ti esaspera negli altri?

0
- Annuncio pubblicitario -

legge dello specchio

Conosciamo tutti alcune “persone insopportabili“. Sono persone che hanno la capacità speciale di toccare sempre i nostri punti più sensibili, tanto da irritarci, arrabbiarci e frustrarci praticamente ogni volta che interagiamo con loro.

Possono essere arroganti o egocentrici, eccessivamente critici, manipolatori o addirittura ipersensibili, estremamente rigidi o pessimisti. Tuttavia, il dato curioso è che i tratti che ci esasperano di quelle persone, non sono così fastidiosi per gli altri. In questi casi entra in gioco la legge dello specchio.

Cos’è la legge dello specchio?

La legge dello specchio suggerisce che tutti i sentimenti che proviamo nei confronti delle altre persone hanno origine dentro di noi. In pratica, non dovremmo cercare la spiegazione della nostra rabbia o frustrazione all’esterno, negli altri, ma in noi stessi attraverso un profondo esercizio d’introspezione.

Quando guardiamo gli altri, è come se stessimo guardando noi stessi in uno specchio. Quando osserviamo gli altri e analizziamo i loro atteggiamenti e comportamenti, scopriamo davvero noi stessi in loro, così che il profilo che tracciamo degli altri contiene in realtà molti dei nostri tratti comportamentali – o meglio, le nostre ombre che rifiutiamo. Come disse Immanuel Kant, “vediamo le cose, non come sono, ma come siamo”.

- Annuncio pubblicitario -

La scienza è d’accordo con Kant. Infatti, la legge dello specchio ha una base scientifica. Un esperimento condotto presso l’Università di Varsavia ha rivelato che “più una caratteristica della personalità è desiderabile nella nostra autovalutazione, più quella caratteristica è centrale nella percezione degli altri”. In altre parole, più apprezziamo una qualità in noi stessi, più importante è questa qualità quando giudichiamo gli altri e ci relazioniamo con loro. Vediamo gli altri attraverso le nostre lenti.

Quando proiettiamo le nostre ombre sugli altri

Naturalmente, la prima reazione alla legge dello specchio è normalmente il rifiuto. Rifiutiamo la possibilità di rifletterci in comportamenti egoistici o violenti. In ogni caso, vale la pena chiedersi perché quelle qualità negative degli altri risuonano con particolare intensità dentro di noi e generano una risposta così viscerale.

Questo non significa che siamo persone egoiste o violente, ma potremmo non sentirci abbastanza gentili o pacifici. O forse non abbiamo fatto pace con quella tendenza egoistica e violenta che vive in ognuno di noi.

Nessuno di noi è perfetto. Tutti abbiamo difetti e aree della nostra personalità che possiamo migliorare. Ma spesso ignoriamo questi deficit. Preferiamo pensare di essere persone oneste, gentili, pacifiche ed empatiche. Tutti noi abbiamo una propensione positiva nel valutare noi stessi.

Gli studi hanno dimostrato che quando ci troviamo di fronte a informazioni che confermano l’immagine positiva che abbiamo di noi stessi, ne mettiamo in dubbio la veridicità, ma basta una piccola prova per crederci. Invece, quando le informazioni vanno contro l’immagine positiva di noi stessi, abbiamo bisogno di molte prove solide per crederci. Ciò significa che tendiamo a rafforzare la nostra immagine e le convinzioni precedenti.



Troviamo difficile riconoscere le nostre ombre perché preferiamo coltivare un’immagine idealizzata di noi stessi. Pensiamo che le qualità positive escludano quelle negative. Ma non è così. Tutti abbiamo luci e ombre.

Quando non accettiamo le nostre ombre e le vediamo riflesse negli altri, reagiamo in modo sproporzionato. La legge dello specchio indica che le imperfezioni degli altri generano tanta irritazione perché attivano aree di conflitto dentro di noi, qualità che non abbiamo accettato perché non si adattano all’immagine che abbiamo di noi stessi.

- Annuncio Pubblicitario -


Sebbene all’inizio sia difficile da capire, accettare la legge dello specchio può essere un’esperienza liberatoria che ci aiuta a conoscerci meglio e rende più fluidi i rapporti interpersonali.

Come applicare la legge dello specchio alla nostra vita?

Applicare la legge dello specchio è relativamente semplice. È sufficiente che quando notiamo un fallimento negli altri che genera una reazione emotiva sproporzionata, lo usiamo come un’opportunità di autoriflessione.

Ad esempio, la legge dello specchio ci dice che se pensiamo che qualcuno è arrogante e ci dà fastidio, dovremmo esaminare il nostro ego per trovare quelle tracce di arroganza che non finiamo di accettare. Se siamo estremamente irritati da qualcuno che è egoista, dovremmo valutare il nostro concetto di gentilezza, compassione ed empatia. Se ci dà fastidio che una persona sia molto critica, dovremmo ripensare a come giudichiamo gli altri.

Ciò non significa che, se siamo infastiditi dalla rigidità mentale, per esempio, siamo persone rigide. Significa che la rigidità sta alimentando un conflitto latente. Forse ci vediamo come persone così flessibili e di mentalità aperta che rifiutiamo quel pizzico di rigidità che tutti noi abbiamo. Significa, quindi, che ci siamo sbilanciati verso un estremo, allontanandoci dal punto d’equilibrio, così che questa qualità sta causando problemi nelle nostre relazioni interpersonali.

L’obiettivo della legge dello specchio è che impariamo a conoscere e ad accettare meglio le ombre che normalmente rifiutiamo. In questo modo possiamo incontrare un punto operativo ottimale e sviluppare un’immagine di noi stessi più realistica.

Accettare le nostre ombre ci aiuterà a migliorare le nostre relazioni con gli altri, da una posizione molto più empatica, perché capiremo che tutti possiamo sbagliare o avere caratteristiche di cui non andare fieri.

Naturalmente, la legge dello specchio non funziona solo per i tratti negativi. Quando sentiamo una peculiare affinità per una persona e ci connettiamo a un livello profondo con lei, vediamo anche riflessi i tratti che ci piacciono di più di noi stessi. Dobbiamo sforzarci di guardare le persone in una luce positiva. Dare loro una possibilità. Essere comprensivi. Ma quando le cose si complicano, è giunto il momento di guardarci dentro.

Fonti:

Karpen, S. C. (2018) The Social Psychology of Biased Self-Assessment. Am J Pharm Educ; 82(5): 6299.

Lewicki, P. (1983) Self-image bias in person perception. Journal of Personality and Social Psychology; 45(2): 384–393.

La entrada Legge dello Specchio: come sfruttare ciò che ti esaspera negli altri? se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteLea Michele ha cambiato look
Prossimo articoloCamila e Shawn paparazzati insieme a Miami
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!