Gaman, il concetto giapponese per sopportare le difficoltà con dignità

0
- Annuncio pubblicitario -

gaman giapponese
Artigianato che i giapponesi realizzavano nei campi di internamento statunitensi [Foto: Smithsonian Asian Pacific American Center]

Poco dopo il bombardamento di Pearl Harbor nel dicembre 1941, gli Stati Uniti ordinarono a tutti i giapponesi della costa occidentale, nonostante il fatto che più di due terzi fossero cittadini statunitensi per nascita, di lasciare le proprie case e trasferirsi in dieci campi di internamento fino alla fine della seconda guerra mondiale.

Mentre i giapponesi erano confinati in questi campi, usavano scarti e materiali che trovavano qua e là per realizzare mobili e altri oggetti che permettessero loro di abbellire l’ambiente circostante. A quel tempo, gli americani percepivano erroneamente il gaman come un comportamento introverso, una mancanza di assertività o iniziativa.

Tuttavia, quelle arti e mestieri finirono per diventare essenziali per la sopravvivenza emotiva di coloro che erano imprigionati in quei campi. Gli oggetti che crearono, molti dei quali sono ancora visibili allo Smithsonian American Art Museum, sono considerati manifestazioni fisiche del gaman.

Che cos’è il gaman?

Gaman (我慢) è un termine giapponese che ha origine dal buddismo zen. Di solito è tradotto come “perseveranza”, “pazienza” o “tolleranza”, ma in realtà significa “sopportare l’apparentemente insopportabile con pazienza e dignità”.

- Annuncio pubblicitario -

È, quindi, una sorta di resistenza stoica, sebbene richieda anche mantenere l’autocontrollo e la disciplina nei momenti difficili per affrontare al meglio la tempesta. Il gaman non è debolezza o rassegnazione ma piuttosto una dimostrazione di forza di fronte alle avversità e alle sofferenze che solitamente comporta.

Il gaman come collante sociale che favorisce la ripresa

Nel 2005, quando l’uragano Katrina distrusse New Orleans, i saccheggiatori scesero in strada e approfittarono della situazione. Qualcosa di simile è accaduto ad Haiti quando venne colpita da un potente terremoto nel 2010. In molti luoghi, quando le avversità colpiscono le comunità e la forza dell’autorità viene a mancare, il sottile strato di civiltà si spezza.

Eppure il Giappone resistette all’anarchia nei giorni successivi al terremoto e allo tsunami di magnitudo 7,8 che colpirono Tōhoku nel 2011, uccidendo quasi 16.000 persone. Non vennero segnalati saccheggi o truffe indiscriminate sui prezzi. Invece di panico e paura, l’atteggiamento prevalente in Giappone dopo il devastante disastro naturale sembrava essere quello della calma e della determinazione.

Anche la mentalità gaman è alla base di quell’atteggiamento. Infatti, la resilienza, l’accettazione radicale e la civiltà che emanano da questo concetto contribuirono notevolmente alla ripresa.

Nella cultura giapponese, mostrare gaman è considerato un segno di maturità e forza. Per questo motivo, questa filosofia di vita comincia ad essere insegnata molto presto ai bambini. Al gaman si viene addestrati presto nella vita. In Giappone, pazienza e perseveranza fanno parte dell’educazione fin dalla scuola elementare.

I 5 pilastri per sviluppare il gaman

Gaman è una filosofia profonda e un modo di vedere la vita. È l’idea che le persone dovrebbero mostrare pazienza e perseveranza di fronte a situazioni inaspettate o difficili. Implica un insieme di strategie per affrontare nel miglior modo possibile gli eventi che sfuggono al nostro controllo, quelle situazioni avverse che non possiamo evitare.

L’obiettivo è che ognuno sviluppi la capacità di perseverare e tollerare problemi imprevisti, avversità o situazioni difficili. Inoltre, mentre lo facciamo, dobbiamo essere in grado di mantenere legami sociali armoniosi.

Ciò significa che dobbiamo proteggere le nostre relazioni interpersonali dall’influenza delle avversità, evitando di riversare la nostra frustrazione, rabbia o irritazione su chi ci circonda. In questo modo anche la nostra rete di supporto sociale sarà più efficace.

D’altra parte, il concetto di gaman implica anche un alto grado di autocontrollo. Richiede essere in grado di frenare i nostri sentimenti per evitare il confronto. Non si tratta semplicemente di evitare i conflitti con gli altri, ma di non lottare inutilmente contro le avversità.

- Annuncio Pubblicitario -

Pertanto, il gaman ci permetterebbe di sopportare un lavoro sgradevole finché non ne troviamo uno migliore, un collega fastidioso, i treni affollati nelle ore di punta o fare gli straordinari su un progetto quando vorremmo rilassarci altrove. Il gaman è ciò che ci permette di respirare profondamente e trattenerci mantenendo il nostro equilibrio mentale.

Pertanto, il gaman si basa su cinque pilastri fondamentali:

1. Autocontrollo. Capacità di gestire le emozioni, soprattutto quelle negative, in modo che la parte razionale del nostro cervello prenda il controllo della situazione per decidere al meglio, valutando i pro e i contro della realtà in cui ci troviamo.

2. Pazienza. Capacità di non disperare, tollerando situazioni spiacevoli, fastidiose e dolorose con calma e tranquillità.

3. Resistenza. Capacità di resistere in mezzo alle avversità, senza abbattersi emotivamente. Implica mantenere un certo livello di funzionamento di base che ci consente di andare avanti con la vita anche nei momenti più difficili.


4. Resilienza. Capacità di affrontare le situazioni più negative uscendone rafforzati. Di solito comporta l’imparare una lezione che ci cambia come persona o riafferma la nostra forza interiore e la fiducia in noi stessi.

5. Equanimità. Capacità di mantenere un livello adeguato di funzionamento in circostanze difficili. Implica un livello di stabilità e compostezza che non è influenzato dalle esperienze negative.

Il lato oscuro del gaman

Come ogni cosa nella vita, l’equilibrio è essenziale. Nonostante tutti i benefici del gaman, portare questa filosofia di vita all’estremo può avere un impatto negativo sulla nostra salute mentale. Del resto, il gaman è legato a concetti come l’impermanenza e il nichilismo.

A volte, quando le persone accumulano troppa negatività e non sono in grado di esprimere in modo assertivo quelle emozioni, il gaman può manifestarsi attraverso una malattia psicosomatica. Se la persona pensa di dover sistemare tutto da sola e non chiede aiuto, potrebbe finire schiacciata sotto il peso dei suoi problemi.

Inoltre, il gaman può anche diventare una scusa per rimanere bloccati in situazioni che ci rendono infelici. Possiamo usarlo come giustificazione per non fare il passo necessario per uscire da relazioni tossiche o condizioni di vita che ci danneggiano.

Quindi, anche se abbiamo bisogno di una dose di gaman nella nostra vita per affrontare quegli eventi difficili che capovolgono il nostro mondo, dobbiamo anche assicurarci di esprimere quei sentimenti e preoccupazioni in modo più assertivo.

La entrada Gaman, il concetto giapponese per sopportare le difficoltà con dignità se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -
Articolo precedenteTeresa Langella e Andrea Dal Corso presto sposi: la proposta di matrimonio è da sogno
Prossimo articoloIn punta di diritto…
Redazione MusaNews
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!