Esci dalla mentalità transazionale: non aspettarti di ricevere ciò che dai, dà ciò che sei

0
- Annuncio pubblicitario -

mentalità transazionale

Le relazioni interpersonali sono un’arte complessa che implica equilibrare il dare e il ricevere. Diamo amore. Ci compromettiamo. Ci sacrifichiamo. Investiamo il nostro tempo. Mettiamo a nudo le nostre emozioni. Ci sforziamo. E speriamo di ricevere lo stesso in cambio.

Questa aspettativa di reciprocità si basa, fondamentalmente, sulla fede in una sorta di giustizia universale. Crediamo che, prima o poi, tutto ciò che abbiamo dato ci verrà restituito. Siamo convinti che l’universo, in qualche modo, tenga una sorta di archivio dove registra le nostre buone azioni e, prima o poi, si prenderà cura di restituircele.

Ma la mentalità transazionale porterà solo alla frustrazione e alla delusione perché la vita è ingiusta, l’universo non tiene un registro e le persone non sempre ci restituiscono ciò che gli diamo.

I principi alla base della mentalità transazionale

Molte persone sviluppano inconsciamente una mentalità transazionale. Questo tipo di mentalità si basa su due principi fondamentali:

- Annuncio pubblicitario -

1. Valutare la transazione rispetto alla relazione. La persona con una mentalità transazionale si concentra più su ciò che riceverà che sulla qualità della relazione che sta instaurando. Dà amore perché si aspetta di ricevere amore. Aiuta l’altro perché si aspetta che l’altro la aiuti. Si impegna perché spera che non la lascino sola. Trasforma la relazione in una sorta di “conto di investimento” in cui deposita solo attenzione, cura e tempo perché si aspetta di ricevere esattamente lo stesso in cambio.

2. Dare la priorità ai propri bisogni rispetto a quelli degli altri. Sebbene le persone con una mentalità transazionale possano sembrare molto compromesse, impegnate e altruiste, il loro obiettivo finale è in realtà “commerciale”. Stabiliscono relazioni sperando che gli altri soddisfino i loro bisogni e che, se necessario, si mettano in secondo piano per dare loro priorità. Il loro approccio è fondamentalmente egocentrico perché cercano di usare gli altri come pedine degli scacchi che possono spostare a loro piacimento.

Queste persone credono che aiutare e amare sia una sorta di assegno in bianco che gli altri devono essere disposti a pagare in qualsiasi momento. La loro mentalità transazionale gli impedisce di comprendere che l’aiuto e l’amore non sono merce di scambio e che vengono dati senza chiedere o aspettarsi nulla in cambio.

La trappola della mentalità transazionale

Il problema principale della mentalità transazionale è che la persona subordina le relazioni ai benefici che può ottenere. Considera le relazioni interpersonali uno scambio da cui trarre profitto, di solito in termini emotivi. Tuttavia, è improbabile che riconosca i suoi secondi fini poiché la mentalità transazionale è così radicata che crede che sia normale e prevedibile.

- Annuncio Pubblicitario -


In realtà si tratta di persone che non sono in grado di soddisfare i propri bisogni e cercano di soddisfarli attraverso gli altri. Odiano la solitudine e cercano qualcuno che gli tenga compagnia. Non si amano abbastanza e cercano qualcuno che li ami. Non tengono conto del fatto che anche l’altro ha le sue priorità, i suoi bisogni e i suoi obiettivi nella vita, che non sempre coincidono con i suoi.

A lungo termine, la mentalità transazionale tende a rendere queste persone eccessivamente esigenti. Sono specialisti nel far staremale l’altro se non ottengono ciò che vogliono ricorrendo a diverse tecniche di manipolazione incriminante.



In effetti, relazionarsi con una persona che ha questo tipo di mentalità può essere molto confuso e frustrante. È probabile che il nostro istinto ci faccia diffidare di quella generosità, dedizione e sacrificio. Tuttavia, questa sfiducia può anche farci sentire in colpa, come se fossimo ingrati, dopo “tutto quello che hanno fatto per noi”.

In realtà, quello che succede è che queste persone ci “catturano” nelle loro reti. Sebbene non sempre ne siamo pienamente consapevoli, in un certo modo intuiamo che stiamo contraendo debiti relazionali che poi dovremo pagare a caro prezzo.

Non aspettarti di ricevere ciò che dai, dai ciò che sei

L’alternativa alla mentalità transazionale è coltivare una mentalità sensibile. Quando assumiamo una mentalità sensibile siamo in grado di metterci nei panni dell’altro, invece di adottare una postura egocentrica. Smettiamo di legare gli altri con debiti relazionali in cambio dei nostri favori. Capiamo che nessuno ci deve nulla.

Cominciamo a capire che mentre non riceviamo tutto ciò che diamo, diamo ciò che siamo, ed è questo che conta davvero. Quindi smettiamo di cercare l’amore e diamo amore. Smettiamo di cercare compagnia e offriamo compagnia. Smettiamo di cercare supporto e offriamo supporto.

La mente sensibile aiuta l’altro perché quell’atto la fa stare bene, non perché si aspetta di ricevere qualcosa in cambio. Smettiamo di “commercializzare” le relazioni e contabilizzare i favori. Allora possiamo celebrare come un grande dono ogni gesto d’amore, ogni piccolo sacrificio e ogni impegno ricambiato.

La entrada Esci dalla mentalità transazionale: non aspettarti di ricevere ciò che dai, dà ciò che sei se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteGal Gadot, selfie di coppia col marito
Prossimo articoloE le stelle stanno a guardare…
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!