Bassa tolleranza alla frustrazione, una bomba a orologeria emotiva

0
- Annuncio pubblicitario -
bassa tolleranza alla frustrazione

La vita può essere travolgente, soprattutto quando tutto sembra andare per il verso sbagliato. Il modo in cui rispondiamo a questi contrattempi, difficoltà e problemi dipende da molti fattori, inclusa la nostra tolleranza alla frustrazione.

Le persone con una bassa tolleranza alla frustrazione spesso reagiscono male quando le cose non vanno come previsto. Possono arrabbiarsi, crollare emotivamente o provare una forte ansia. Ovviamente, queste reazioni non li aiutano ad affrontare meglio le avversità, ma causano ancora più problemi.

Cos’è la bassa tolleranza alla frustrazione?

Il concetto di bassa tolleranza alla frustrazione è stato originariamente sviluppato da Albert Ellis. Si riferisce all’incapacità di gestire eventi inaspettati della vita o emozioni spiacevoli. Conosciuto anche come “edonismo a breve termine”, questo costrutto descrive l’incapacità di sopportare sentimenti spiacevoli o situazioni stressanti che non corrispondono alle aspettative.

La frustrazione implica uno stato di tensione interna che sorge quando i nostri obiettivi, desideri o aspettative vengono frustrati. Infatti, ci siamo sentiti tutti frustrati in più di un’occasione per motivi diversi. Ma quando abbiamo un basso livello di tolleranza, basta poco perché si scateni la frustrazione e la viviamo con grande intensità.

- Annuncio pubblicitario -

In un certo senso, la bassa tolleranza alla frustrazione deriva dall’idea che quando le cose diventano difficili o scomode, sono “intollerabili”. Il problema di questa convinzione è che diventeremo sempre meno tolleranti nei confronti del disagio, anche se sappiamo che questo sacrificio può portarci benefici futuri.

Più ci diciamo che certe cose non le sopportiamo, più ci influenzeranno e più restringeremo il nostro margine di azione, che ci impedirà di crescere come persone. Inoltre, quella frustrazione ci trasformerà in autentiche bombe a orologeria emotive.

Bassa tolleranza alla frustrazione: cause e origine oltre “io sono così”

La bassa tolleranza alla frustrazione nasce dall’idea che la realtà dovrebbe essere come si desidera. Si basa sulla convinzione che il mondo debba conformarsi alle nostre aspettative, obiettivi e desideri. Pertanto, implica il rifiuto dell’idea che le cose possano andare in un’altra direzione.

In un certo senso, le persone con una bassa tolleranza alla frustrazione credono di avere il “diritto” che le cose vadano come vogliono. Hanno una visione profondamente egocentrica e pensano che il mondo dovrebbe girare intorno a loro. Quando si rendono conto che non è così, si sentono frustrati.

La bassa tolleranza alla frustrazione si basa anche sull’idea che problemi e conflitti debbano essere risolti rapidamente per cancellare le emozioni spiacevoli che scatenano. Pertanto, è strettamente legata all’evitamento esperienziale, che consiste nell’evitare tutte quelle situazioni che possono generare stati affettivi che non sappiamo come gestire.

Secondo Ellis, queste idee irrazionali e l’evitamento di situazioni stressanti finiscono per generare problemi emotivi e comportamentali. Infatti, le persone con una bassa tolleranza alla frustrazione sperimentano turbamenti emotivi quando non riescono a risolvere rapidamente i loro problemi. Paradossalmente, i comportamenti volti a evitare situazioni frustranti finiscono per portare a un livello più alto di frustrazione e persino ad aggiungere più stress.

Naturalmente, c’è anche una componente individuale in quanto alcune persone sono fisiologicamente più reattive alle sfide emotive – hanno la “pelle più sottile” – mentre altre con la “pelle più spessa” resistono meglio alle avversità senza reagire in modo eccessivo.

Tuttavia, il periodo dello sviluppo è essenziale nell’attenuare queste caratteristiche fisiologiche. Per questo motivo, una delle principali cause di scarsa tolleranza alla frustrazione si riscontra nella nostra infanzia e adolescenza, soprattutto se i nostri genitori ci hanno risparmiato gran parte delle sfide, degli sbagli e dei problemi tipici di quella fase dello sviluppo o se si precipitavano ad esaudire ogni nostro desiderio per impedirci di tenere il broncio o reagire con uno scatto d’ira.

È stato anche scoperto che la difficoltà per evitare di arrabbiarsi per gli eventi passati contribuisce alla ruminazione, un dialogo interiore che si concentra sulle lamentele passate, comprese le risposte alternative che avremmo potuto dare, così come le ritorsioni. Quei pensieri negativi in ​​loop possono impedirci di sviluppare un’adeguata tolleranza alla frustrazione.

In ogni caso, la cosa più importante è capire che una bassa tolleranza alla frustrazione non è semplicemente un difetto caratteriale che dobbiamo portare con noi per tutta la vita. In realtà, indica una mancanza di abilità che ci permettono di affrontare in modo più efficace i problemi e le emozioni negative che proviamo.

Come riconoscere una bassa tolleranza alla frustrazione in adulti, adolescenti e bambini?

Riconoscere che c’è un problema con la frustrazione non è sempre facile perché si tratta generalmente di un modello di risposta profondamente radicato nella personalità. Tuttavia, alcuni sintomi di bassa tolleranza alla frustrazione sono:

• Ti irriti o ti arrabbi facilmente quando le cose non vanno come volevi o come avevi pianificato

• Crolli al minimo ostacolo e pensi che non ce la farai

- Annuncio Pubblicitario -

• Sei rigido e inflessibile con i piani o il modo di fare le cose

• Perdi facilmente la pazienza con gli altri e anche con te stesso

• Sei impaziente e quando vuoi qualcosa, lo vuoi subito

• Ti risulta difficile ritardare le gratificazioni, anche se sai che è la cosa più intelligente e conveniente da fare

• Hai difficoltà ad accettare la realtà quando non va nella direzione che desideri

Gestire la tolleranza alla frustrazione

Albert Ellis ha affermato che ci sono molti percorsi verso la tolleranza, inclusa l’accettazione incondizionata di sé, l’accettazione incondizionata degli altri e l’accettazione incondizionata della vita. Certamente, per tollerare meglio la frustrazione occorre sviluppare un’accettazione radicale.

Non significa rassegnarsi e assumere un atteggiamento passivo nei confronti della vita, ma di imparare a lasciare spazio all’incertezza, al caos e all’ignoto. Nella vita può succedere di tutto. Quindi è meglio essere preparati al cambiamento e avere un piano B, C e D, nel caso in cui il piano A fallisca.


Uno studio condotto presso la Boston University ha rilevato inoltre che la pratica della meditazione mindfulness può aiutarci a sopportare meglio gli eventi stressanti perché aumenta la tolleranza alla frustrazione e, in generale, a tutte le emozioni negative.

Questi psicologi hanno scoperto che le persone che praticavano la meditazione erano più persistenti di fronte alle sfide e alle avversità, reagivano meno intensamente e non sentivano un bisogno irresistibile di fuggire da queste esperienze perché ne comprendevano il valore e sapevano che si trattava di stati emotivi temporanei.

Per lavorare sulla tolleranza alla frustrazione, conviene anche allenare la pazienza. Dobbiamo essere consapevoli che nella vita tutto viene e tutto passa. Niente è eterno, solo il cambiamento è immutabile. Pertanto, è di scarsa utilità essere impazienti.

Infine, è importante uscire dalla zona di comfort ed esporci a nuove situazioni, molte delle quali sfuggono al nostro controllo. Così impareremo a cadere e rialzarci. Per affrontare battute d’arresto e contrattempi, così come quelle emozioni spiacevoli che tendiamo ad evitare. È così che impariamo, in definitiva, a essere più resilienti, flessibili e tolleranti.

Fonti:

Carpenter, J. K. et. Al. (2020) The Effect of a Brief Mindfulness Training on Distress Tolerance and Stress Reactivity. Behav Ther; 50(3): 630–645.

Elsayed, M. (2017) Frustration Intolerance and Its Relationship to Personality Traits among Sample of Najran University Students «Predictive Study». International Journal of Psychology and Behavioral Sciences; 7(2): 49-54.

Hennessy, D. (2017) The role of anger rumination in the frustration-aggression link. En Cruz, F. and Sofia, M. Psychology of emotions, motivations and actions. Anger and anxiety: Predictors, coping strategies and health effects. Nova Science Publishers, 201-205.

Harrington, Neil (2005) It’s too difficult! Frustration intolerance beliefs and procrastination. Personality and Individual Differences; 39(5): 873–883.

La entrada Bassa tolleranza alla frustrazione, una bomba a orologeria emotiva se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -
Articolo precedenteOJ Simpson rompe il silenzio: “Non sono io il padre di Khloe Kardashian”
Prossimo articoloLady Diana, uno dei suoi gioielli più singolari verrà messo all’asta: quale?
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!