Voler sfruttare al massimo il tempo libero ci rende più infelici

0
- Annuncio pubblicitario -

Ti sembra di aver iniziato una corsa contro il tempo? 24 ore al giorno non ti bastano? Non sei l’unico, il mondo sta girando a rotta di collo e spesso sentiamo che non ce la facciamo più. Obblighi, compiti e impegni quotidiani difficilmente ci lasciano tempo libero.

Pertanto, tendiamo a credere che più tempo libero avremo, più potremo goderci la vita, più saremo rilassati e felici. Il tempo libero è diventato un premio ambito per lo sforzo.

Percependolo come qualcosa di così prezioso, è comprensibile che vogliamo sfruttarlo al massimo. Infatti, alcune persone terminano sforzandosi troppo per spremere fino all’ultima goccia del loro tempo libero. Poi cadono in trappola: invece di riposare terminano esausti, invece di sentirsi più felici si sentono più insoddisfatti.

Come è cambiato nel tempo il nostro concetto di svago?

Il modo in cui percepiamo e valorizziamo lo svago è cambiato negli ultimi tempi. Comprendere quell’evoluzione e trovare dei modi per cambiare i nostri atteggiamenti potrebbe aiutarci a rilassarci, divertirci ed essere più felici.

- Annuncio pubblicitario -

Tuttavia, nonostante tutti i cambiamenti che il concetto di svago ha subito nel corso dei secoli, un’idea rimane costante: la sua opposizione al lavoro. Duemila anni fa il concetto di lavoro era legato alla servitù e lo svago alla libertà. Nell’antica Grecia, ad esempio, la maggior parte del lavoro veniva svolto dagli schiavi, mentre le persone più ricche potevano dedicarsi ad attività ricreative che erano presumibilmente più gratificanti.

Scriveva infatti lo stesso Cicerone: “il cittadino che offre il suo lavoro in cambio di denaro viene degradato al rango di schiavo”. A quel tempo, il tempo libero era quello che veniva dedicato ad attività per le quali non si riceveva alcun compenso economico, ma si svolgevano per il piacere che generavano in sé.

Più tardi, i romani iniziarono a vedere il tempo libero come un modo per riposarsi per affrontare il lavoro che sarebbe venuto, un concetto che fu impresso con a fuoco nell’immaginario popolare durante la Rivoluzione Industriale. Già nel XIX secolo lo svago era stato definitivamente associato ad uno status sociale superiore, poiché solo i ricchi potevano permettersi molto tempo libero.

Oggi il nostro concetto di svago è nuovamente cambiato, come indica uno studio condotto presso la Boston University. Da alcuni decenni, le persone tendono a vantarsi mostrando di essere molto impegnate. Una agenda piena è un simbolo di successo economico e status sociale. Di conseguenza, abbiamo sviluppato il concetto di “utilità edonica”; In altre parole, fare che ogni ora di quel tempo libero conti. Il concetto di lavoro produttivo ha permeato il tempo libero, quindi vogliamo sfruttare anche questo.

Massimizzatori dello svago, persone che vogliono spremere al massimo il loro tempo libero

L’economista Daniel Hamermesh spiega che “la nostra capacità di acquistare e godere di beni e servizi è aumentata molto più velocemente della quantità di tempo disponibile per goderne”. Questo disaccordo si manifesta nelle nostre decisioni. Per questo “vogliamo sfruttare al meglio i nostri soldi e il nostro tempo. Investiamo più soldi nel tempo libero, nella prenotazione di hotel migliori, nelle esperienze migliori e, in generale, nell’acquisto del meglio di tutto”.

Il desiderio di sfruttare al massimo il nostro tempo libero ci porta a passare ore e ore a sfogliare le recensioni per pianificare ogni minimo dettaglio di un viaggio, una fuga o anche una cena. Certo, pianificare le cose non è male. Ma passarci troppo tempo potrebbe ritorcersi contro di noi perché è probabile che le nostre aspettative diventino così alte che le possibilità che vengano deluse aumentano.

Allo stesso modo, il modo in cui perseguiamo le esperienze di svago sta rendendo quel tempo libero più stressante che mai. In questo senso, uno studio condotto presso la Columbia Business School ha mostrato che stiamo diventando collezionisti di esperienze. In pratica, invece di goderci il momento e lasciarci andare, cerchiamo sempre più esperienze di svago insolite, nuove o estreme per riempire il nostro “curriculum vitae esperienziale”.

Il problema è che, come con il curriculum tradizionale, in cui mostriamo il meglio di noi, questo curriculum esperienziale può diventare un terreno fertile per la competizione. Ovviamente, i social media esasperano la concentrazione sul tempo libero produttivo animando la competizione per mostrare la migliore vacanza, la cena o l’esperienza rilassante.

- Annuncio Pubblicitario -


L’ossessione per sfruttare il tempo libero e riempirlo con le migliori esperienze finisce per essere un’arma a doppio taglio. Quando abbiamo aspettative così alte, aumenta le possibilità che questo tempo libero non finisca per essere così significativo, produttivo o abbastanza spettacolare come pensavamo, cosa che ci farà sentire insoddisfatti.

Allora è quando si insinua la sensazione di non aver fatto buon uso del nostro tempo libero. E questo crea ancora più stress nel momento in cui dobbiamo pianificare il nostro prossimo momento libero. In questo modo, il tempo libero che dovrebbe aiutarci a staccare, rilassarci e divertirci diventa un’ulteriore fonte di stress e insoddisfazione.

Qual’è la soluzione?

Per tornare a goderci il tempo libero, la cosa più importante è liberarci della mentalità produttiva. Dobbiamo avere una prospettiva più ampia della vita e capire che non tutto si misura in termini di produttività. La vita non deve essere produttiva, deve essere vissuta.

La paura persistente che non stiamo usando il nostro tempo “correttamente”, perché non abbiamo esperienze epiche da mostrare sui social network, può far deragliare completamente il vero scopo del tempo libero. L’unico modo per godersi il tempo libero è rilassarsi, abbassare la guardia, creare bei ricordi e fidarsi che tutto tornerà al suo posto.

Entrare in quelle ore di svago con attenzione piena è il modo migliore per assaporare ciascuna delle esperienze, dalla più grande a quella apparentemente più semplice o quotidiana. La mindfulness, infatti, amplia la nostra percezione soggettiva del tempo, migliora la memoria e amplifica le sensazioni. Ciò significa che ci sentiremo più soddisfatti e felici delle esperienze che viviamo.

Se ci avviciniamo alle vacanze o al weekend con la mentalità del “dovrei”, pensando di dover sfruttare al meglio quelle ore, potremmo finire per rovinare l’esperienza dello svago. Non lasciare che la convinzione che “devi sfruttare al massimo il tuo tempo libero” finisca per incastrarti.

Fonti:

Imtiaz, A. (2021) The way we view free time is making us less happy. En: BBC.

Bellezza, S. et. Al. (2017) Conspicuous Consumption of Time: When Busyness and Lack of Leisure Time Become a Status Symbol. Journal of Consumer Research; 44: 118-138.

Keinan, A. & Kivetz, R. (2011) Productivity Orientation and the Consumption of Collectable Experiences. Journal of Consumer Research; 37: 935-950.

La entrada Voler sfruttare al massimo il tempo libero ci rende più infelici se publicó primero en Angolo della Psicologia.



- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteHalle Berry aspetta l’anno nuovo al mare
Prossimo articoloReese Witherspoon è grata per aver trascorso del tempo in famiglia
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!