Vivere è avere storie da raccontare, non cose da mostrare

0
- Annuncio pubblicitario -
storie da raccontare

La vita moderna ci spinge ad accumulare tante cose di cui non abbiamo bisogno mentre la pubblicità ci spinge ad acquistarne sempre di più. Senza pensare. Senza limiti…

Così finiamo per associare il nostro valore di persone al valore delle cose che possediamo. Di conseguenza, non sorprende che molti finiscano per identificarsi con i propri beni e li ostentano come un trofeo. Vivono per mostrare.

Ma vivere attraverso le cose non è vivere. Quando ci identifichiamo troppo con le cose, smettiamo di possederle e sono loro che possiedono noi.

La domanda aristotelica a cui non abbiamo saputo rispondere

La domanda più importante che possiamo porci è la stessa che si pose Aristotele secoli fa: come devo vivere per essere felice?

- Annuncio pubblicitario -

La maggior parte delle persone non cerca la risposta dentro di sé. Non si chiede cosa li rende felici, eccita o appassiona, ma si lasciano trasportare dalle circostanze. E attualmente queste circostanze sono marcate dalla società dei consumi.

La felicità, secondo questo nuovo “vangelo”, consiste nel condurre una bella vita. E una bella vita significa letteralmente una vita di consumo. Se possibile, ostentato in modo che i nostri vicini e follower sui social network possano invidiarci.

Ma affidarsi alle cose come modo per raggiungere la felicità è una trappola. A causa dell’adattamento edonistico, prima o poi finiamo per abituarci alle cose, ma quando si deteriorano o diventano obsolete, smettono di generare quella soddisfazione iniziale, e ciò ci spinge a comprare cose nuove per rivivere quella sensazione di euforia. Così chiudiamo il cerchio del consumismo.

Decenni di ricerca psicologica mostrano precisamente che le esperienze generano più felicità dei beni. Un esperimento molto interessante condotto alla Cornell University ha rivelato perché è meglio fare esperienze piuttosto che comprare delle cose. Questi psicologi hanno constatato che quando pianifichiamo un’esperienza, le emozioni positive iniziano ad accumularsi dal momento in cui iniziamo a pianificare cosa faremo e rimangono a lungo.

L’attesa di un’esperienza genera più felicità, piacere ed eccitazione che l’attesa dell’arrivo di un prodotto, un’attesa che spesso è piena più di impazienza che di anticipazione positiva. Immaginare, ad esempio, una deliziosa cena in un buon ristorante, quanto ci godremo la prossima vacanza genera sensazioni ben diverse rispetto alla disperata attesa causata dall’arrivo di un prodotto a casa.

Siamo la somma delle nostre esperienze, non dei nostri beni

Le esperienze sono fugaci. Certamente. Non possiamo usarle come un divano o un telefono cellulare. Non importa quanto ci sforziamo, non possiamo incapsulare ogni secondo dei momenti più importanti della vita.

- Annuncio Pubblicitario -

Tuttavia, quelle esperienze diventano parte di noi. Non svaniscono, le integriamo nella nostra memoria e ci cambiano. Le esperienze diventano un modo per conoscersi, crescere e svilupparsi come persona.

Ogni nuova esperienza che viviamo è come uno strato che si deposita sopra l’altro. A poco a poco ci trasforma. Ci offre una prospettiva più ampia. Sviluppa il nostro carattere. Ci rende più resilienti. Ci rende persone più mature. Quindi, anche se non possiamo fare tesoro delle esperienze come dei beni, possiamo portarle con noi per il resto della nostra vita. Ovunque andiamo, le nostre esperienze ci accompagneranno.

La nostra identità non è definita da ciò che possediamo, è piuttosto una miscela dei luoghi che abbiamo visitato, delle persone con cui abbiamo condiviso e delle lezioni di vita che abbiamo imparato. Infatti, anche le brutte esperienze possono diventare una buona storia se siamo in grado di estrarre un apprendimento prezioso.

È improbabile che l’acquisto di un nuovo telefono cambi le nostre vite, ma viaggiare potrebbe trasformare la nostra visione del mondo. Non è un caso che i nostri più grandi rimpianti non provengano dall’aver perso un’opportunità di acquisto, ma dal non aver fatto qualcosa. Non avere osato. Non essere andati a quel concerto. Non aver fatto quel viaggio. Non aver dichiarato il nostro amore. Non aver cambiato vita…

C’è quasi sempre una seconda opportunità per comprare delle cose, ma le esperienze non possono essere ripetute. Quando perdiamo un viaggio o un evento speciale, perdiamo tutte le storie che ne derivano.


Pertanto, se vogliamo ridurre al minimo i rimpianti alla fine della vita, è meglio allargare il nostro orizzonte e dare priorità alle esperienze. Dovremmo assicurarci di vivere per avere storie da raccontare e custodire nella nostra memoria invece di languire accumulando delle cose.

Fonte:

Gilovich, T. et. Al. (2014) Waiting for Merlot: Anticipatory Consumption of Experiential and Material Purchases. Psychological Sciences; 25(10): 10.1177.

La entrada Vivere è avere storie da raccontare, non cose da mostrare se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -
Articolo precedenteFedez confessa: “La malattia? Spero di non dimenticarmela”. Poi parla della moglie Chiara Ferragni
Prossimo articoloAlessandro Basciano in ospedale: i fan si preoccupano. Ma era solo chirurgia estetica
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!