Quali tipi di traumi psicologici esistono?

0
- Annuncio pubblicitario -
trauma psicologico

Nel corso della vita siamo esposti a situazioni difficili che mettono alla prova la nostra resilienza, forza e stabilità mentale. Perdere una persona cara, vivere una calamità naturale, essere vittima di violenza fisica o psicologica, così come subire un incidente o perdere il lavoro sono situazioni che ci mettono con le spalle al muro e ci destabilizzano emotivamente, provocandoci una forte angoscia.

Tuttavia, la maggior parte delle persone riesce a riprendersi e ad andare avanti in un periodo di tempo relativamente breve. Infatti, tutti noi abbiamo un incredibile potere curativo dentro. Sfortunatamente, alcuni non si riprendono e rimangono intrappolati nell’esperienza dolorosa. Quindi sviluppano un trauma psicologico.

Cos’è un trauma psicologico? La ferita emotiva che non si rimargina

La parola “trauma” deriva dalla parola greca τραῦμα, che significa rottura o lesione. Usata inizialmente in campo medico, soprattutto in chirurgia, divenne poi popolare in psichiatria e psicologia clinica.

Fondamentalmente, “il trauma è una risposta emotiva a un evento terribile che impedisce a una persona di andare avanti con la propria vita”, come definito dall’American Psychological Association. Si produce quando sperimentiamo una situazione che consideriamo minacciosa, sia fisicamente che psicologicamente, che supera le nostre risorse di coping, così che non siamo in grado di affrontarla in modo assertivo e integrarla nella nostra storia di vita.

- Annuncio pubblicitario -

Come risultato di questa situazione traumatica, ci sentiamo sopraffatti, generalmente con una sensazione di impotenza, paura e confusione. Infatti, l’evento traumatico distrugge la nostra sensazione di benessere, lasciandoci impotenti e isolati in un mondo pericoloso.

Quando sperimentiamo un evento minaccioso, il nostro sistema nervoso reagisce entrando in modalità sopravvivenza. I segnali provenienti dall’amigdala, una piccola struttura nel cervello, dicono ai nostri corpi di prepararsi alla lotta o alla fuga. Ma se non possiamo combattere o fuggire dalla minaccia, il sistema nervoso sceglie di congelarsi.

Quella sorta di “arresto emotivo” ci impedisce di crollare e ci aiuta a sopravvivere, ma è disadattivo se persiste nel tempo. Quando siamo traumatizzati, il nostro sistema nervoso rimane congelato nella sua risposta alla minaccia. Ciò fa sembrare minacciosi anche gli ambienti sicuri e le persone. In sostanza, rimaniamo incastrati nell’evento traumatico, rivivendo le sensazioni e le emozioni ad esso associate.

I 3 tipi di traumi psicologici

Le risposte a una situazione potenzialmente traumatica variano da persona a persona. Infatti, non viviamo lo stesso evento traumatico allo stesso modo. Ma ci sono alcune situazioni e risposte abbastanza diffuse di cui dobbiamo essere consapevoli per rilevare i diversi tipi di traumi emotivi e affrontarli nel miglior modo possibile o chiedere aiuto specializzato per minimizzarne l’impatto e permetterci di recuperare la stabilità emotiva il prima possibile.

1. Trauma acuto, il colpo inaspettato della vita

Questo tipo di trauma è il risultato di un singolo evento angosciante, come un incidente automobilistico, una rapina, uno stupro, un attacco terroristico, una sparatoria o un disastro naturale. Di solito si tratta di situazioni estreme e inaspettate che minacciano la nostra sicurezza emotiva o la nostra integrità fisica.

L’evento crea un’impressione duratura nella nostra mente, lasciando un’intensa impronta emotiva a livello cerebrale. L’evento non si fissa a parole ma attraverso le esperienze, motivo per cui tendiamo a riviverlo più volte attraverso dei flashback. Questi ricordi di solito non sono una narrazione razionale dell’accaduto, ma piuttosto un rivivere le sensazioni e le emozioni spiacevoli sperimentate durante l’evento traumatico.

Quando questo tipo di trauma non viene trattato e la persona non riesce a elaborarlo e incorporarlo nella propria storia di vita, porta allo sviluppo del disturbo da stress post-traumatico. Di solito è accompagnato da incubi, attacchi di panico, ansia eccessiva, tensione costante, mancanza di fiducia e una sensazione di disconnessione con l’ambiente, motivo per cui la persona può avere difficoltà a svolgere normalmente la propria vita quotidiana.

2. Trauma cronico o cumulativo, intrappolati in un mare di problemi

Questo tipo di trauma si verifica quando siamo esposti a eventi traumatici angoscianti a lungo termine o per un lungo periodo di tempo. Il trauma cronico è spesso il risultato di malattie gravi, violenza domestica prolungata nel tempo, bullismo sistematico o esposizione a situazioni estreme come la guerra.

- Annuncio Pubblicitario -

Anche la concatenazione di più eventi avversi acuti può causare traumi emotivi. Le fasi negative della vita, come la perdita del lavoro unita a un incidente d’auto e/o la morte di una persona cara, possono generare traumi cumulativi perché ogni evento deteriora ulteriormente le nostre risorse psicologiche già quasi esaurite per affrontare le avversità. Allo stesso modo, un trauma acuto non trattato può progredire fino a diventare un trauma cronico.

A volte i sintomi del trauma cronico si presentano dopo molto tempo o addirittura anni dopo l’evento. In larga misura, questa situazione tende a spingerci ad assumere stili di coping disadattivi come l’evitamento, la razionalizzazione, l’isolamento sociale o l’abuso di sostanze. Ma quando compaiono i sintomi, possono essere estremamente dolorosi e persino invalidanti.

3. Trauma complesso, la ferita lasciata dalle relazioni

Questo tipo di trauma psicologico si verifica a seguito dell’esposizione a molteplici eventi o esperienze traumatiche che sono in qualche modo correlati tra loro e sono generalmente inquadrati nel contesto delle relazioni interpersonali. Queste esperienze avverse iniziano nell’infanzia, hanno una natura ricorrente e sono inflitte da persone che dovrebbero essere fonte di amore, sicurezza e sostegno. È il caso, ad esempio, delle esperienze di abuso o abbandono durante l’infanzia.

Tuttavia, il trauma complesso può apparire anche in età adulta, come quando veniamo coinvolti in relazioni tossiche che minano la nostra indipendenza e autostima. Il fattore comune a questo tipo di trauma emotivo è che la persona si sente “intrappolata” nella situazione, in modo tale che il suo impatto dura nel tempo, erodendo le sue risorse psicologiche per affrontare il problema in modo assertivo.


Di conseguenza, questo tipo di trauma psicologico finisce per generare uno stato di impotenza appresa. La persona può vergognarsi e stare male con se stessa, incolpandosi per quello che le è successo, anche se non ne è responsabile. Spesso sviluppa una bassa autostima e un senso di inadeguatezza che finisce per condizionare le sue relazioni e, ovviamente, erode il suo benessere.

Infine, è importante tenere presente che, indipendentemente dal tipo di trauma emotivo che subiamo, possiamo riprenderci dall’esperienza. Non è mai troppo tardi. Naturalmente, questo non significa che sia facile, che possiamo semplicemente dimenticare le esperienze traumatiche. Significa che c’è spazio per la guarigione e il recupero.

Per questo è essenziale smettere di fuggire dall’esperienza traumatica, accettare l’accaduto e dargli un significato per incorporarlo nella nostra storia di vita. Solo così potremo alleggerirne il peso emotivo, in modo tale che smetta di farci del male e di condizionare la nostra vita.

Fonti:

Perrotta G. (2019) Psychological Trauma: Definition, Clinical Contexts, Neural Correlations and Therapeutic Approaches Recent Discoveries. Current Research in Psychiatry and Brain Disorders; 1: 1-6.

D’Andrea, W. et. Al. (2011) Physical health problems after single trauma exposure: when stress takes root in the body. J Am Psychiatr Nurses Assoc; 17(6): 378-392. 

Nutt, D. J. & Malizia, A. L. (2004) Structural and functional brain changes in posttraumatic stress disorder. The Journal of Clinical Psychiatry; 65(Suppl 1): 11-17.

La entrada Quali tipi di traumi psicologici esistono? se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -
Articolo precedenteGf Vip, Salemi e Bruganelli depongono l’ascia di guerra? Tutta la verità sul loro rapporto
Prossimo articoloTra Shakira e Pique è finita per una marmellata: svelata la curiosa prova del tradimento
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!