Psicoterapia nella tua lingua, il ponte essenziale tra paziente e psicologo

0
- Annuncio pubblicitario -
psicoterapia nella lingua madre

Il trasferimento in un altro paese è spesso un’esperienza entusiasmante, ma tutte le sfide che comporta possono causare stress e talvolta farci sentire soli e incompresi. Imparare una nuova lingua e adattarsi a un’altra cultura senza la rete di supporto di familiari e amici può mettere a dura prova la nostra salute mentale.

La psicoterapia è uno strumento prezioso che possiamo utilizzare per affrontare i problemi emotivi, ma quando si vive all’estero, la scelta dello psicologo è di maggiore importanza, soprattutto se si tratta di un paese in cui si parla una lingua diversa dalla nostra.

Negli Stati Uniti, ad esempio, ci sono più di 59 milioni di persone di origine ispanica, molte delle quali sarebbero probabilmente più a loro agio con il supporto di uno psicologo di lingua spagnola. In effetti, la domanda di professionisti della salute mentale di lingua spagnola sta aumentando in tutto il paese, specialmente in città come Los Angeles, dove c’è una grande popolazione ispanica.

Parlare la stessa lingua favorisce l’espressione emotiva

Nella terapia psicologica, parlare la stessa lingua è un vantaggio. Perché la psicoterapia funzioni è essenziale che lo psicologo e il paziente stabiliscano una connessione, che siano in grado di trovare un terreno comune su cui costruire la relazione terapeutica curativa.

- Annuncio pubblicitario -

La lingua e le chiavi culturali condivise sono fondamentali per sostenere questa relazione. Parlare la stessa lingua facilita lo scambio, consentendo alla persona di condividere i propri pensieri, paure, convinzioni e insicurezze in modo più naturale. Non è un caso che uno studio condotto presso la Trinity University abbia constatato che i pazienti esprimono più sintomi psicopatologici nella loro lingua madre che in una lingua straniera.

È probabile che i pazienti si sentano più a loro agio e sicuri con un terapeuta che parla la stessa lingua o addirittura condivide le loro radici culturali. È anche probabile che si sentano meno giudicati e possano trovare più facilmente le parole giuste per esprimere ciò che sentono o pensano.

Infatti, i ricercatori della St. John University hanno scoperto che le esperienze espresse nella lingua madre sono più elaborate e hanno una maggiore componente di immagini. Questi psicologi hanno anche scoperto che i contenuti espressi dai pazienti nella loro lingua madre avevano una maggiore intensità emotiva.


È anche risaputo che la terapia nella lingua del paziente evoca ricordi più negativi, come esperienze di rifiuto e abbandono, che possono essere la chiave per comprendere la storia della vita di quella persona e aiutarla a superare i suoi problemi emotivi.

Le nostre esperienze sono codificate nella lingua madre

Sebbene siamo bilingui, molte delle nostre esperienze emotive sono state create e memorizzate nella nostra lingua madre. Ciò significa che la maggior parte dei nostri ricordi, sentimenti ed emozioni sono codificati nella lingua madre.

Esiste una teoria psicolinguistica secondo cui le persone bilingui hanno una dualità intrinseca, che deriva dalle loro vite bilingue/biculturali. Quelle persone avrebbero due insiemi di esperienze e sentimenti di codifica e decodifica associati a due modi di sperimentare e comprendere il mondo, che sono costruiti, organizzati e vissuti in ciascuna lingua.

Ciò significa che il nostro “io” può sperimentare una sorta di sdoppiamento. Contiene da un lato tutte quelle esperienze infantili e giovanili codificate nella lingua madre e, dall’altro, le nuove esperienze e modi di vedere il mondo che ci siamo formati in un altro paese con una seconda lingua.

Ogni autorappresentazione evoca una cultura diversa, così come una diversa esperienza di sviluppo e identità personali e sociali. Quando le persone imparano una seconda lingua da adulti, sviluppano un secondo insieme di rappresentazioni mentali con parole e simboli che non sempre corrispondono agli stessi significati della prima lingua.

Per questo può essere difficile esprimere tutta la nostra ricchezza emotiva e condensare le prime esperienze di vita in una lingua straniera. Infatti, tradurre quelle esperienze in un’altra lingua può generare una distanza emotiva tra l’”io” che le ha vissute e l’” io” “corrente. Ricordare eventi del nostro passato e cercare di tradurli in un’altra lingua può togliere parte del loro impatto emotivo, il che impedisce di lavorare in profondità sulla sfera affettiva come parte del processo psicoterapeutico.

- Annuncio Pubblicitario -

Il linguaggio condiviso, chiave del successo della terapia psicologica

Se i pazienti non parlano correntemente il linguaggio del terapeuta, possono sentirsi insicuri, a disagio o addirittura incapaci di esprimere ciò che provano in modo accurato, il che può diventare un ostacolo alla terapia e ostacolare i progressi.

Quando la psicoterapia è svolta in una lingua acquisita più tardi nella vita, c’è sempre il rischio di perdere alcuni significati emotivi che non sono facilmente traducibili, il che significa che i dettagli vitali per il successo del trattamento potrebbero essere tralasciati.

D’altra parte, se il terapeuta non condivide gli stessi referenti culturali e linguistici, è probabile che gli sfuggano sfumature sottili ma essenziali per comprendere i vissuti del paziente e il suo modo di vedere il mondo. Potrebbe trovare più difficile decifrare certe espressioni culturali e persino informazioni non verbali trasmesse attraverso silenzi e gesti.

Uno studio condotto presso la Bulmershe Court University che esplora il processo psicoterapeutico in una lingua straniera, ha scoperto che i terapeuti avevano più difficoltà a stabilire una connessione e dovevano fare uno sforzo maggiore per capire il paziente. Infatti, la loro principale preoccupazione nella terapia era la distanza culturale e linguistica, che influiva sulla necessaria sintonizzazione emotiva.

Per questo motivo, in generale, la psicoterapia nella lingua madre è doppiamente efficace rispetto a quella svolta in una lingua straniera. Il paziente non solo si sente più a suo agio, ma lo psicologo sarà in grado di capirlo meglio, il che renderà il processo terapeutico più naturale. D’altra parte, le difficoltà nel tradurre i propri vissuti ed emozioni in una lingua diversa, così come l’incomprensione dello psicologo, aumentano le probabilità che la persona abbandoni la terapia.

In sintesi, il linguaggio e i codici culturali condivisi sono particolarmente importanti in un processo di guarigione e connessione come la psicoterapia. La lingua madre è uno strumento che ci permette di riconnetterci con il nostro passato ed esprimere le nostre emozioni ed esperienze in modo più autentico e non filtrato. Questo promuove il processo di guarigione.

Pertanto, se vivi in ​​un paese straniero in cui si parla un’altra lingua, potresti prendere in considerazione l’idea di trovare un terapista che condivida le tue radici. Per fortuna la tecnologia offre la possibilità di effettuare consulenze online, quindi non ti sarà difficile trovare uno psicologo vicino a te, ovunque tu sia. Così la terapia sarà un’esperienza più gratificante e, soprattutto, efficace.

Fonti:

Bowker, P. & Richards, B. (2004) Speaking the same language? A qualitative study of therapists’ experiences of working in English with proficient bilingual clients. Psychodynamic Practice: Individuals, Groups and Organisations; 10(4): 459–478.

Pérez Foster, R. (1996) The bilingual self-duet in two voices. Psychoanalytic Dialogues; 6: 99- 121.

Barroso, F. & Muñoz, M. (1993) Autobiographical memory in bilinguals. Journal of Psycholinguistic Research; 22(3): 319-338.

Segovia-Price, C. & Cuellar, I. (1981)Effects of language and related variables on the expression of psychopathology in Mexican American psychiatric patients. Hispanic Journal of Behavioral Sciences; 3(2): 145-160.

La entrada Psicoterapia nella tua lingua, il ponte essenziale tra paziente e psicologo se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -
Articolo precedentePrincipe Harry e il mistero della visita a Buckingham Palace: “Ci è andato prima di ripartire”
Prossimo articoloAlessandra Amoroso insieme al fidanzato Valerio: è davvero amore
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!