Praemeditatio Malorum, la tecnica stoica perché le avversità non ti colgano di sorpresa

0
- Annuncio pubblicitario -

praemeditatio malorum

Nella dittatura del pensiero positivo e delle frasi motivanti addolcite, non è ben visto focalizzare la nostra attenzione sul negativo. Evitiamo la negatività come la peste e cerchiamo di esorcizzare il pessimismo dalle nostre vite. Tuttavia, secoli fa gli stoici avevano un altro approccio. Pensavano che dobbiamo prepararci al peggio nel migliore dei modi perché i problemi non ci colgano di sorpresa.

A differenza dell’approccio di visualizzazione generale che si concentra sull’indurre una risposta psicologica e fisiologica positiva, la Praemeditatio Malorum praticata dagli stoici, considerata una tecnica di visualizzazione negativa, immagina i peggiori esiti in scenari di vita realistici per desensibilizzarci e prepararci ad affrontare le perdite della vita reale, affrontare i problemi e persino indurre sentimenti di gratitudine per la vita.

La Praemeditatio Malorum, infatti, non è una riflessione pessimista, ma una pratica di vitalità e gratitudine. Il suo obiettivo non è quello di sopraffarci con le innumerevoli disgrazie che potrebbero capitarci, ma di prepararci ad affrontarle privandole dello shock dell’imprevisto. Ciò che questa tecnica tenta di fare è sviluppare una visione della realtà così com’è, senza addolcirla.

L’origine della tecnica stoica Praemeditatio Malorum

La visualizzazione negativa, o futurorum malorum præmeditatio, è un metodo di askēsis nato con i filosofi cirenaici, ma adottato e reso popolare dagli stoici. La tecnica divenne infatti popolare con la pubblicazione delle lettere morali di Seneca.

- Annuncio pubblicitario -

L’espressione è stata però ripresa da una frase di Marco Tulio Cicerone, politico e filosofo romano, che diceva: “præmeditatio futurorum malorum lenit eorum adventum”, che significa: “prevedere i mali futuri ne allevia l’arrivo”. Di conseguenza, la præmeditatio futurorum malorum divenne uno degli esercizi spirituali più popolari per la guarigione dell’anima della scuola stoica.

Il più importante degli antichi stoici, Crisippo di Soli, la descrisse come una tecnica proendêmein che ci permette di abituarci a cose che non sono ancora accadute, comportandoci come se stessero realmente accadendo.

Un filosofo stoico successivo, Posidonio di Apamea, spiegò il concetto di proendêmein: la capacità di presentare (proanaplattein) il male futuro, sotto forma di una traccia o di un’immagine sempre disponibile, prima che si verifichi.

La disponibilità del male futuro sotto forma d’immagine ci permette di familiarizzare con quella disgrazia, così da non essere colti di sorpresa se si verifica in futuro. Quell’immagine, il tupos, anticipa il male futuro rendendolo presente. Ancora più importante, tuttavia, è che il livello di raffinatezza e credibilità di quell’immagine deve essere tale che quando il male si verifica in futuro, diventa quasi irrilevante.

Lo scopo della visualizzazione negativa, quindi, è quello di proteggerci dalle conseguenze dell’irruzione di un male inatteso. Infatti, come diceva Seneca, “gli effetti di ciò che non è previsto sono più schiaccianti poiché al disastro si aggiunge il peso dell’imprevisto. L’imprevisto ha sempre intensificato il dolore di una persona. Per questo motivo dobbiamo assicurarci che nulla ci colga di sorpresa. Dovremmo proiettare i nostri pensieri nel futuro in ogni momento per tenere conto di ogni possibile eventualità, piuttosto che pensare che gli eventi seguiranno semplicemente il loro corso.

“Dobbiamo anticipare tutte le possibilità e rafforzare lo spirito per affrontare le cose che potrebbero accadere. Provale nella tua mente […] Se non vogliamo sentirci sopraffatti e storditi da eventi insoliti, come se fossero eventi senza precedenti; dobbiamo ripensare il concetto di sorte in modo più completo”.

Il potere di rendere presente il futuro

L’intensità della visualizzazione negativa può variare da qualcosa di minimo come immaginare di perdere il treno a un problema molto più serio, come immaginare la perdita di risorse, status, salute o persino la vita.

La forza della Praemeditatio Malorum risiede nella convinzione degli stoici che la maggior parte degli eventi non è così terribile come immaginiamo. Infatti, la psicologia ha dimostrato che siamo tremendamente imprecisi quando si tratta di stimare il grado di felicità o sofferenza che gli eventi possono causarci.


Gli stoici credevano che gran parte della nostra sofferenza e del nostro dolore derivassero dalla nostra visione degli eventi. Pensavano che gli uomini inesperti avessero una visione distorta della realtà, che vedevano come più minacciosa e ostile di quanto non fosse veramente. Diceva infatti Seneca che “non c’è nessuno meno fortunato dell’uomo che le avversità dimenticano, poiché non ha possibilità di mettersi alla prova”.

Con la Praemeditatio Malorum, gli stoici riuscirono a purificare l’evento dai residui velenosi di quella cattiva ermeneutica e restituirlo alla persona neutralizzata e indebolita nella sua potenza distruttiva; cioè ridotto ad uno stato quasi indifferente.

- Annuncio Pubblicitario -

Per questo Marco Aurelio raccomandava: “inizia ogni giorno dicendo a te stesso: oggi incontrerò interferenze, ingratitudine, insolenza, slealtà, malevolenza ed egoismo”.

Va anche detto che sebbene sembri che la Praemeditatio Malorum sia un esercizio orientato al futuro, in realtà è una tecnica che cerca di neutralizzarne gli effetti negativi rendendolo presente in un insieme ordinato e coerente di immagini o tupos.

La praemeditatio efficace è quella in cui il futuro si fa presente nel modo più realistico, duro, certo e immediato possibile. Niente è risparmiato. Gli scenari peggiori vengono evocati e riprodotti dettagliatamente per preparare la mente. Pertanto, quel futuro diventa così iperconsistente in virtù di un potente atto di presentizzazione.

Questa ipercoerenza ha una proprietà terapeutica paradossale: annullare il veleno iniettato nelle cose che ci accadono da un’ermeneutica generata dalla paura. È una reazione violenta e incontrollata quando le avversità ci colgono di sorpresa.

Secondo gli stoici il male anticipato non è un male possibile, ma un male certo, non è un male futuro ma un male già reale, non è un male in atto, ma un male già compiuto, ma soprattutto, smette di essere un male. Chi è preparato al peggio avrà sempre più risposte e strumenti per affrontarlo rispetto a chi pensa che tutto andrà bene.

Come applicare la Praemeditatio Malorum?

Seneca affermava che è meglio prepararsi al peggio nei momenti migliori: “è nei tempi di sicurezza che lo spirito deve prepararsi ai tempi difficili; mentre la fortuna ti concede favori, è tempo di fortificarti contro i suoi rifiuti […] perché quando la fortuna è benigna, l’anima può creare difese contro la sua furia”.

“Prova nella tua mente: esilio, tortura, guerra, naufragio. Tutti questi concetti umani devono essere davanti ai nostri occhi […] “Prenditi una settimana in cui hai poco da mangiare, che sia scadente e mediocre, vestiti molto male, e chiediti se questo è il peggio che ti potrebbe capitare” .

Pertanto, si tratta di fare esattamente questo: pensare al peggio che potrebbe accadere quando affrontiamo un nuovo progetto, stiamo per iniziare una nuova relazione o attraversiamo una svolta nella nostra vita. Possiamo persino fare un elenco di tutte le cose che ci spaventano nel futuro, come perdere il lavoro, la fine di una relazione o una malattia.

Allora, dobbiamo chiederci: qual è la cosa peggiore che potrebbe accadere se…? Il segreto è liberare il pessimismo che c’è in noi, ma senza diventare catastrofisti. Quando visualizziamo cos’è il peggio che potrebbe accaderci, facciamo due cose: l’ansia si riduce perché comprendiamo razionalmente che quasi nulla è così grave, irrisolvibile o catastrofico come sembra, e in secondo luogo, ci incoraggiamo a cercare possibili soluzioni.

Tuttavia, il vero insegnamento di questa tecnica di visualizzazione negativa è che ogni giorno è un dono per cui essere grati. Visualizzare i possibili imprevisti della vita diventa così un atto di gratitudine e distacco che ci rende più resilienti, preparandoci al futuro. Beh, dopo tutto, è di questo che si tratta: vivere senza lasciarsi paralizzare dalla paura. Se qualcosa deve succedere, accadrà. Ma se siamo preparati, possiamo mitigarne l’impatto.

Fonti:

Alessandrelli, M. (2020) Praemeditatio malorum. In: Istituto per il Lessico Intellettuale Europeo e Storia delle Idee.

Miller, S. A. (2015) Toward a Practice of Stoic Pragmatism. The Pluralist; 10(2): 150-171.

La entrada Praemeditatio Malorum, la tecnica stoica perché le avversità non ti colgano di sorpresa se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -
Articolo precedenteMFW 23: I party più cool
Prossimo articoloMadonna, il suo nuovo fidanzato ha 35 anni in meno di lei: di chi si tratta?
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!