Perché non possiamo – e non dobbiamo – cambiare gli atteggiamenti degli altri?

0
- Annuncio pubblicitario -

“Se non fosse così, tutto sarebbe meglio”. “Mi sacrifico tanto ed è così che mi ripaga”. “Mi fa arrabbiare quando fa così”. L’elenco delle lamentele sugli atteggiamenti degli altri è infinito. Chissà, forse vorresti che i tuoi genitori fossero più comprensivi, il tuo partner più preciso, i tuoi amici più disponibili, i tuoi colleghi più collaborativi, il tuo capo più amichevole…

Quando le persone non si comportano secondo le tue aspettative è molto frustrante. Senza dubbio, è frustrante che non riconoscano ciò che fai per loro o che non ricambino allo stesso modo. Ma lamentarti degli atteggiamenti degli altri, per tutto ciò che dovrebbero fare ma non fanno o per tutto ciò che fanno e non dovrebbero fare, è la ricetta più sicura per cadere nell’insoddisfazione permanente.

La verità è che tutti noi abbiamo aspetti della nostra personalità che possiamo migliorare. Potremmo essere tutti più simpatici, comprensivi, disponibili, amichevoli, collaborativi o premurosi. Tuttavia, possiamo solo cambiare noi stessi. Non possiamo cambiare gli altri. E prima lo capiamo, meglio è.

“Evangelizzatori” con un pregiudizio egocentrico

Tendiamo a pensare che se gli altri si comportassero come noi, tutto andrebbe bene. Questo è ovviamente un errore. Il mondo ha bisogno di diversità. Tutto è un equilibrio di opposti. E questo significa che c’è spazio per tutto e per tutti. Per ciò che ci piace e ciò che non ci piace. Per ciò che ci rende felici e per ciò che ci rende tristi.

- Annuncio pubblicitario -

Infatti, pensare che gli altri debbano comportarsi come noi si basa sulla convinzione che solo le nostre decisioni, atteggiamenti e valori siano positivi, lodevoli e degni di imitazione. Quindi sono gli altri che sbagliano e devono cambiare. Corriamo così il rischio di diventare “evangelizzatori” che “predicano bene ma razzolano male”. Non ci rendiamo conto che in questo modo ci condanniamo in anticipo al fallimento perché non possiamo cambiare gli altri se loro non si compromettono al cambiamento.

I genitori, ad esempio, possono educare i propri figli trasmettendo loro determinati valori e norme di comportamento, ma ciò non significa che possano modellarli a loro immagine e somiglianza, tanto meno fingere che siano come desiderano. Ogni persona è indipendente e deve prendere le proprie decisioni in modo indipendente.

Questo non significa che dovremmo soffrire in relazioni tossiche o che dobbiamo accettare passivamente critiche distruttive, insulti o umiliazioni da parte degli altri. In tutte le relazioni sorgono problemi e conflitti che devono essere affrontati e corretti per facilitare la convivenza.

Non dobbiamo nascondere ciò che pensiamo o ignorare le cose che sono importanti per noi. Non si tratta di accettare abusi, ma di comprendere che la nostra visione e il nostro percorso non sono gli unici possibili. Pertanto, non abbiamo bisogno di cambiare gli altri, abbiamo solo bisogno di cambiare il tipo di relazione che abbiamo con loro.

- Annuncio Pubblicitario -




La differenza non è meramente terminologica, ma implica una nuova distribuzione di responsabilità e “colpe” perché significa che l’altro non ha qualcosa di intrinsecamente cattivo o negativo, ma che certi comportamenti e atteggiamenti non sono compatibili con noi e con il tipo di relazione che vogliamo mantenere.

Se non possiamo cambiare gli altri, cosa possiamo fare?

Cercare di capire il comportamento delle persone che ci circondano, specialmente quelle che fanno parte dei nostri circoli della fiducia, sarà molto più utile a lungo termine piuttosto che lamentarci. Per fare questo, dobbiamo smettere di cercare di cambiare gli altri pensando di avere la verità in mano e di conoscere la strada giusta. Possiamo invece:

1. Scoprire i loro fattori scatenanti. Abbiamo tutti dei fattori scatenanti o trigger emotivi. Si tratta di pulsanti rossi che, quando vengono premuti, ci fanno reagire visceralmente. Anche le persone con cui ci relazioniamo hanno questi fattori scatenanti. Capire cosa sono ci aiuterà a migliorare la relazione. Ad esempio, forse la persona ha argomenti delicati che sarebbe meglio non toccare o reagisce male quando è sotto pressione. Si tratta di identificare quali sono le cose che non può sopportare per cercare di evitarle.

2. Approfondire le nostre ragioni. Una relazione è sempre una questione di due. Pertanto, non possiamo limitarci a guardare fuori, incolpando l’altro, dobbiamo reindirizzare la nostra attenzione su noi stessi. Perché un certo atteggiamento o comportamento ti irrita? Finché non si tratta di una persona che abusa di noi, anche le nostre aspettative, desideri ed esperienze modellano l’immagine che abbiamo di quella persona. Pertanto, vale la pena chiederci: perché mi dà fastidio? Era davvero così grave o l’ho presa troppo sul serio? È probabile che scopriamo che stiamo esagerando o tutto è dovuto al fatto che non hanno soddisfatto le nostre aspettative.

3. Concentrarci su ciò che vogliamo dalla relazione. Non possiamo cambiare gli atteggiamenti degli altri, ma possiamo cambiare il rapporto che stabiliamo con loro. Significa che dovremmo smettere di concentrarci su tutto ciò che l’altro presumibilmente fa di sbagliato per concentrarci su ciò che non funziona nella relazione. Quindi, invece di incolpare quella persona per tutto ciò che non funziona, ci concentriamo su ciò che consideriamo insoddisfacente nella relazione e ci chiediamo come possiamo migliorarla entrambi.

Infine, dobbiamo tenere a mente che molte volte le persone non ci feriscono intenzionalmente. Ognuno porta il proprio carico di preoccupazioni, angosce, paure, insicurezze e problemi. Tutti commettiamo errori. Non possiamo cambiare gli atteggiamenti degli altri, le loro idee o influenzare i loro comportamenti per adattarli alle nostre esigenze o al nostro modo di vedere il mondo. La tolleranza e la flessibilità sono le chiavi per mantenere relazioni soddisfacenti e proteggere il nostro equilibrio mentale.

La entrada Perché non possiamo – e non dobbiamo – cambiare gli atteggiamenti degli altri? se publicó primero en Angolo della Psicologia.



- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteIrina Shayk commenta le voci sulla relazione con Kanye West
Prossimo articoloI 70 anni di Ivano Fossati, un incontentabile “esploratore”
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!