Perché esprimere le emozioni fa bene, secondo la neuroscienza

0
- Annuncio pubblicitario -

Esprimere le emozioni in modo assertivo è uno dei nostri compiti in sospeso. Non è strano se si considera che viviamo in una cultura fortemente repressiva delle emozioni. Fin da piccoli ci insegnano che bisogna reprimere le emozioni “negative” perché non sono ben viste. Non dovremmo arrabbiarci o frustrarci, e se ci sentiamo tristi o abbattuti, dovremmo nasconderlo per non mostrare la nostra vulnerabilità. Tuttavia, sempre più studi stanno andando nella direzione opposta e mostrano perché è bene esprimere le nostre emozioni.

Esprimere le emozioni genera cambiamenti nel nostro cervello

Gli stimoli a cui ci esponiamo continuamente generano una risposta a livello cerebrale che innesca emozioni diverse. Quando vediamo la fotografia di un volto arrabbiato o spaventato, ad esempio, si attiva una regione del cervello chiamata amigdala, che funge da sistema di allarme scatenando una cascata di reazioni fisiologiche ed emotive che ci aiutano a prepararci ad affrontare il presunto pericolo.

Alcuni studi di neuroimaging hanno dimostrato che l’amigdala è così sensibile da attivarsi anche quando osserviamo queste fotografie in modo subliminale; cioè così velocemente da non poterle elaborare a livello cosciente. Tuttavia, il nostro inconscio le cattura e le elabora.

Quando la reazione dell’amigdala è molto intensa, possiamo subire un sequestro emozionale. Cioè, il sistema limbico – l’amigdala in primis – prende il sopravvento e smettiamo di pensare razionalmente. Allora possiamo diventare impulsivi ed è probabile che diremo o faremo cose di cui ci pentiremo. La buona notizia è che esiste un modo molto semplice per monitorare la risposta dell’amigdala.

- Annuncio pubblicitario -

I neuroscienziati della UCLA hanno scoperto che se vediamo una faccia arrabbiata e la etichettiamo verbalmente, l’attivazione dell’amigdala si riduce. Nei loro esperimenti, hanno chiesto a un gruppo di persone di catalogare le emozioni trasmesse dai volti che apparivano nelle immagini. I ricercatori hanno scoperto che l’amigdala era meno reattiva quando le persone etichettavano quelle emozioni e sentimenti.

Hanno anche scoperto che quando si esprimono le emozioni, si attiva un’altra regione del cervello: la corteccia prefrontale ventrolaterale destra. Questa zona è stata associata all’espressione verbale delle esperienze emotive ed è implicata nell’inibizione del comportamento e dell’elaborazione emotiva.



Esprimere le emozioni ci permette di liberarci dal loro peso

Esprimere le emozioni è buono perché è come frenare le nostre risposte emotive più impulsive. Di conseguenza, saremo meno arrabbiati o tristi. Cioè, possiamo ridurre l’impatto emotivo delle situazioni, il che ci aiuta a mantenere il nostro equilibrio emotivo, anche nelle circostanze peggiori.

La corteccia prefrontale ventrolaterale destra può disattivare la prima risposta emotiva che si attiva prima di uno stimolo e ci rende arrabbiati, rattristati o frustrati. Questo ci dà anche il margine psicologico di cui abbiamo bisogno per riflettere e agire di conseguenza. Così possiamo passare dalla reazione impulsiva all’azione ponderata.

Pertanto, esprimere le emozioni ci aiuta a trovare risposte più adattive ai problemi. Preserva il nostro equilibrio mentale e il nostro ragionamento, così che possiamo cercare delle alternative e scegliere quella più conveniente.

- Annuncio Pubblicitario -


Ecco perché parlare dei nostri problemi con qualcuno ed esprimere le nostre preoccupazioni ha un effetto catartico. Quindi, quando confessiamo come ci sentiamo, possiamo toglierci un peso dalle spalle. Non è una semplice metafora. Parlare dei nostri sentimenti ne alleggerisce davvero il peso.

In effetti, a volte non è nemmeno necessario verbalizzare quelle emozioni, è sufficiente tenere un diario terapeutico per liberarci del carico emotivo che portiamo con noi.

Anche praticare mindfulness può aiutarci a ridurre la risposta dell’amigdala. In pratica, dobbiamo solo focalizzare l’attenzione su noi stessi ed etichettare ciò che stiamo provando, ma senza attaccarci a quell’emozione. Si tratta semplicemente di riconoscere lo stato emotivo. Possiamo ripetere a noi stessi: “Mi sento molto arrabbiato/frustrato/triste”.

Quell’atto di riconoscimento emotivo non eliminerà il problema, ma ci permetterà di osservarlo meglio, da una prospettiva più equilibrata. Ci aiuterà a fare pace con le nostre reazioni emotive. In definitiva, accettare le emozioni, piuttosto che negarle e reprimerle, è il primo passo per gestirle.

Per concludere, va detto che la corteccia prefrontale ventrolaterale destra si sviluppa principalmente durante la preadolescenza e l’adolescenza, per cui questa fase della vita sarebbe un periodo ideale per imparare ad esprimere le emozioni in modo assertivo e contenere il loro impatto negativo.

Fonte:

Lieberman, M. D. et. Al. (2007) Putting feelings into words: affect labeling disrupts amygdala activity in response to affective stimuli. Psychol Sci; 18(5): 421-428.

La entrada Perché esprimere le emozioni fa bene, secondo la neuroscienza se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteCapodanno in ospedale per KJ Apa
Prossimo articoloBritney defollowa sua sorella Jamie Lynn su Instagram
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!