Ostruzionismo, quando le persone accanto a te ti impediscono di avanzare

0
- Annuncio pubblicitario -

Ci sono persone che ci rendono la vita più facile e ci sono quelle che ce la rendono difficile. Ci sono maestri nel districare i nodi dell’anima e ci sono specialisti nel creare grovigli. C’è chi ha la capacità di calmierare l’ambiente e c’è chi crea tempeste in un bicchier d’acqua. È così.

Nel corso della vita incontriamo tutti i tipi di persone e dobbiamo essere preparati ad affrontarle perché le nostre gioie più grandi o i nostri dolori più profondi possono derivare da quelle relazioni. Gli ostruzionisti hanno uno di quei profili che dobbiamo imparare a gestire. Se non lo facciamo, finiremo impigliati nella loro rete, senza energia o motivazione per andare avanti.


Segnali che rivelano un atteggiamento ostruzionista

L’ostruzionismo, conosciuto anche come stonewalling, rende difficile la convivenza, trasforma quasi tutto in un problema, queste persone hanno un problema per ogni soluzione, quindi guardano solo le macchie del sole, ignorandone la luce.

Possiamo identificarli perché hanno sempre un atteggiamento negativo e ostile, così che gli incontri tendono ad essere piuttosto scontri perché generalmente si trasformano in conflitti. Gli ostruzionisti non costruiscono barricate visibili per fermarci, piuttosto creano una sottile ragnatela quasi invisibile in cui cadiamo.

- Annuncio pubblicitario -

Queste persone sviluppano una strategia di coping passivo-aggressiva, il che significa che di solito non attaccano direttamente, ma ricorrono a tattiche più sottili, dall’inganno alla manipolazione emotiva. Anche il disprezzo, l’indifferenza, l’inazione e l’evasione da ogni tipo di responsabilità sono atteggiamenti tipici dell’ostruzionismo.

Altri comportamenti caratteristici degli ostruzionisti sono:

1. Comunicazione ostile e immatura. Gli ostruzionisti non hanno sviluppato le loro capacità comunicative, quindi tendono a relazionarsi con gli altri come bambini piccoli. Quando non vogliono qualcosa, fanno solo i capricci. Non ragionano, non ascoltano e non esprimono nemmeno ciò che vogliono, ma ricorrono al silenzio come punizione.

2. Dimenticanza volontaria. Un comportamento tipico dell’ostruzionismo è la dimenticanza premeditata. Queste persone si rifiutano di aiutare o collaborare, ma invece di dirlo apertamente, scendono a compromessi e poi non mantengono la parola data, citando un’involontaria dimenticanza senza importanza. Così finiscono per ostacolare il progresso degli altri, mettendo ostacoli sul loro cammino.

3. Ambiguità permanente. Gli ostruzionisti evitano il coinvolgimento, quindi navigano nell’ambiguità e trascinano tutti gli altri in quelle acque. Anche la loro quotidianità è segnata da questa incertezza, tanto che ci spingono costantemente a prendere decisioni per loro. Spesso danno risposte vaghe o rispondono con altre domande per evitare di impegnarsi.

4. Blocco costante. Con un ostruzionista al tuo fianco, è quasi impossibile fare qualsiasi passo o fare progetti. Trovano difetti e problemi in tutto. Anche se non lo dicono chiaramente, alla fine finiscono per toglierci la voglia di fare quasi tutto perché ci contagiano con il loro pessimismo.

5. Minare il morale. Gli ostruzionisti sono specialisti nel minare il morale. Vedono ostacoli e problemi ovunque, facendoci dubitare non solo del progetto ma anche di noi stessi. La loro tattica preferita per impedirci di avanzare è minare la nostra fiducia e sicurezza, di solito attraverso commenti negativi.

Nella maggior parte dei casi, l’ostruzionismo è una tattica intesa a guadagnare tempo, evitare un problema o manipolare l’altro. Questo atteggiamento si può riscontrare in chi ha una personalità problematica e immatura, ma a volte può anche essere il risultato di esperienze traumatiche, come grandi delusioni o depressione.

- Annuncio Pubblicitario -

Lo stonewalling come strategia per bloccare i piani e annullare le persone

Lo stonewalling finisce per boicottare ogni tentativo di raggiungere un accordo e riempie il rapporto di conflitti latenti. La persona ostruzionista, infatti, trasferisce sull’altro il peso del legame, che non solo è ingiusto, ma finisce per essere logorante ed estenuante.

Per questo l’ostruzionismo nella coppia è il principale predittore di separazione. Un partner ostruzionista bloccherà tutti i tentativi di comunicazione e, non potendo risolvere i problemi in modo costruttivo, la relazione si interrompe. Vivere con una persona ostruzionista, infatti, significa avere qualcuno che ci annulla continuamente.

In un certo senso, l’atteggiamento ostruzionista potrebbe essere paragonato a una delle classiche tecniche di tortura in cui le persone venivano tenute in piedi per ore, impedendo loro di sedersi, dormire o andare in bagno. Questo tipo di abuso ha un profondo effetto sulla mente perché fa sentire alla vittima di aver perso il controllo e di cadere in una situazione di impotenza appresa.

Uno studio classico della psicologia condotto nel 1956 mostrò che se siamo esposti ripetutamente allo stesso stimolo, si attiva un processo chiamato assuefazione. L’ostruzionismo non solo assorbe la nostra energia, ma ci toglie anche il nostro entusiasmo, così cadiamo nella rete della pigrizia e del pessimismo, che è proprio ciò che vuole l’ostruzionista, che perdiamo il nostro desiderio e il nostro slancio.

Come affrontare l’ostruzionismo nelle relazioni?

Rispondere all’ostruzionismo non è facile. Le discussioni e gli ultimatum non servono con queste persone perché di solito siamo noi a perdere la pazienza. Incontrare ripetutamente un atteggiamento ostruzionista è demotivante.

La chiave per affrontare queste situazioni è l’assertività. È importante chiarire alla persona o al partner che fa ostruzionismo che c’è un problema nella relazione. Dobbiamo descrivere i comportamenti che non ci piacciono e che ci danneggiano senza assumere un tono recriminatorio, infatti è importante non incolpare la persona per il suo modo di essere e concentrarci sui suoi comportamenti in modo che non percepisca le nostre parole come un attacco personale. L’idea da trasmettere è che vogliamo migliorare il rapporto.

Ma dobbiamo tenere presente che gli ostruzionisti non sempre riconoscono ciò che sta accadendo, quindi dobbiamo essere pronti a porre dei limiti. È essenziale chiarire ciò che non siamo disposti a tollerare. Se abbiamo un partner ostruzionista, ad esempio, possiamo fargli capire che non siamo disposti a progettare e decidere sempre noi così che lui/lei possa in seguito criticarci o sabotarci. Invece, vorremmo che si coinvolgesse di più e assumesse nuove responsabilità nella relazione.

È anche essenziale chiarire le conseguenze, soprattutto se notiamo che non ci sono progressi o volontà di cambiamento. Se a rallentare il lavoro, ad esempio, è un collega ostruzionista, dobbiamo fargli sapere che non siamo disposti ad accettare questo atteggiamento e che dovrà rispondere personalmente al resto dei colleghi.

Infine, dobbiamo ricordare che l’ostruzionismo non solo annulla i nostri piani, ma può anche annullare noi come persone se non siamo in grado di uscire da quell’influenza tossica. Pertanto, dobbiamo chiarire che se non ci vogliono aiutere a prendere il volo, devono almeno liberare la pista.

Fonte:

Jasper, H. & Sharpless, S. (1956) Habituation of the arousal reaction. Brain; 79(4):655-80.

La entrada Ostruzionismo, quando le persone accanto a te ti impediscono di avanzare se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -
Articolo precedenteLuca Argentero e Cristina Marino vuotano il sacco: svelato il sesso del secondo bebé
Prossimo articoloBuone notizie per Charlene di Monaco: “Le mie condizioni di salute sono migliorate”
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!