Il kitsch ha invaso i nostri armadi e i nostri animi?!

0
- Annuncio pubblicitario -



Siamo gli eredi esagerati della moda che ci ha preceduto.

La domanda che mi pongo è: siamo o non siamo nell’epoca dell’esagerazione?! Parlando di look ovviamente, siamo pian piano passati dagli anni del trash e quindi da look interamente leopardati  al kitsch. Dai vestiti agli accessori, dalle scarpe alle borse, tutto è stato almeno in parte contaminato da questa mania kitsch, maniche esageratamente larghe gioielli su borse e scarpe, che solo a pensarci qualche anno fa avremmo ripudiato tutto, e poi vi ricordate i reggi tenda?!

 

Si quelli che servivano per tenere le tende arricciate e aperte con i pendagli di stoffa, ebbene si ora proprio questi, arricchiti da qualche pietra, si trovano nei nostri portagioielli, avete capito bene,  parlo degli orecchini.

- Annuncio pubblicitario -

 

Perché allora non parlare anche delle calze, a rete su base colorata, idea lanciata da Desigual, o anche la mania degli insetti come applicazioni su maglie e borse forse sulla

scia  di Patrizia Pepe o anche gli stivali, che sono un capitolo a parte per tutto quello che ci sarebbe da dire, stivali con tacco di varie forme stivali altissimi, che per tutte le ragazze non molto alte come me, mettono alla prova la  pazienza, tacchi larghi, stretti, storti, tacchi con mille applicazioni, quella dei tacchi sembra diventato un vero e proprio campo per l’architettura.

Viviamo negli anni dove il calzino con i tacchi specialmente aperti è un must, e dove la ciabatta anche quelle da ospedale con il calzino alto è un obbligo, grazie a Gucci, a cui si devono anche i mocassini a ciabatta con pelo;

in un periodo dove la superzeppa dalle sneakers alle crocs firmate Balenciaga si deve avere, viviamo in un periodo in cui più motivi stravaganti ci sono in un look meglio è, oppure, dove l’utilizzo di colori nell’outfit è free e soprattutto dove le applicazioni e le paillettes  hanno invaso il mondo come ci hanno mostrato Moschino, Miu Miu e Valentino.

 

 

Sono ben accetti anche richiami ad anni passati e quindi un vintage che si radica nel nostro modo di vestirci con un’unica prerogativa: esagerare.

- Annuncio Pubblicitario -


 

Stravaganza  è sicuramente la parola dell’anno. Molto in voga sono gli abiti degli anni ’80, ma non solo, infatti è il momento giusto per avvicinarsi al vintage, spopolano i vestiti di mode precedenti di qualsiasi anno.

L’aspetto migliore di tutto questo è che c’è molta libertà nella scelta di un proprio stile e per chi, come me, non riesce a sceglierne uno c’è la possibilità di avere uno stile differente ogni giorno, o anche ogni due ore se condividete con me la mania di cambiarsi molto più di frequentemente.

Vorrei soffermarmi sull’idea che questa moda o questo stile sia kitsch, ATTENZIONE!

 

 

 

Il termine kitsch è un termine tedesco che indica un’arte che presenta delle mancanze; inizialmente incarnava il brutto gusto ma andando avanti nel tempo ha acquisito connotati positivi e perso quelli troppo negativi, gli artisti possono quindi intraprendere il kitsch come forma di espressione. Questo non vuol dire che la moda del momento, o meglio, lo stile più stravagante della moda del momento, sia brutto o di poco gusto, perché andando avanti si è venuto a creare uno stile allo stesso tempo kitsch e chic , quindi se nell’armadio avete fantasie stravaganti, pezzi in vinile, maniche enormi, o nel vestire usate molti colori insieme sappiate che questo stile si è insidiato un po’ anche in voi.

Io personalmente adoro la stravaganza e l’esagerazione perché lasciano molto spazio alla fantasia, però occhio, è molto facile cadere in un’esagerazione fuori luogo.

Ci sarebbero troppe cose da dire e di cui parlare per questo cercheremo di parlare quasi di tutto più in la.



Mi piacerebbe sapere da voi quale stile preferite o anche cosa odiate e cosa adorate.

- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.