Il peso portato da coloro che sono stati capri espiatori nelle famiglie narcisistiche

0
- Annuncio pubblicitario -

Quando le persone, i gruppi o le società non fanno esame di coscienza, scelgono un capro espiatorio che si assuma tutta la colpa e quindi si liberano dalle proprie responsabilità. Nel caso delle famiglie, la persona scelta per svolgere il ruolo di capro espiatorio è ingiustamente costretta a farsi carico del peso della vergogna, della rabbia, della frustrazione o del senso di colpa proiettati dai membri della famiglia.

Sfortunatamente, anche i bambini, a volte, svolgono il ruolo di capro espiatorio nelle famiglie narcisistiche. In questi casi sono costretti a sopportare le proiezioni negative dei genitori e anche le loro responsabilità quotidiane. Di conseguenza, la famiglia finisce per derubare i propri figli della loro infanzia, anche se le conseguenze psicologiche dell’essere il capro espiatorio possono continuare fino all’età adulta.

I profili psicologici di coloro che sono stati usati come capri espiatori

– Assistente/protettore

Questi bambini sono quelli che offrono sostegno emotivo o fisico ai loro genitori. Sono spesso costretti a svolgere il ruolo di amico, terapeuta, infermiere o persino partner. Non solo si assumono le responsabilità domestiche che corrispondono ai genitori, come cucinare o prendersi cura dei fratelli più piccoli, ma cercano anche di risolvere i problemi che sorgono in famiglia. Si fanno carico delle crisi, prendono decisioni al posto dei genitori e gestiscono la vita quotidiana della casa.

- Annuncio pubblicitario -

Tuttavia, nonostante siano il capofamiglia della famiglia narcisista, questi bambini sono considerati la “causa” dei problemi, quindi non ricevono riconoscimenti per tutto ciò che fanno. Molti genitori danno semplicemente per scontato che sia loro dovere e persino li criticano e li puniscono quando non fanno bene.

I bambini che assumono il ruolo di assistente o protettore sono molto intuitivi, empatici e responsabili, ma se non imparano a priorizzare i loro bisogni in età adulta, è probabile che finiscano intrappolati in relazioni di dipendenza affettiva o che gli altri approfittino della loro buona fede. Di conseguenza, non dedicheranno abbastanza tempo e attenzione a se stessi, e poiché spesso hanno difficoltà a chiedere aiuto agli altri e ad assumersi responsabilità che non gli appartengono, non sorprende che la stanchezza, la frustrazione e il risentimento si insinuino nelle loro vite.

– Ribelli

Non tutti i bambini si rassegnano a interpretare il ruolo di capro espiatorio in una famiglia narcisista. Alcuni sono in grado di riconoscere che si tratta di una famiglia disfunzionale e si ribellano contro il trattamento ingiusto e il tentativo di incolparli e scaricare su di loro le responsabilità.

Ma sebbene siano abbastanza perspicaci da capire che stanno diventando il capro espiatorio della famiglia, non hanno gli strumenti psicologici per affrontare la situazione, quindi finiscono per esprimere sentimenti di impotenza e frustrazione attraverso il disturbo oppositivo provocatorio (DOP).

Questi bambini tendono a reagire in modo ribelle a qualsiasi forma di controllo e autorità in generale. E se non sono in grado di elaborare le emozioni mentre crescono – riconoscere la causa della loro rabbia e trovare dei modi assertivi per canalizzarla – possono diventare adulti disadattati che non si adattano bene al mondo perché lo considerano un luogo ostile contro il quale lottare continuamente.

– Perfezionisti

Durante i primi anni di vita, i genitori rappresentano la principale figura di attaccamento per i bambini, quindi non sorprende che necessitino e cerchino il loro amore e la loro approvazione. Pertanto, alcuni bambini cercheranno di combattere l’immagine del capro espiatorio cercando di far cambiare idea ai loro genitori.

- Annuncio Pubblicitario -


Questi bambini fanno di tutto per evitare critiche e rimproveri da parte della famiglia. Sviluppano modelli comportamentali perfezionisti e aspirano a risultati elevati in diverse aree per confutare la narrativa negativa che è stata costruita attorno a loro e conquistare l’affetto dei loro genitori.

Tuttavia, questi sforzi possono finire per renderli eccessivamente dipendenti dalla convalida esterna, cercando di evitare attenzioni e critiche negative, in modo da ottenere scarso riconoscimento o valore per se stessi. In effetti, spesso diventano adulti intelligenti e di successo, ma insoddisfatti di se stessi e della propria vita perché continuano a combattere la propria critica interiore, logorandosi nel tentativo di soddisfare standard eccessivi e irrealistici.

– Eterne vittime

Alcuni bambini resi capri espiatori dalla loro famiglia finiscono per assumere il discorso tossico. Introiettano le parole dei genitori e fanno proprie le loro colpe e recriminazioni. Di conseguenza, questi bambini vivono sottoposti ad abuso emotivo e abbandonati a se stessi, questo impedisce loro di sviluppare una forte autostima e fiducia in se stessi.

A lungo termine, queste persone troveranno molto difficile riprendersi dagli abusi infantili, quindi non è insolito che continuino a identificarsi con le etichette applicategli da genitori narcisisti e poco empatici. Ovviamente, per loro sarà difficile prosperare psicologicamente e sviluppare la necessaria stabilità mentale, quindi termineranno per passare da una crisi emotiva all’altra.

Molti di questi bambini possono diventare persone dipendenti, autoaccusarsi e incolparsi dei problemi degli altri. Si vittimizzano per ricevere empatia perché è l’unico modo che conoscono per attirare l’attenzione e relazionarsi. In questo modo, non sviluppano un “io” forte, ma stabiliscono invece relazioni di dipendenza con cui cercano di replicare lo schema appreso durante l’infanzia.

Certo, è difficile liberarsi dei danni causati dalle famiglie narcisistiche che usano i bambini per affrontare le loro difficoltà. Queste persone devono fare un duro lavoro in età adulta per riconoscere ciò che è successo loro e liberarsi delle etichette e dei modelli disfunzionali che le stanno limitando.

Molte volte il percorso verso la guarigione è complicato perché implica riconoscere che le persone che avrebbero dovuto prendersi cura di loro, amarli e proteggerli li hanno effettivamente usati per proiettare le loro paure, insicurezze e immaturità. Tuttavia, non è mai troppo tardi per le persone che sono state usate come capri espiatori nella loro infanzia per iniziare ad amarsi e costruire una sana autostima, stabilire limiti protettivi e sostituire i modelli di coping disadattivi appresi nell’infanzia con consapevolezza e autocompassione.



Fonte:

Hall, J. (2022) 8 Types of Children Who Are Scapegoated in Narcissistic Families. In: Psyhology Today.

La entrada Il peso portato da coloro che sono stati capri espiatori nelle famiglie narcisistiche se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteHailey Bieber nei guai per Rhode: un’azienda la porta in tribunale
Prossimo articoloWilliam compie 40 anni: gli auguri della Royal Family, ma senza Harry e Meghan
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!