Il pericolo dietro il popolare messaggio “ama il tuo corpo”

0
- Annuncio pubblicitario -
ama il tuo corpo

Quando il politically correct si unisce alla banalizzazione della Psicologia Positiva, emergono slogan che suonano bene ma nascondono atteggiamenti potenzialmente dannosi. Messaggi come “ama il tuo corpo” o “accettati come sei” sono gli esempi più emblematici.

Inquadrato nel movimento “Body Positive”, questo tipo di pensiero può assumere derive pericolose che pochi osano evidenziare per paura di essere bollati come “grasso-fobici”. Tuttavia, non dobbiamo perdere di vista il fatto che tra anoressia e obesità c’è qualcosa che si chiama peso sano.

Dalla rivendicazione dei diritti alla fabbricazione di messaggi positivi vuoti

Nel 1969, un giovane ingegnere di New York di nome Bill Fabrey era molto arrabbiato per il modo in cui le persone trattavano sua moglie, Joyce, perché era obesa. Ben presto si rese conto che non si trattava di un caso isolato, così radunò un piccolo gruppo di persone e fondò quella che oggi è conosciuta come National Association to Advance Fat Acceptance (Associazione Nazionale per Promuovere l’Accettazione dei Grassi).

Più o meno nello stesso periodo, nel 1972, un gruppo di femministe californiane creò il gruppo Fat Underground. A metà degli anni ’80 il movimento si diffuse in Inghilterra, dove si formò il London Fat Women’s Group. Questi gruppi reclamavano un trattamento rispettoso e pari opportunità per le persone obese, promuovendo un atteggiamento sociale più tollerante nei confronti della diversità.

- Annuncio pubblicitario -

Con il tempo, gli attivisti sono passati dai televisori ai social media. È così si diffuse il movimento Body Positive, che includeva tutte quelle persone il cui corpo non seguiva le rigide regole imposte dall’industria della moda.

Ma ben presto il movimento iniziò ad abbeverarsi alla più banale Psicologia Positiva iniziando a predicare l’amor proprio e l’accettazione di sé. Invece di promuovere l’accettazione sociale dei corpi emarginati per garantire a quelle persone le stesse opportunità e dare spazio a voci che raramente vengono ascoltate, molti influencer hanno semplicemente promosso l’amore per se stessi in generale e, in definitiva, un amore cieco a se stessi senza traccia di autocritica.

Come è successo con la divulgazione e l’errata interpretazione della Psicologia Positiva, la semplificazione del movimento Body Positive gli ha fatto perdere il suo originale carattere vendicativo trasformandosi in una fabbrica di messaggi positivi che suonano bene, ma mancano di un contenuto più profondo che possa incentivare un dibattito serio per promuovere un’autentica tolleranza e, soprattutto, che sia davvero benefica e salutare per tutte le persone che non hanno corpi nella norma.

Quando lo sparo si ritorce contro, atteggiamenti escludenti e autoindulgenti

Quasi ogni giorno siamo esposti a messaggi che suggeriscono che non siamo perfetti perché non siamo all’altezza degli standard sociali, siano essi estetici, professionali o meno. Ogni giorno ci viene ricordato che possiamo avere più successo, vestirci meglio, avere una pelle più giovane o un fisico più snello.

Quella pressione ci provoca un’immensa frustrazione perché ci costringe a perseguire un ideale così irrealistico da essere irraggiungibile per la maggior parte delle persone. In risposta a questo bombardamento tossico, è comprensibile che abbracciamo il movimento “Body Positive” ad occhi chiusi.

Questo movimento diventa l’antitesi di una cultura che ci fa odiare noi stessi. Ci dice che in realtà stiamo già bene così come siamo. Che amare il nostro corpo è più importante del nostro aspetto. Abbracciare queste idee ci sembra un atto di coraggio, autodeterminazione e responsabilità. Urliamo che siamo perfetti così come siamo.

Tuttavia, la banalizzazione di questi messaggi – di cui sta già approfittando la stessa industria della moda – può farci cadere in una pericolosa zona di auto-indulgenza in cui non si verifica alcun tipo di crescita e che finisce per favorire stili di vita malsani che si nascondono dietro la scusa di un discutibile amor proprio.

Il movimento “Body Positive” portato all’estremo – inteso come mera opposizione agli schemi normativi del corpo – comporta anche il rischio di replicare gli atteggiamenti negativi contro cui si suppone si opponga.

- Annuncio Pubblicitario -

Dobbiamo ricordare che ogni volta che emerge un movimento che contrasta una tendenza esistente, corre il rischio di sviluppare lo stesso schema nella direzione opposta. La negazione non dovrebbe essere fine a se stessa. Negare per il gusto di negare è puro nichilismo. La negazione dialettica consiste nel prendere gli aspetti positivi dei vecchi schemi e incorporare la validità delle nuove tendenze antagonistiche per sviluppare una visione più equilibrata.

Purtroppo nei social non mancano gli attacchi feroci e le critiche distruttive nei confronti delle donne magre o con un fisico più muscoloso, semplicemente perché c’è chi pensa che il proprio corpo non sia “reale” e imperfetto. Quindi, un movimento che dovrebbe promuovere la tolleranza, l’accettazione e l’amore verso tutti i tipi di corpi finisce per diventare un modello escludente.

Questo ci dice che siamo ancora lontani dall’avere spazi in cui parlare in modo più aperto, maturo e veramente tollerante delle diverse intersezioni in cui viviamo, spazi in cui tutti possiamo riflettere su come raggiungere una vita più piena e sana che ci facciano sentire veramente bene con noi stessi e con gli altri.


Tratta il tuo corpo come se fosse il tuo tempio

La filosofia taoista ha sempre detto che il nostro corpo è il nostro tempio. Significa che dobbiamo accettarlo e amarlo. Senza remore. Ma anche che dobbiamo prendercene cura e mantenerlo nella migliore forma possibile.

Naturalmente, non possiamo influenzare ogni aspetto del nostro fisico. In fondo, lo scorrere del tempo è inesorabile e lascia tracce in tutti. Tuttavia, ci sono aspetti che possiamo modificare, non per adeguarci a una norma estetica, ma per avvicinarci alla massima romana: mens sana in corpore sano.

L’obesità non è un problema estetico, basti pensare alla famosa Venere di Willendorf, ad alcuni dipinti di Tiziano o agli ottimi dipinti di Botero. L’obesità è un problema di salute. Ci sono miliardi di studi scientifici che indicano che riduce gli anni e la qualità della vita aumentando il rischio di soffrire di malattie cardiovascolari e diabete oltre ad alcuni tipi di cancro, disturbi ai reni e al fegato e persino depressione.

Proprio come i corpi anoressici non sono sani, nemmeno quelli obesi lo sono. Se non siamo in grado di distinguere tra estetica e salute, abbiamo un problema come società. E se non possiamo nemmeno parlarne senza diventare il nemico pubblico numero uno per gruppi apparentemente inclusivi che si rivelano particolarmente escludenti, abbiamo un problema ancora più grande.

Amare il proprio corpo non può diventare una scusa per non prendersene cura, dicendo a noi stessi che siamo perfetti e che non dobbiamo fare nulla. Quei messaggi semplicistici possono risuonare come un eco per alcune persone, che potrebbero usarli come scusa per non uscire dalla loro zona di comfort e replicare stili di vita che non sono salutari o benefici per se stessi. E questo è lontano dall’amore e dalla cura che dovremmo avere per noi stessi.

L’amore per se stessi non è autoindulgente, ma onesto. Non è dannoso, ma incoraggia piuttosto la cura di sé. Implica accettazione di sé e rispetto per se stessi, in modo che il nostro aspetto fisico non ci faccia sentire male. Ma significa anche chiederci cosa possiamo fare per prenderci cura della nostra salute emotiva e fisica. Non si tratta di seguire i comandamenti estetici, ma di applicare buon senso.

Da quel punto di vista, il semplice messaggio “ama il tuo corpo” potrebbe diventare “ama e prenditi cura del tuo corpo” mentre la frase “accettati come sei” potrebbe diventare “accettati come sei, ma sforzati di crescere e migliorare ogni giorno”. L’obiettivo è fare il possibile per essere sempre la versione migliore di noi stessi in totale libertà, per sentirci bene dentro e fuori.

La entrada Il pericolo dietro il popolare messaggio “ama il tuo corpo” se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -
Articolo precedenteJennifer Lopez e Ben Affleck già in crisi? Dagli USA soffia aria di divorzio
Prossimo articoloWanda Nara e Mauro Icardi, il tira e molla continua: il gesto di lui per riconquistarla
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!