I 5 tipi di trattamenti psicologici per le dipendenze

0
- Annuncio pubblicitario -

trattamento psicologico dipendenze

Le sostanze che alterano lo stato di coscienza sono state usate per secoli. Sacerdoti e sciamani ingerivano piante per cadere in stati di trance dissociativa e il papiro di Ebers, uno dei documenti medici più antichi dell’umanità, fa riferimento all’uso dei semi di papavero per scopi medicinali. Molti, però, si resero conto anche degli effetti negativi di queste sostanze e del loro potere di generare dipendenza. Aristotele, ad esempio, avvertì che bere durante la gravidanza poteva essere dannoso e il medico romano Celso riteneva che la dipendenza da bevande inebrianti fosse una malattia.

Tuttavia, le prime terapie per le dipendenze erano molto rudimentali e spesso anche pericolose o iatrogene. Nel 1800, ad esempio, le dipendenze da alcol e oppio venivano trattate con morfina, cocaina e altre cosiddette “medicine” che di fatto creavano una nuova dipendenza. Successivamente si diffusero terapie come lo shock termico con acqua fredda, l’induzione del coma con bromuro o insulina, o le lobotomie e l’elettroshock, che terminarono per causare più problemi di quanti ne risolvessero.

Tutto iniziò a cambiare a metà degli anni ’20, quando venne introdotto un trattamento di supporto per facilitare la disintossicazione basato sulla comprensione e l’aiuto reciproco. Oggi, grazie ai progressi delle Neuroscienze, possiamo comprendere meglio i comportamenti di dipendenza e progettare programmi di prevenzione e di trattamento psicologico delle dipendenze davvero efficaci che mettano al centro la persona e il suo benessere. Questi trattamenti sono effettuati da professionisti laureati in Psicologia o Psichiatria specializzati nel trattamento delle tossicodipendenze, in modo da seguire un metodo scientifico, contrastato nella pratica clinica.

I principali approcci nel trattamento psicologico delle dipendenze

“Non esiste un trattamento unico che funzioni per tutti. Un trattamento efficace è quello che copre tutte le esigenze del paziente, non solo per quanto riguarda l’uso di droghe, e che si estende per tutto il tempo necessario”, afferma il National Institute on Drug Abuse degli Stati Uniti.

- Annuncio pubblicitario -

Lo stesso osserva inoltre che “il counselling e altre terapie comportamentali sono le forme di trattamento più comuni”. Le dipendenze infatti sono un problema psicofisico, quindi è necessario affrontare le cause psicologiche e ambientali che stanno alla loro base, nonché aiutare la persona ad affrontare gli stati emotivi negativi che vive e fornirgli gli strumenti per evitare le ricadute.

In psicologia ci sono diversi modi per aiutare le persone che vogliono disintossicarsi. Sebbene la terapia cognitivo-comportamentale sia stata la prima a rispondere ai problemi causati dalle dipendenze e continui ad essere la più utilizzata e scientificamente ricercata, esistono anche altri approcci validi ed efficaci.

1. Terapia cognitivo-comportamentale

Questo tipo di terapia delle dipendenze integra i principi della teoria comportamentale, della teoria dell’apprendimento sociale e della terapia cognitiva, rendendolo un approccio abbastanza completo, integrale ed efficace per trattare i problemi derivanti dall’uso di sostanze e prevenire le ricadute.

Il terapeuta cognitivo-comportamentale insegna alla persona le strategie di autocontrollo che gli consentono di gestire al meglio gli impulsi. Lavora con la persona per aiutarla a riconoscere le situazioni in cui è probabile che faccia uso di sostanze e trovare il modo per evitarle. Migliora anche le sue capacità di affrontare con successo le situazioni rischiose e la addestra a evitare la recidiva.

Attraverso l’analisi funzionale, la terapia cognitivo-comportamentale identifica gli antecedenti e le conseguenze della dipendenza, in modo che la persona possa comprenderne l’impatto. La psicologa la aiuta ad analizzare le cognizioni e le convinzioni legate al comportamento di dipendenza per promuovere strategie più adattive volte a sradicare comportamenti, pensieri ed emozioni legati all’abuso di sostanze o ad altri tipi di dipendenze.

2. Terapie umanistiche ed esistenziali

Le terapie umanistiche ed esistenziali sottolineano la necessità di comprendere l’esperienza umana, quindi si concentrano sulla persona, piuttosto che sul sintomo. I problemi psicologici, inclusa la dipendenza, vengono affrontati come risultato dell’incapacità di scegliere lo stile di vita più appropriato.

Questo tipo di terapia delle dipendenze enfatizza la libertà e la responsabilità personale promuovendo l’accettazione, la crescita e l’impegno. L’approccio umanistico, ad esempio, considera che tutti noi abbiamo il potenziale per rimanere in salute e che possiamo prendere decisioni positive e benefiche per noi stessi e per gli altri, quindi la terapia si concentra sulla promozione della crescita personale invece di concentrarsi esclusivamente sul disturbo.

Nel caso dell’approccio esistenzialista, Il terapeuta aiuta la persona a trovare il senso della sua vita, così come a pensare e ad agire in modo autentico e responsabile. In questo trattamento psicologico per le dipendenze, si presume che la causa principale del problema sia l’irrequietezza e l’angoscia generate dalla solitudine, dall’isolamento e dalla mancanza di significato, quindi questi sono i problemi che vengono principalmente affrontati nelle sessioni. In generale, sono terapie basate sull’empatia e sull’ascolto riflessivo che incoraggiano l’accettazione e il compromesso.

3. Terapia psicodinamica breve

La terapia psicodinamica si concentra su come i processi inconsci si manifestano nel comportamento attuale della persona. Il suo obiettivo principale è capire come il passato influenzi il comportamento presente per promuovere la consapevolezza di quegli aspetti inconsci che stanno generando o alimentando la dipendenza.

Nella modalità breve, la persona ne analizza i sintomi, i conflitti irrisolti e le relazioni disfunzionali che provengono dal passato e che si manifestano attraverso la necessità di abusare di sostanze. In questo caso, il terapeuta di solito concentra l’intervento su un focus ristretto relativo alla dipendenza.

La psicoterapia espressiva di supporto, ad esempio, è un tipo di terapia psicodinamica adattata all’abuso di sostanze che si basa anche sull’idea che la dipendenza sia plasmata da esperienze di vita formative. In questo caso, le tecniche di supporto vengono combinate per consentire alle persone di parlare comodamente delle proprie esperienze ed emozioni personali con tecniche espressive che consentono loro di identificare e risolvere i problemi nelle loro relazioni interpersonali.

- Annuncio Pubblicitario -


4. Terapia familiare breve

I problemi causati dall’abuso di sostanze non si verificano isolatamente. In molti casi, la dinamica della famiglia di origine o attuale agisce da fattore scatenante per l’abuso di sostanze o può perpetuare quel comportamento disfunzionale. In altre parole, le interazioni con i familiari possono aggravare il problema o, al contrario, contribuire alla sua soluzione.

La terapia familiare si basa sulla teoria che quando una persona è dipendente, è fortemente influenzata dai membri della famiglia, dai suoi comportamenti e/o dallo stile di comunicazione. Per comprendere questa dinamica, lo psicologo analizza fattori come la gerarchia del potere, i ruoli e gli stili di comunicazione nella famiglia. Per questo motivo, le sessioni spesso coinvolgono altre persone, come genitori, partner o figli.

Attraverso la terapia familiare, la persona viene aiutata a identificare le aree disfunzionali ea sostituire schemi comunicativi e relazionali inadeguati con una comunicazione più chiara, diretta ed efficace in cui esistono limiti sani. Questo tipo di terapia viene spesso utilizzato quando la famiglia può aiutare la persona a riprendersi o sta vivendo gli effetti a cascata della dipendenza di uno dei suoi membri.

5. Terapia di gruppo

La terapia di gruppo è una delle modalità più utilizzate nel trattamento delle dipendenze. È utile perché permette alle persone di osservare l’andamento del proprio comportamento di dipendenza attraverso se stesse e l’osservazione degli altri, oltre a generare un impegno nei confronti del gruppo, che facilita il recupero in un clima di sostegno, comprensione e speranza.

Esistono anche diversi modelli di terapia di gruppo per le dipendenze:

Gruppi psicoeducativi. Il loro obiettivo principale è aumentare la consapevolezza delle conseguenze comportamentali, mediche e psicologiche delle dipendenze. Forniscono inoltre strumenti affinché le persone imparino a identificare, evitare e gestire gli stati interni e le circostanze esterne associate alla dipendenza.

Gruppi di sviluppo delle capacità. Sono essenzialmente gruppi di formazione sulle capacità di coping in modo che le persone possano raggiungere e mantenere uno stato di astinenza. Insegnano ai loro membri a rifiutare le offerte di droga, evitare i fattori scatenanti per l’uso, controllare gli impulsi all’uso, affrontare sentimenti come la rabbia e rilassarsi.

• Gruppi di supporto. In questi gruppi, il lavoro e l’impegno dei membri è rafforzato per sviluppare abilità sociali e gestione dei pensieri e delle emozioni legate al consumo durante il recupero. Le persone si sostengono a vicenda e condividono consigli pratici su come mantenersi in astinenza e gestire le sfide della vita quotidiana. Questo tipo di terapia della dipendenza viene anche utilizzato per migliorare l’autostima e aumentare la fiducia in se stessi dei membri.

In sintesi, ci sono diversi trattamenti psicologici per le dipendenze. Ognuno di loro segue un approccio diverso, ma nel lungo periodo tutti contribuiscono a sviluppare le capacità psicologiche di cui le persone hanno bisogno per affrontare la dipendenza. La cosa più importante è fare il primo passo e chiedere aiuto specializzato.

Fonti:

(2019) Enfoques de tratamiento para la drogadicción. In: National Institute for Drug Abuse (NIDA). – no follow

Crocq, M. (2007) Historical and cultural aspects of man’s relationship with addictive drugs. Dialogues Clin Neurosci; 9(4): 355–361.



Substance Abuse and Mental Health Services Administration (2005) 2 Types of Groups Commonly Used in Substance Abuse Treatment. In: Treatment Improvement Protocol (TIP) Series; 41.

Sánchez, E. & Gradolí, V. (2001) Intervención psicológica en conductas adictivas. Trastornos Adictivos; 3(1): 21-27.

La entrada I 5 tipi di trattamenti psicologici per le dipendenze se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteIcarus, quando il doping è di Stato
Prossimo articoloChe fatica la vita da sposati: Ben Affleck si addormenta sulla Senna
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!