E le stelle stanno a guardare…

0
- Annuncio pubblicitario -

Audrey Hepburn, Ixelles, 1929 -1993

II° Parte

Audrey Hepburn e l’UNICEF

Nel 1989 Audrey Hepburn viene nominata Goodwill Ambassador, ovvero Ambasciatrice di buona volontà: “Posso testimoniare cosa significhi l’Unicef per i bambini, perché sono stata fra quelli che hanno ricevuto cibo e soccorso medico subito dopo la Seconda Guerra Mondiale” racconta l’attrice, “L’ultimo inverno è stato il peggiore di tutti. Ormai il cibo scarseggiava […] io ero molto, molto denutrita. Appena dopo la guerra, un’organizzazione, che poi è diventata l’Unicef, è subito arrivata con la Croce Rossa e ha portato aiuti alla popolazione sotto forma di cibo, medicine e vestiti. Tutte le scuole locali furono trasformate in centri di soccorso. Io ero uno dei beneficiari insieme agli altri bambini. Conosco l’Unicef da sempre”.

Da quel giorno la sua vita non si è più fermata. Nel giro di pochi anni ha attraversato Turchia, Venezuela, Ecuador, Guatemala, Honduras, El Salvador, Messico, Bangladesh, Thailandia, Vietnam e Sudan visitando questi paesi uno dietro l’altro, senza sosta. Ha abbracciato tutti i diversi progetti del Fondo per vaccinare, proteggere, fornire acqua e servizi igienico sanitari ai bambini poveri. Ha portato la sua battaglia fino al Congresso negli Stati Uniti, partecipato al Summit Mondiale per l’Infanzia: “Aprite le vostre braccia per stringere il maggior numero di bambini, amarli e proteggerli come se fossero vostri”, le sue parole risuonano ancora fortissime, assordanti, dopo oltre 30 anni.

- Annuncio pubblicitario -

Il suo impegno a favore dei meno fortunati non si è mai interrotto nemmeno nei suoi ultimi anni di vita quando, nonostante la grave malattia che l’aveva colpita, ha voluto continuato ad incontrare i bambini dell numerose missioni nel mondo. “Non si può aspettare che una crisi sia risolta per prendersi cura dei problemi dei bambini. Loro non possono aspettare”.

Il figlio Sean, durante un’intervista rilasciata alcuni anni dopo la scomparsa di Audrey Hepburn, si esprimerà così in riferimento all’esperienza di sua madre nell’Unicef: “Dopo una vita vissuta in parte come una tortura e una lotta per riuscire ad avere una carriera indipendente e l‘autonomia finanziaria per sé e la sua famiglia, senza capire mai fino in fondo quello che la gente vedeva in lei, quello che era il suo fascino, ha trovato nella missione per l’UNICEF il modo di ringraziare il suo pubblico e “chiudere il cerchio” della sua esistenza così breve”.

Audrey Hepburn. Filmografia

  • One Wild Oat, regia di Charles Saunders (1951)
    • Racconti di giovani mogli, regia di Henry Cass (1951)
  • Risate in paradiso, regia di Mario Zampi (1951)
    • L’incredibile avventura di Mr. Holland, regia di Charles Crichton (1951)
  • Vacanze a Montecarlo, regia di Jean Boyer e Lester Fuller (1951)
    • Nous irons à Monte Carlo, regia di Jean Boyer (1952)
  • The Secret People, regia di Thorold Dickinson (1952)
    • Vacanze romane, regia di William Wyler (1953)
  • Sabrina, regia di Billy Wilder (1954)
    • Guerra e pace, regia di King Vidor (1956)
  • Cenerentola a Parigi, regia di Stanley Donen (1957)
    • Arianna, regia di Billy Wilder (1957)
  • Verdi dimore, regia di Mel Ferrer (1959)
    • La storia di una monaca, regia di Fred Zinnemann (1959)
  • Gli inesorabili, regia di John Huston (1960)
    • Colazione da Tiffany, regia di Blake Edwards (1961)
  • Quelle due, regia di William Wyler (1961)
    • Sciarada, regia di Stanley Donen (1963)
  • Insieme a Parigi, regia di Richard Quine (1964)
    • My Fair Lady, regia di George Cukor (1964)
  • Come rubare un milione di dollari e vivere felici, regia di William Wyler (1966)
    • Due per la strada, regia di Stanley Donen (1967)
  • Gli occhi della notte, regia di Terence Young (1967)
    • Robin e Marian, regia di Richard Lester (1976)
  • Linea di sangue, regia di Terence Young (1979)
    • …E tutti risero, regia di Peter Bogdanovich (1981)
  • Always – Per sempre, regia di Steven Spielberg (1989)

Articolo di Stefano Vori

- Annuncio Pubblicitario -




- Annuncio pubblicitario -

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.