Come smettere di aggrapparsi a una persona?

0
- Annuncio pubblicitario -
come smettere di aggrapparsi a una persona

Le relazioni sono complicate. Anche se abbiamo trovato la persona giusta, spesso è difficile trovare l’equilibrio tra la vicinanza e lo spazio personale di cui tutti abbiamo bisogno. Attraversare quella linea sottile è molto facile. E una volta che lo facciamo, iniziamo a sviluppare un attaccamento folle che ci fa soffrire. Quindi, in generale, aggrapparsi a una persona fa più male che bene.

Perché ci si aggrappa a una persona?

Amare non è aggrapparsi. L’amore non pone limiti, non soffoca e non imprigiona. Invece, l’attaccamento malsano ha la tendenza a controllare e soffocare l’altro. Si crea così un rapporto di dipendenza affettiva che sottrae ossigeno psicologico ai suoi membri. La cosa buffa è che più una delle persone si aggrappa, più l’altra si allontana alla ricerca di quella libertà di cui ha bisogno per essere. Questo è il motivo per cui l’attaccamento malsano porta spesso alla perdita della persona a cui ci aggrappiamo.

Il bisogno di aggrapparsi deriva spesso da una profonda insicurezza. Ci aggrappiamo a una persona perché, in qualche modo, è diventata una fonte di sicurezza psicologica. La sua presenza o il suo ricordo ci proporzionano la calma e la fiducia di cui abbiamo bisogno riempiendo i nostri vuoti emotivi. Invece di cercare la sicurezza dentro, la cerchiamo fuori, rendendo l’altro responsabile delle nostre carenze affettive.

- Annuncio pubblicitario -

Come smettere di aggrapparsi a una persona in 7 passi?

1. Ammettere la dipendenza insana. Ignorare il problema è il modo più semplice, ma non è la soluzione. Quindi il primo passo è ammettere che abbiamo un problema di attaccamento. Abbiamo sviluppato una dipendenza affettiva dal nostro partner? O forse un rapporto genitore-figlio possessivo e controllante? Oppure non lasciamo andare una persona che non fa più parte della nostra vita?

2. Comprendere il motivo di tale attaccamento. C’è sempre un motivo per fare quello che facciamo, solo che molte volte preferiamo ignorarlo. Quando ci aggrappiamo a una persona e sviluppiamo atteggiamenti di controllo, c’è una ragione. Può essere che una parte di noi non possa concepire la vita senza quella persona. O forse ci sentiamo estremamente insicuri e temiamo la solitudine. O forse siamo contrari al cambiamento. Qualunque sia il motivo, è importante trovarlo.

3. Lasciar andare il bisogno di possedere. A volte, a livello inconscio, intendiamo le relazioni interpersonali come se fossero possedimenti. Crediamo che il nostro partner o i nostri figli ci appartengano. Questa convinzione può portare a un attaccamento malsano. Pertanto, dobbiamo capire che nella vita nessuno ci appartiene veramente. Bisogna imparare ad amare senza possedere e accompagnare senza invadere.

- Annuncio Pubblicitario -

4. Trascorrere più tempo da soli. L’ignoto genera sentimenti negativi. Se siamo sempre stati circondati da persone, ad esempio, è probabile che temiamo la solitudine. Quindi a volte, il modo migliore per smettere di aggrapparsi a qualcuno è imparare a stare da soli. Non si tratta di diventare eremiti ma di imparare a godersi il tempo con se stessi in modo che la nostra felicità non dipenda eccessivamente dagli altri. È incredibile quanto possiamo imparare su noi stessi e sui nostri sentimenti quando ci prendiamo del tempo per riflettere da soli.

5. Prenderci cura di noi stessi. Quando ci aggrappiamo a un’altra persona, la nostra vita inizia a girare intorno a lei. Spesso questo significa che sacrifichiamo il nostro benessere e releghiamo i nostri bisogni in secondo piano. Per smettere di aggrapparci dobbiamo cambiare quella dinamica e prenderci più cura di noi stessi. Dobbiamo tenere a mente che anche noi meritiamo di diventare la nostra priorità. Pertanto, dobbiamo iniziare a trattarci l’un l’altro con gentilezza e compassione, mostrando a noi stessi lo stesso amore che proiettiamo verso l’esterno.

6. Dare spazio agli altri. Tutte le persone, anche quelle che si amano di più, hanno bisogno di spazio. Anche se è bene condividere momenti, pensieri ed emozioni, non è bene che l’altro si senta intrappolato e soffocato. Pertanto, dobbiamo fare uno sforzo consapevole per dargli il suo spazio e usare quel tempo per sviluppare le nostre passioni e interessi. Una persona sicura di sé, che ama se stessa e ha sviluppato una personalità unica è in grado di offrire un amore maturo che lasci ad ogni persona lo spazio per crescere.

7. Fidarci di noi stessi. La fiducia in se stessi può fare molto per mantenere relazioni sane. Le persone che sono più sicure delle proprie capacità hanno meno probabilità di trattenere gli altri come un modo per convalidare se stesse. Quando ci amiamo e ci rispettiamo, sarà molto più facile per noi amare in modo rispettoso, senza essere troppo invadenti o possessivi.

Infine, dobbiamo ricordare che prima che la persona a cui ci aggrappiamo entrasse nella nostra vita, esistevamo già ed eravamo probabilmente felici. Questo significa che il seme della felicità è in noi, non abbiamo bisogno di cercarlo fuori. Liberarci da quell’attaccamento malsano ci aiuterà a concentrarci su tutte le cose per le quali siamo grati e che ci renderanno felici, al di là di quella relazione.

La entrada Come smettere di aggrapparsi a una persona? se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -