“Sii sincero, ma non troppo”, l’incoerenza dei genitori quando insegnano ai figli a dire la verità

0
- Annuncio pubblicitario -

bugie dei bambini

Essere genitori è un compito complicato in cui i confini tra buono e cattivo sono spesso sfumati, soprattutto quando i valori che intendiamo inculcare nei bambini si scontrano con il muro della realtà. È il caso della verità e della menzogna.

Diciamo ai bambini che non dovrebbero mentire e li rimproveriamo quando lo fanno, ma spesso inviamo segnali incoerenti che finiscono per confonderli, soprattutto quando i nostri figli sono troppo sinceri in situazioni sociali in cui preferiremmo che non lo fossero, come quando mostrano di non gradire un regalo o di non voler passare del tempo con una persona che non gli piace. Altre volte chiediamo loro di essere sinceri, ma noi non lo siamo.

I bambini che dicono verità dure sono visti in modo più negativo

Gli psicologi della Texas State University realizzarono uno studio in cui analizzarono come gli adulti percepiscono i bambini che mentono e quelli che dicono la verità. È interessante notare che, nonostante il fatto che dire la verità sia generalmente considerato un valore positivo nella nostra società, gli adulti in realtà preferiscono i bambini che mentono educatamente a quelli che dicono la verità senza mezzi termini.

Il team coinvolse 438 adulti, 142 dei quali erano genitori. Le persone videro otto video che mostravano diverse scene in cui un bambino diceva una bugia seria, ad esempio che la performance musicale di suo fratello era la migliore che avesse mai sentito, nonostante fosse terribile.

- Annuncio pubblicitario -

In altre scene, quel bambino disse senza mezzi termini quello che pensava, affermando che la performance del fratello era orribile, per esempio. Ci furono anche scene in cui il bambino disse una bugia innocente affermando che la recitazione era piuttosto buona, o disse una mezza verità, indicando che la recitazione non era molto buona.

In alcuni casi il bambino mentiva per essere gentile e in altri per proteggere qualcuno dalle spiacevoli conseguenze del suo comportamento, come mentire ai genitori sul luogo in cui si trova il fratello perché non venga punito.

Dopo aver visto ogni video, gli adulti dovevano valutare il bambino tenendo conto di caratteristiche come fiducia, gentilezza e intelligenza. Dovevano anche indicare se era credibile e fino a che punto l’avrebbero punito o ricompensato se fossero stati i suoi genitori.

Quando i bambini mentivano per proteggere il fratello, ad esempio, gli adulti tendevano a giudicarli in modo più negativo rispetto a quelli onesti. I bugiardi avevano anche maggiori probabilità di essere puniti rispetto a chi diceva la verità.

Tuttavia, i bambini che dissero verità complete vennero giudicati in modo più negativo rispetto a quelli che dissero mezze verità, sebbene fossero anche considerati più affidabili.


Quando mentire è sbagliato, ma anche dire la verità lo è

Mentire è un tentativo intenzionale di creare una falsa credenza in un’altra persona e, sebbene molti adulti lo facciano quotidianamente, per motivi egoistici o per proteggere gli altri, insegniamo comunque ai bambini che mentire è sbagliato. Infatti, sapevi che la maggior parte degli adulti racconta un paio di bugie ogni giorno? Invece, dato che molti bambini non si sono ancora sottomessi totalmente alle regole sociali, possono arrivare ad essere brutalmente onesti, con grande sgomento di molti genitori.

Questo studio rivela che la motivazione dietro la menzogna è un dettaglio importante che fa pendere la bilancia nel giudizio degli adulti. Ciò significa che tendiamo a giudicare i bambini che mentono per essere gentili in modo più positivo rispetto a quelli che dicono la verità senza mezzi termini.

In generale, applichiamo un approccio incoerente nell’educare i bambini alla verità e alle bugie, perché ciò che apprezziamo di più sono le loro motivazioni. Se un bambino mente per essere gentile, viene visto in modo più positivo e ha maggiori probabilità di essere ricompensato, ma se mente per proteggere un fratello, è probabile che venga punito.

Quell’incoerenza educativa invia messaggi contrastanti ai bambini sulla necessità di dire la verità. Il punto è che, sebbene la nostra società tenda a giudicare negativamente i bugiardi, stabilisce una distinzione nell’accettabilità delle bugie tenendo conto di un’ampia gamma di fattori contestuali, come chi sta mentendo a chi e perché.

Per evitare punizioni e rimproveri per essere eccessivamente sinceri, i bambini imparano velocemente. Si è riscontrato che con soli 2 o 3 anni sono già in grado di mentire, generalmente per proteggersi o avvantaggiarsi, anche se molto presto iniziano anche a dire bugie prosociali per evitare di ferire i sentimenti degli altri.

- Annuncio Pubblicitario -

Come insegnare ai bambini a dire la verità senza ferire gli altri?

I bambini stanno sviluppando il loro sistema di valori, l’empatia e il comportamento morale nelle interazioni con gli altri, specialmente con i loro genitori. In effetti, si è visto che i genitori che offrono ai propri figli delle spiegazioni morali e li incoraggiano a ragionare sul loro comportamento tendono a crescere i figli con tendenze più altruiste.

I genitori svolgono un ruolo decisivo nel modellare il modo in cui i bambini mentono o dicono la verità, specialmente quando i loro sistemi cognitivi si stanno sviluppando. Potrebbero insegnare ai loro figli a riformulare dure verità o mentire apertamente. Molte volte questo processo avviene inconsciamente, attraverso le reazioni dei genitori quando i figli iniziano a scavare nel terreno delle bugie.

I genitori possono reagire alle bugie vedendole come violazioni morali e concentrandosi sul danno che causano o lodare i bambini e incoraggiarli a dire bugie innocenti per andare d’accordo con gli altri. Potrebbero anche scoraggiare le verità schiette con frasi come “questo non si dice” o “se non puoi dire niente di gradevole, non parlare”.

Certo, si potrebbe pensare che insegnare ai bambini a dire bugie innocenti o mezze verità li aiuterebbe ad avere più successo sociale, ma un altro studio della Nanyang Technological University mette in dubbio anche questa ipotesi.

Questi psicologi costatarono che gli effetti delle bugie innocenti si vedono nel lungo termine. Gli adulti a cui mentirono di più da bambini mentivano di più da adulti. Inoltre, riconobbero di avere maggiori difficoltà nell’affrontare le sfide sociali e psicologiche della vita. Nello specifico, avevano più problemi di adattamento, provavano più sensi di colpa e vergogna o sviluppavano un carattere più egoista e manipolativo.

“Quando i genitori dicono ai bambini che ‘l’onestà è il cammino migliore’, ma mentono, quel comportamento può inviare messaggi contrastanti ai loro figli. Alla fine, la disonestà dei genitori può erodere la fiducia e promuovere la disonestà nei bambini”, avvertono questi psicologi.

Pertanto, i genitori devono aiutare i propri figli ad esprimere ciò che sentono e pensano, senza nuocere agli altri ma rimanendo fedeli alla loro verità. Potresti aiutare tuo figlio a riformulare frasi potenzialmente offensive in modo che possa esprimere il proprio punto di vista senza ferire gli altri.

Tra “quel regalo è orribile, non mi piace!” e un parsimonioso “grazie per il regalo” c’è molta differenza. Non dobbiamo insegnare ai bambini a mentire, ma ad esprimersi senza nuocere agli altri, essendo fedeli a ciò che provano e tenendo conto dei sentimenti dell’altro. Anche se forse, quello è ancora uno dei temi in sospeso degli adulti.

Fonti:

Brimbal, L. & Crossman, A. M. (2022) Inconvenient truth-tellers: Perceptions of children’s blunt honesty. Journal of Moral Education; 10.1080.

Serota, K. B. et. Al. (2022) Unpacking variation in lie prevalence: Prolific liars, bad lie days, or both? Communication Monographs; 89(3): 307-331.

Setoh, P. et. Al. (2019) Parenting by lying in childhood is associated with negative developmental outcomes in adulthood. Journal of Experimental Child Psychology; 189: 104680 

Zahn-Waxler, C. et. Al. (1979) Child rearing and children’s prosocial initiations toward victims of distress. Child Development; 50(2): 319–330.

La entrada “Sii sincero, ma non troppo”, l’incoerenza dei genitori quando insegnano ai figli a dire la verità se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -
Articolo precedenteTra Valentina Ferragni e Matteo Napoletano è già finita: torna in campo Luca Vezil?
Prossimo articoloCristiano Ronaldo e Georgina Rodriguez sono in crisi? Lei risponde così
Redazione MusaNews
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!