Shopping solidale anti Coronavirus: le idee moda che fanno anche del bene

0
- Annuncio pubblicitario -

Non si può dire che la moda sia rimasta a guardare di fronte all’emergenza Coronavirus. Anzi, più di tutti gli altri settori ha cercato di dare il suo prezioso contributo: in tempi non sospetti serrando le sfilate, poi con donazioni e raccolte fondi, infine riconvertendo parte della produzione in camici e mascherine per il personale ospedaliero. E ora, il mondo fashion aggiunge un ultimo tassello: lo shopping solidale.



Il fashion unito (anche) nello shopping solidale

Sono infatti sempre di più i brand moda che scelgono, spesso in parallelo a campagne di beneficenza mirate, di promuovere iniziative di shopping solidale: capsule collection, oppure singoli capi e accessori creati appositamente per combattere il Covid-19. O ancora, di destinare una parte degli introiti dei propri e-commerce a ospedali e organizzazioni sanitarie impegnati a fermare l’epidemia. Un modo come un altro, per i player del lusso come per i piccoli marchi di nicchia, di contribuire a promuovere il messaggio positivo che il Coronavirus si può (e si deve) sconfiggere. Anche con un leggero diversivo, che fa bene agli occhi, oltre che al cuore.

Tutte le idee moda che aiutano gli ospedali italiani

Oreo by Chiara Ferragni

La fashion influencer, dopo aver lanciato una campagna fondi milionaria a favore dell’ospedale San Raffaele di Milano, presenta una mini capsule collection di abiti “da casa” solidali: una felpa corta e un paio di joggers a stampa, che mixano il logo occhiuto del suo brand Chiara Ferragni Collection a quello del celebre biscotto Oreo (di cui è testimonial). Tutti i proventi di Oreo by Chiara Ferragni saranno devoluti in beneficenza per sostenere la lotta al Covid-19.

- Annuncio Pubblicitario -




La felpa corta a stampa “biscotto” di Chiara Ferragni X Oreo.

- Annuncio pubblicitario -

Trussardi #ConBergamo

#ConBergamo è la campagna lanciata da Trussardi per sostenere Cesvi e supportare i servizi di terapia intensiva dell’Ospedale Papa Giovanni XXVIII di Bergamo. Il luxury brand che proprio qui è nato nel 1911 scende in campo nella lotta al Coronavirus, oltre che con una raccolta fondi dedicata, destinando il 100% degli introiti sul sito a favore di Cesvi per sostenere l’acquisto di respiratori e ventilatori polmonari per il polo ospedaliero (fino al 31 marzo 2020).

Moschino e Triboo

Moschino si impegna attivamente nella lotta al Covid-19 e si allea insieme al suo e-partner, Triboo Digitale. Dal 23 marzo al 12 aprile 2020 il 15% di ogni acquisto effettuato sullo store online del brand contribuirà a sostenere le attività dell’Azienda Unità Sanitaria Locale della Romagna e dell’Istituto Clinico Humanitas di Milano.

Teddy shoes in pelle color block, Moschino.

Yosono

A partire da lunedì 23 marzo, il brand di accessori Made in Italy Yosono invita a pre-ordinare online sul proprio sito una delle 100 borse create ad hoc per supportare la lotta al Coronavirus. Si chiama FuckOvid–19 la borsa a spalla in limited edition il cui ricavato sarà totalmente devoluto al reparto di terapia intensiva dell’Ospedale C. e G. Mazzoni di Ascoli Piceno, città natale del marchio. E per ringraziare le clienti del supporto, offre loro uno sconto del 20% sul prossimo acquisto.

FuckOvid–19, la borsa a spalla solidale di Yosono.

Save the Duck (e Doctor)

Il brand di piumini 100% animal-free Save The Duck si impegna per sostenere l’Ospedale Sacco di Milano con l’iniziativa di shopping solidale Save the Doctor. Fino al 3 aprile 2020 il 20% del ricavato delle vendite sul sito sarà devoluto alle Unità Operative di Malattie Infettive della struttura sanitaria milanese, centro d’avanguardia italiana nell’assistenza e nella ricerca contro il Coronavirus.

Moaconcept e Haikure

Due brand italiani uniscono le forze per dare il proprio contributo alla lotta al Covid-19: si tratta del marchio di sneakers Moaconcept e Haikure, specializzato in casualwear. Il risultato? Una t-shirt solidale ispirata all’opera “hearts on earth” dell’artista milanese Andrea Crespi. Lo Stivale e la scritta #WILLBEOK campeggiano sulla maglietta: il rosso, che rappresenta il presente clima di preoccupazione, si trasforma in un motivo a cuori, che viene replicato fino a ricreare la sagoma pixelata della nostra nazione. La t-shirt, nelle due versioni bianca e nera, è disponibile online a un prezzo di 29 €: per ogni capo venduto saranno devoluti 10 € alla Protezione Civile per l’acquisto di attrezzature ospedaliere, fino al 3 aprile.

La t-shirt solidale di Moaconcept e Haikure.

Gli stivaletti solidali di Malloni

Malloni presenta la calzatura artigianale in edizione limitata 20_ANNI_2020, realizzata esclusivamente su richiesta in 202 pezzi numerati con timbratura a mano, in occasione del suo ventennale. I proventi di questi stivaletti flat in pelle saranno in parte destinati a combattere Covid-19, coprendo i costi emergenti dell’Ospedale Fatebenefratelli – Isola Tiberina di Roma.



L’articolo Shopping solidale anti Coronavirus: le idee moda che fanno anche del bene sembra essere il primo su iO Donna.

- Annuncio pubblicitario -