Segnalare gli altri per evitare di essere additati

0
- Annuncio pubblicitario -

C’era un tempo in cui la massima era “vivi e lascia vivere”. In quel tempo – che oggi sembra molto remoto – ognuno doveva occuparsi dei propri affari. Giudicare gli altri non era molto ben visto. Ognuno aveva la sua vita e la viveva come voleva.

Ad un certo punto – sospetto in coincidenza con la diffusione dei social network – sempre più persone hanno iniziato ad attribuirsi il diritto di esprimere la propria opinione sugli altri. Da allora il mostro andò crescendo. In un secondo momento, quelle opinioni passarono al livello della critica e oggi sono diventate autentiche lapidazioni sociali che entreranno a far parte degli annali della cultura della cancellazione.

Tuttavia, la verità è che molte di queste campagne accusatorie non nascondono un genuino desiderio di miglioramento sociale – nonostante si proclamino tali – ma fondano le loro radici in un fenomeno psicologico molto più complesso chiamato socializzazione della colpa.

La socializzazione della colpa o l’arte di evitare le responsabilità

La socializzazione della colpa si produce quando proiettiamo i nostri sensi di colpa sugli altri. Le nostre radici giudeo-cristiane collocano il bene e il male in ogni persona, indipendentemente dalle circostanze. Tuttavia, poiché l’inclinazione al male porta con sé il seme della colpa, un sentimento che troviamo insopportabile, cerchiamo di proiettarlo al di fuori di noi stessi.

- Annuncio pubblicitario -

A livello individuale, questa proiezione della colpa è quasi incontrollabile, poco cosciente e poco razionale. Ma a livello sociale è spesso usata consapevolmente come arma da lancio per nascondere i propri “peccati”. Così terminiamo puntando il dito accusatore contro gli altri.

Facciamo molto rumore. Più è, meglio è. Riempiamo la società – ei social network – di un ruminare di lamentele e accuse sovraccariche di emotività con una logica inconsistente il cui unico obiettivo è scaricare colpe sugli altri o sulle circostanze, ciò che è più conveniente per rifiutare la nostra propria responsabilità.

Infatti, la colpa viene socializzata quando non c’è riconoscimento dei propri errori. Quando non si ha abbastanza saggezza o integrità, si tenta di segnalare gli altri per evitare che gli occhi cadano su noi stessi. Così si finisce per trasformare altri gruppi o individui in capri espiatori mentre si approfitta della cecità sociale per assumere il ruolo di giudici spietati.


Additare gli altri, cortina fumogena per nascondere le proprie ombre

Lo scrittore francese Jules Renard disse che “la nostra critica consiste nel rimproverare agli altri di non avere le qualità che crediamo di avere”. Non aveva torto. Chi punta il dito contro gli altri – a volte anche segnalando nome e cognome o dopo un hashtag virale – è spesso visto come una sorta di “poliziotto della moralità”. Diventano giudici disposti a vigilare sul “bene comune” e giudicare severamente gli altri, affrettandosi a imporre le loro regole per distogliere l’attenzione dalle loro ombre e dai loro errori. Sono in grado di vedere la pagliuzza nell’occhio dell’altro, ma ignorano la trave nel proprio.

- Annuncio Pubblicitario -

Oggi la tattica del dito puntato è spesso usata per giustificare determinate politiche. Coprire certi errori. Dare per valide certe opinioni… In questo modo, mentre una parte della società in preda all’euforia è indaffarata a lapidare il capro espiatorio di turno, chi ha iniziato la caccia alle streghe ha via libera.

Ovviamente puntare il dito contro gli altri non ci rende persone migliori, tanto meno quando lo facciamo con arroganza e prepotenza, dando per scontato che i nostri valori e il nostro modo di vedere il mondo siano gli unici possibili.

Così, senza rendercene conto, le cose vanno cambiando intorno a noi. Partecipiamo alla lapidazione sociale in cui è difficile sapere chi ha lanciato la pietra “mortale”. Sono stati tutti e non è stato nessuno. Alcune di quelle pietre – sotto forma di frasi sarcastiche o meme “spiritosi” – scioccano e feriscono. Altre passano.

Tra tanti colpi, la distribuzione delle colpe è così estesa che finisce per dissolversi e porta quasi sempre all’assoluzione di autori e sostenitori. Mentre accade tutto questo, ci impoveriamo come società andando a incrementare il numero di “brave persone” che prima bruciavano le streghe sul rogo, e ora lapidano chi non la pensa come loro sui social network.

Fonte:

Eisenberg, N. et. Al. (2000) Emotion, regulation, and moral development. Annu Rev Psychol; 51: 665-697.

La entrada Segnalare gli altri per evitare di essere additati se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -
Articolo precedenteSelvaggia Lucarelli spara a zero su Luisella Costamagna e Paola Barale: “Manipolate la realtà”
Prossimo articoloFrancesco Totti sul divorzio da Ilary: “Mi costerà parecchio”
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!