Regolazione emotiva estrinseca: quando gli altri assumono il controllo delle tue emozioni

0
- Annuncio pubblicitario -

regolazione emotiva estrinseca

“Nessuno è un’isola, completa in sé”, scrive John Donne. Abbiamo bisogno degli altri e gli altri
hanno bisogno di noi. Le emozioni degli altri ci influenzano tanto quanto le
nostre emozioni influenzano gli altri. Questa profonda connessione emotiva è
ciò che ci rafforza, ma ci rende anche più vulnerabili.



In effetti, possiamo
correre il rischio di diventare estremamente dipendenti dal supporto emotivo degli
altri, il che ci priva della possibilità di sviluppare gli strumenti di
autogestione emotiva. È normale che di tanto in tanto abbiamo bisogno di qualcuno
che ci calmi, consoli o incoraggi; ma se questo diventa la norma e non siamo in
grado di gestire i nostri stati emotivi da soli, avremo un problema, perché
dipenderemo dalla regolazione emotiva estrinseca.

Cos’è la regolazione emotiva estrinseca?

Le persone intorno a noi
svolgono spesso un ruolo chiave nell’aiutarci a gestire le nostre emozioni. Se
abbiamo un progetto importante, ad esempio, potremmo sentirci ansiosi o irritati
sentendo che non stiamo avanzando e la scadenza si avvicina.

In questo stato, a volte,
i nostri tentativi di gestire le emozioni possono avere esito negativo e finire
per generare più frustrazione. Allora è quando arriva il nostro partner, si rende
conto che siamo entrati in un ciclo distruttivo e ci aiuta ad uscirne.

- Annuncio pubblicitario -

Si è verificata una
regolazione emotiva estrinseca, che consiste nel processo attraverso il quale
una persona influenza lo stato emotivo di un’altra, consapevolmente e con un
obiettivo preciso in mente. La persona che influenza l’altro è chiamata “regolatore”.

Né empatia né contagio emotivo, la regolazione emotiva
estrinseca va ben oltre

La regolazione emotiva
estrinseca non deve essere confusa con l’empatia o il semplice contagio emotivo,
è un processo diverso di cui fanno parte:

1. Intenzionalità. A differenza del contagio emotivo, che si verifica
automaticamente, spesso senza esserne pienamente consapevoli, la regolazione
emotiva estrinseca implica l’intenzionalità. Il regolatore ha l’obiettivo di
influenzare le emozioni dell’altra persona, è consapevole di voler cambiare
quello stato emotivo attraverso le sue azioni, sia per incoraggiare chi è
triste, sia per calmare chi è arrabbiato.

2. Recitazione. Possiamo essere empatici con una persona, connetterci con i suoi
sentimenti e comprenderli, ma questo non significa necessariamente che facciamo
qualcosa per influenzarne l’umore. Nella regolazione emotiva estrinseca, al
contrario, il regolatore assume un ruolo attivo nell’influenzare l’altro. Può
variare da una consulenza o un’interpretazione alternativa del problema a un
abbraccio che dà fiducia e sicurezza.

3. Variazioni nelle emozioni positive o negative. La regolazione emotiva estrinseca non si limita a
migliorare l’umore delle persone, incoraggiandole quando sono giù o calmandole quando
sono arrabbiate. Questo processo può anche ridurre le emozioni positive o
persino generare emozioni negative. Ad esempio, un regolatore può aumentare il
nostro livello d’ansia per aiutarci a rispettare una scadenza o ridurre il
nostro entusiasmo per un progetto molto rischioso.

I 5 errori dei regolatori emotivi

Tutti noi, ad un certo
punto, abbiamo agito come regolatori delle emozioni degli altri. Tuttavia, in
alcuni casi possiamo finire per causare danni motivati ​​dalle migliori
intenzioni.

1. Non renderci conto che l’emozione è necessaria. Uno dei principali errori che commettiamo quando
proviamo a gestire l’umore degli altri è non renderci conto che, forse, l’emozione
è necessaria in quel momento. Ad esempio, forse un po’ di eustress
è proprio ciò di cui abbiamo bisogno per terminare un progetto in tempo, quindi
se qualcuno cerca di rilassarci, non ci aiuterà molto. Il regolatore dovrebbe
sempre valutare attentamente i costi e i benefici del mantenimento dell’emozione
che desidera cambiare rispetto ai vantaggi che può portare l’emozione che
intende stabilire.

2. Scegliere la strategia sbagliata. Per influenzare lo stato emotivo di un’altra persona,
dobbiamo prendere in considerazione una strategia, che può essere quella di
incoraggiarla a fare una passeggiata per rilassarsi o parlare per liberare le
emozioni represse. Ma se la strategia non ha esito positivo, può causare più
danni che benefici. Ad esempio, è stato dimostrato che parlare del trauma
appena subito può contribuire al suo consolidamento.

3. Soppressione espressiva. Una delle strategie di regolazione emotiva estrinseca
più dannose è di solito la soppressione espressiva, che consiste nel ridurre al
minimo il problema o le preoccupazioni della persona. Frasi come “non preoccuparti, non è niente”
possono avere l’effetto opposto perché la persona non si sentirà convalidata
emotivamente, al contrario, sentirà di dover nascondere le proprie emozioni
perché non sono accettate socialmente.

- Annuncio Pubblicitario -


4. Non mettersi al posto dell’altro. A volte siamo mossi dalle migliori intenzioni, ma non
riusciamo a liberarci del nostro egocentrismo per aiutare gli altri. Crediamo
che le strategie che funzionano per noi debbano avere lo stesso effetto sugli altri,
e non è così. Il fatto che desideriamo andare a una festa quando ci sentiamo
soli o tristi non significa che sia lo stesso per gli altri, spesso, infatti,
ha l’effetto opposto. Pertanto, se proviamo a gestire le emozioni degli altri
dalla nostra prospettiva, avremo grandi probabilità di essere iatrogeni.

5. Rinunciare troppo presto. La regolamentazione emotiva è un processo complesso che
spesso richiede tempo. Non possiamo trasformare la tristezza in gioia in un
batter d’occhio, quindi rinunciare troppo presto dopo il primo tentativo è un
errore comune quando proviamo ad aiutarci a vicenda.

Gestisci le tue emozioni o permetti agli altri di
regolarle?

Tutti, ad un certo
punto, abbiamo bisogno d’aiuto per gestire le nostre emozioni. Quando
attraversiamo un momento particolarmente difficile, come la fine di una
relazione, la perdita del lavoro o la morte di una persona cara, a volte
abbiamo bisogno di qualcuno che ci sostenga e ci consoli. È normale.

Ma se arriviamo a
dipendere quasi esclusivamente dagli altri per regolare i nostri stati
affettivi, avremo un problema, perché significa che non siamo in grado di
identificare, comprendere e/o regolare le nostre emozioni.

Lasciare la gestione
delle nostre emozioni nelle mani degli altri implica sviluppare una dipendenza
affettiva
, in modo che possiamo sentirci persi e confusi senza quella
persona. È come se fossimo un bambino piccolo incapace di gestire le sue
reazioni emotive, il che può portarci a prendere decisioni molto sbagliate.
Pertanto, sebbene la regolazione emotiva estrinseca sia un fenomeno normale,
dobbiamo assicurarci di ricorrere ad essa solo in casi specifici.

L’esaurimento dei regolatori emotivi

La regolazione emotiva
estrinseca può anche influire sulle persone che sono costrette a fungere da
regolatori emotivi per gli altri. Queste persone devono sopportare il peso
delle emozioni altrui – oltre alle proprie – e ciò può portare a una vera e propria
sindrome da empatia.

Dover dipendere dalle
emozioni dell’altro per aiutarlo a gestirle in modo più assertivo può essere
tremendamente estenuante, soprattutto perché alla lunga queste persone
finiscono per sopportare responsabilità che non gli corrispondono. Ciò non
significa che non dovremmo essere emotivamente disponibili per aiutare gli
altri, ma dobbiamo assicurarci che non diventi la norma.

Infatti, alimentare
quella dipendenza non sarà buono per nessuno, quindi se vogliamo davvero
aiutare, dobbiamo essere in grado di accompagnare senza invadere e sostenere
senza soppiantare.

Fonti:

Nozaki, Y.
& Mikolajczak, M. (2020) Extrinsic emotion regulation. Emotion; 20(1): 10-15.

Nozaki, Y.
(2015) Emotional competence and extrinsic emotion regulation directed toward an
ostracized person. Emotion;
15(6): 763-774.

Hofmann,
S. G. (2014) Interpersonal Emotion Regulation Model of Mood and Anxiety
Disorders. Cognit Ther Res;
38(5): 483–492.

La entrada Regolazione emotiva estrinseca: quando gli altri assumono il controllo delle tue emozioni se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -