Rapporto madre-figlia, amarsi e arrabbiarsi costantemente

0
- Annuncio pubblicitario -

relazione madre-figlia

Il legame tra madri e figli è uno dei più forti che esistano. Tuttavia, nel tempo, questa relazione attraversa diverse fasi, per cui se non adeguatamente aggiornata e gestita, con una buona dose di flessibilità che consente di rinnovare i ruoli, può generare una certa conflittualità che finisce per generare una distanza emotiva.

Ciò che ci rende uguali ci separa anche

Nel 2016, i ricercatori dell’Università della California e della Stanford University hanno scoperto che il rapporto madre-figlia aveva caratteristiche peculiari che non erano evidenti in altri legami familiari.

Esattamente, videro che il volume della materia grigia era abbastanza simile nelle madri e nelle figlie in alcune aree legate alle emozioni, così come la morfologia del “cervello emozionale”. In pratica, i nostri circuiti emotivi assomigliano molto a quelli delle nostre madri.

Ma quella somiglianza non è garanzia di sincronizzazione e fluidità nelle relazioni. O almeno non sempre. Queste somiglianze, infatti, possono essere il motivo per cui il rapporto tra madri e figlie è uno dei più complessi, difficili e delicati da gestire. Non è un caso che molti adulti siano in grado di risolvere in modo assertivo i conflitti con gli altri, ma siano senza strumenti psicologici per affrontare i dissapori con le proprie madri.

- Annuncio pubblicitario -

Il rapporto tra madre e figlia è spesso basato sull’ambivalenza; coniuga cioè bisogni e sentimenti contraddittori poiché è caratterizzato da un’elevata intensità emotiva in cui si manifestano unione e attaccamento all’unisono con il bisogno di distanza e di autonomia. Di conseguenza, i disaccordi finiscono per essere comuni.

Contenuti proiettati, la parte di responsabilità delle figlie

Una delle chiavi del conflitto nel rapporto tra madre e figlia risiede proprio in quelle somiglianze emotive. A volte proiettiamo le nostre ombre sugli altri. Attraverso questo meccanismo di difesa attribuiamo ad un’altra persona sentimenti, desideri, pulsioni o convinzioni che non riconosciamo come nostri, perché accettarli altererebbe l’immagine che abbiamo di noi stessi.

Quando percepiamo questi contenuti proiettati nel comportamento di nostra madre, per esempio, reagiamo. Quella reazione non è razionale, ma viene dal profondo del nostro inconscio. Di conseguenza, possiamo sentirci a disagio o arrabbiati e rimproverargli comportamenti, idee o emozioni che in realtà appartengono anche a noi, ma non vogliamo accettarli.

In questo caso, le nostre madri possono agire come uno specchio, restituendoci un riflesso in cui non vogliamo riconoscerci. Questo genera un’intensa reazione di rifiuto, che non è propriamente verso l’altra persona, ma verso il contenuto psicologico che non ci piace.

Replicare la relazione infantile, la parte di responsabilità delle madri

La complessità del rapporto madre-figlia va oltre i meccanismi di proiezione. In molte occasioni nascono discussioni, conflitti e dissapori perché le madri continuano a replicare lo stesso schema relazionale che usavano per trattare i propri figli quando erano piccoli.

Quel modello relazionale a volte passa attraverso rimproveri o imposizioni. Di conseguenza, i figli reagiscono ribellandosi, come facevano quando erano adolescenti. Il fatto che gli adulti con vite di successo capaci di mantenere buone relazioni interpersonali finiscano per sentire che le loro madri li fanno arrabbiare è in gran parte dovuto al fatto che hanno fatto un viaggio indietro nel tempo verso un altro stadio evolutivo.

I comportamenti materni possono fungere da innesco emotivo che ci porta a fasi precedenti del nostro sviluppo, in un’età in cui forse non eravamo così assertivi e sicuri come lo siamo ora perché non avevamo ancora capacità di comunicazione e risoluzione dei conflitti. Si tratta di una vera e propria regressione che porta a discussioni ripetute, in loop, su argomenti diversi, ma replicando gli stessi schemi e le stesse risposte del passato.

Conflitti irrisolti, responsabilità di entrambi

In molti casi le discussioni ei disaccordi nel rapporto tra madri e figlie non vengono dal presente ma dal passato, da conflitti latenti. Quando alcuni problemi non sono stati risolti nella storia del vincolo, si trascinano e si riattivano di volta in volta, ogni volta che si replicano determinate condizioni.

- Annuncio Pubblicitario -


Ad esempio, nelle situazioni in cui una figlia si è vista costretta a diventare madre o ha subito un abbandono emotivo durante l’infanzia, vengono attivate “richieste di risarcimento”. In un certo modo si comincia a reclamare ciò che non si è ricevuto come figlia attraverso i rimproveri.

Allo stesso modo, se la madre ha dovuto rinunciare ai suoi sogni per affrontare la crescita di un figlio, è altrettanto probabile che in futuro richieda attenzioni e cure. Quella madre può continuare a sfogare la sua frustrazione sui figli adulti. Può avere grandi aspettative per il suo “sacrificio” e se i figli non le soddisfano potrebbe sentirsi delusa e rinfacciarglielo.

Creare una nuova relazione madre-figlia

Il rapporto tra madre e figlia non dovrebbe diventare stagnante, ma dovrebbe essere aggiornato per adattarsi alle diverse fasi della vita e ai cambiamenti dei bisogni di ciascuna. È importante riflettere su quel legame e capire come condiziona la nostra vita.

Affrontare la realtà della relazione può essere difficile, ma non per questo meno necessario. Il legame potrebbe non essere tutto ciò che la madre o la figlia hanno sperato o sognato, quindi è essenziale adeguare le aspettative.

Dopotutto, i conflitti di solito sorgono quando l’uno o l’altro non soddisfa ciò che ci si aspetta da lui. In questo caso, conviene affrontare la relazione come faremmo con qualsiasi altro legame adulto, il che significa accettare con maggiore disinvoltura i “limiti” o il modo di essere dell’altra persona. Si tratta di accettare l’altro così com’è, senza aspettarsi che sia perfetto o si adatti al nostro modello. Questo ci evita di prendere le cose in modo così personale e può migliorare notevolmente la relazione.

Naturalmente, è anche fondamentale che tutti si occupino della loro “spazzatura emotiva”. Christiane Northrup affermò che “la migliore eredità di una madre è essere guarita come donna”. Ma scrisse anche alle figlie che è importante “liberarsi da una pesante eredità femminile di dipendenza tramandata di madre in figlia”.

Tutti dobbiamo accettare ciò che abbiamo ricevuto dai nostri genitori: il bene e il male, il dolce e l’amaro. Allo stesso tempo, i genitori devono accettare il divario tra ciò che sono i loro figli e ciò che vorrebbero che fossero. Rifiutare, litigare o volere che le cose siano diverse tende a indebolirci mentre l’accettazione ci guarisce.

È un passo liberatorio che ci apre alla vita e, lungi dal peggiorare il legame, lo rafforza. Ora da un atteggiamento più maturo, flessibile e conciliante dove ognuno ha spazio per ridefinire i propri ruoli e le proprie aspettative, sentendosi più a suo agio in quel meraviglioso rapporto tra genitori e figli.

Fonti:

Yamagata, B. et. Al. (2016) Female-Specific Intergenerational Transmission Patterns of the Human Corticolimbic Circuitry. The Journal of Neuroscience; 36(4): 1254-1260.

Champagne, F. A. et. Al. (2006) Maternal care associated with methylation of the estrogen receptoralpha1b promoter and estrogen receptor-alpha expression in the medial preoptic area of female offspring. Endocrinology; 147:2909 –2915.

La entrada Rapporto madre-figlia, amarsi e arrabbiarsi costantemente se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -
Articolo precedenteLa Juve rischia di andare in serie B?
Prossimo articoloRe Carlo III caccia il principe Andrea da Palazzo: tutta colpa del solito vizietto
Redazione MusaNews
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!