Pizzo, il materiale delle mille fantasie

0
- Annuncio pubblicitario -

Per tutte coloro che vogliono istigare la fantasia senza dire una parola.

Per iniziare la settimana  parleremo di un qualcosa di più easy.



Il pizzo nell’abbigliamento che ne pensate?!

Il pizzo anche chiamato merletto o trina fa parte dell’abbigliamento femminile fin dal XV secolo. Ha origine a Venezia, o meglio è qui che fa la sua prima comparsa, inizialmente lavorato solo a casa e  in seguito, con l’aumento delle richieste nasce il ruolo della merlettaia. Fino al ‘700 ha caratterizzato anche l’abbigliamento maschile, molto amato da Napoleone e da Luigi XIV, fu spinto alla diffusione anche grazie alla dogaressa Morosini che nel 1595 istituì il primo laboratorio di merlettaie.

- Annuncio pubblicitario -

Il pizzo delicato sensuale e sexy, è sempre stato presente nei nostri armadi.

Negli ultimi anni la moda ci ha portato ad indossare il pizzo come parte integrante del nostro look o come arricchimento, come accessorio, collane, bracciali e orecchini di pizzo,  merletti ovunque che sbucano dalle scollature o che si vedono da maglie di tessuto trasparente.

Io personalmente adoro il pizzo come parte dell’ outfit o che si intravede , lo trovo molto femminile e sensuale. Il capo di pizzo parla da se, ci fa capire che oltre i vestiti e sotto a quello stile curato c’è molto altro da scoprire e allora è lì che il pizzo entra in un perfetto feeling con le donne, sfuggenti e misteriose che amano ammaliare lasciando un qualcosa in sospeso,coprendo tutto con un velo di misteri e intrighi; qualcosa che istiga la persona che ne viene attratta;  tutto questo il pizzo lo fa senza parlare ma attraverso l’impatto visivo, incorniciando questo atteggiamento schivo ma sensuale. Il pizzo è un mondo a sé rispetto allo stile che ci distingue, offre ad ogni donna la possibilità di crearsi un proprio mondo e di sfuggire alla realtà incarnando qualunque personaggio lei voglia essere.

- Annuncio Pubblicitario -


Ultimamente lo si vede ai bordi delle maglie o di vestiti e sottovesti , oppure  utilizzati sono i top  e i body di pizzo, firmati Intimissimi e Tezenis, che si abbinano con tutto dando un tocco di eleganza e sensualità,pantaloni in pizzo trasparente o anche look interamente di pizzo colorati come la nuova collezione Gucci.

Per non parlare dell’intimo, l’intimo di pizzo è forse una delle cose più sexy e femminili che ci siano e questo ce lo hanno dimostrato gli angeli di Victoria Secret con i loro animi frizzanti e i loro completi da capogiro, bustini, reggiseni,  body e slip tutto realizzato in pizzo, con quel sapore vedo non vedo che sa molto di femme fatale.

Quindi il mio consiglio per tutte voi è quello di avere sempre un po’ di pizzo nell’armadio perchè nel caso in cui non si sappia cosa indossare il pizzo è una risorsa fantastica, può essere abbinato con tutto e ci da quel tocco di eleganza che non guasta mai, se abbinato con qualcosa di più sportivo aggiungerà quella punta di sexy che altrimenti sarebbe mancata.

Se invece preferite osare potete approfittare di questa ventata di merletti colorati per sfoggiare giacche, pantaloni e maglie interamente in pizzo e perché no, per le più eccentriche,  anche più pezzi in pizzo, occhio però ad accostare colori e materiali così importanti.

Se anche a voi piace lasciare quella scia di mistero ed interesse il pizzo è ciò che fa per voi.

 



- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteMUSA TALENT – Let’s find our beauty
Prossimo articoloTestimonianza sul Vampiro “NARCISISTA” una straordinaria descrizione…
Ciao sono Giorgia, direi che ho tante passioni, tra cui danza, scrittura e moda e studio mediazione linguistica. Credo di essermi appassionata alla scrittura nel campo della moda grazie al personaggio di Carrie Bradshaw nella serie Sex and the city, forse per i vestiti forse perchè è una realtà non realistica, forse per l'ambientazione, non so ma c'è qualcosa che mi ha affascinato a tal punto da voler provare l'ebrezza del condividere i miei pensieri riguardo a ciò che mi piace con chi ha voglia di leggere ciò che dico. In più penso di essere precedentemente rimasta affascinata dagli scrittori, in generale, per il loro modo di esprimersi e di raccontarsi, per il loro modo di saper mettere tutte le parole nella loro giusta posizione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.