Perdere l’amore: come riconoscere i sintomi?

0
- Annuncio pubblicitario -

perdere l'amore

La perdita dell’amore di solito non arriva senza preavviso, va dando segnali di allarme. Succede che a volte non prestiamo abbastanza attenzione ai segni che indicano che la relazione sta facendo acqua, sia perché viviamo una vita troppo frenetica, perché presumiamo che l’amore durerà una vita o semplicemente perché ci terrorizza riconoscere che la relazione non ha futuro.

Sebbene ci piace credere che l’amore sia per la vita, un mito molto popolare che ha alimentato sia la settima arte che la letteratura romantica, la verità è che infatuazione, passione e desiderio di stare insieme possono avere una data di scadenza, specialmente di questi tempi, quando le relazioni liquide sono all’ordine del giorno.

Alcuni psicologi affermano che il disamore nella coppia inizia in un periodo che va dai sei mesi ai due anni dopo l’inizio della relazione. Naturalmente, non significa che le persone non si amino, ma che passino ad un’altra fase nella vita di coppia.

- Annuncio pubblicitario -

La buona notizia è che non tutti condividono quell’idea: alcuni psicologi credono che l’amore possa anche migliorare nel corso degli anni, come un buon vino. Ma perché ciò accada è necessario che la coppia si sforzi di alimentare la fiamma.

I principali sintomi della fine dell’amore

Quando i conflitti diventano pane quotidiano, il tuo partner ti irrita più del solito, il desiderio sessuale è scomparso e le carezze e i dettagli sono evidenti per la loro assenza, è probabile che la fine dell’amore si sia già stabilita nella relazione. Se si desidera salvare la relazione, è essenziale agire prima di raggiungere quel punto. Ecco perché è così importante imparare a riconoscere i primi segnali di perdita dell’amore.

  1. Perdita della gioia che significa stare insieme

Quando siamo innamorati vogliamo trascorrere del tempo in coppia perché la relazione ci fa sentire a nostro agio e felici. Quando gli incontri diventano più sporadici o i sentimenti positivi che generavano scompaiono, la persona probabilmente non risveglia più gli stessi sentimenti positivi. Nei casi più estremi potremmo persino perdere il desiderio di stargli accanto, quindi possiamo inventare delle scuse per evitare gli incontri più intimi.

  1. Assenza di atti d’affetto, lodi e dettagli

L’amore non è solo sentito, è anche dimostrato. Pertanto, uno dei principali sintomi di disamore è una diminuzione delle espressioni d’affetto. Quando il partner non conta più molto per noi, le carezze e i piccoli dettagli quotidiani spontanei che rendono la vita migliore e più piacevole scompaiono. Le risate e le complicità sono perse. Le manifestazioni d’amore sono sostituite da espressioni di noia, apatia o indifferenza.

  1. Riduzione dei progetti comuni

Quando una coppia si ama, è normale che abbiano dei progetti in comune perché entrambi condividono sempre più attività, interessi e obiettivi nella vita. Pertanto, un segno di perdita dell’amore è che le agende si dividono, in modo che l’altra persona abbia sempre meno spazio nella nostra vita. In questi casi, lo spazio individuale finisce per imporsi sugli spazi condivisi e i progetti comuni sfumano fino alla loro scomparsa.

  1. Impoverimento della comunicazione

Non tutti abbiamo le stesse capacità comunicative, ma quando c’è l’amore cerchiamo sempre di raggiungere la comprensione. Ci arrendiamo per raggiungere un punto intermedio che permetta alla relazione di funzionare. Quando l’amore finisce, compaiono problemi di comunicazione, sia perché ci sono più recriminazioni e discussioni, spesso per ragioni banali, sia perché la comunicazione è così impoverita che è praticamente ridotta a monosillabi. In quest’ultimo caso, è probabile che la coppia stia insieme ma assente perché condivide solo la presenza fisica.

  1. Intolleranza verso i comportamenti dell’altro

Uno dei sintomi più duri della perdita dell’amore è l’avversione che il partner può provocare. Quando sentiamo di non avere più nulla in comune con l’altro, smetteremo di guardarlo attraverso il prisma dell’amore e inizieremo a vederlo attraverso lenti grigie, in modo che tutti i suoi difetti ed errori crescano e diventino insopportabili ai nostri occhi. Sviluppiamo intolleranza verso gli errori dell’altro, anche i più irrilevanti, che diventano rapidamente motivo di rabbia o disgusto e finiscono per generare discussioni.

  1. Fantasie di infedeltà

Fondamentalmente, la mancanza d’amore è dovuta al fatto che la relazione di coppia non soddisfa più adeguatamente i bisogni di almeno uno dei membri. Pertanto, non sorprende che la diminuzione delle piacevoli fantasie con il partner sia seguita da fantasie con un’altra persona. Se proviamo un sentimento di disamore, è normale per noi iniziare a guardare di più gli altri, per trovare altre persone più attraenti e, in alcuni casi, potremmo persino arrivare all’infedeltà.

  1. Perdita di desiderio sessuale

Uno dei segni più evidenti di disamore è l’allontanamento fisico del partner. Non solo il desiderio dell’altro scompare, ma anche il bisogno d’intimità e vicinanza fisica che unisce i cuori. In altri casi, la sfera sessuale diventa semplicemente monotona e priva di stimoli. Baci e carezze non scompaiono ma diventano atti automatici che significano poco per l’altro.

- Annuncio Pubblicitario -

Vale la pena chiarire che l’assenza di espressioni d’affetto o la perdita del desiderio sessuale non sono sempre sintomi di perdita dell’amore. In alcuni casi, lo stress, la tristezza patologica, l’esistenza di un qualsiasi disturbo emotivo o uno stadio della vita particolarmente difficile portano all’omissione di gesti di affetto o di interesse sessuale, senza che ciò significhi necessariamente che sta iniziando di fine dell’amore.

Le fasi della perdita dell’amore, un processo complesso

La perdita dell’amore di solito non avviene dall’oggi al domani. È solitamente un processo graduale in cui si perde l’interesse per l’altra persona e la relazione.

La prima fase è di solito la perdita della passione. La coppia sta insieme, ma iniziano a sentire che nulla è più uguale a prima, hanno perso la fiamma iniziale e l’emozione quando stanno insieme. A questo punto la relazione diventa più monotona.

Nella seconda fase del disamore, il compromesso con la relazione inizia a crollare. Una delle persone prende le distanze, in modo che la relazione inizia a indebolirsi dal punto di vista emotivo. A questo punto la coppia inizia a condurre una vita sempre più separata.

Nell’ultima fase del disamore appare la delusione. Le imperfezioni dell’altro diventano più visibili e alcune delle sue caratteristiche o comportamenti diventano incompatibili e intollerabili. Quello che prima era positivo diventa negativo e la sensazione che la relazione non abbia futuro si rafforza perché è molto difficile recuperare l’illusione.

È importante notare che molte volte questo processo non avviene in modo lineare. In alcuni casi puoi alternare fasi di amore e periodi di disamore. In queste circostanze, il partner è amato e snobbato allo stesso tempo, a causa di quella che potremmo definire una “disaffezione incompleta” che è il prodotto dell’ambivalenza dei sentimenti.

È possibile invertire il disamore?

Essere innamorati non equivale ad amare. Innamorarsi è un processo profondamente mediato dalla chimica cerebrale perché vengono rilasciati un gran numero di ormoni, come l’ossitocina e la vasopressina, che sono i principali responsabili della sensazione di avere delle farfalle nello stomaco, ci sentiamo tra le nuvole o crediamo che la’altra persona sia perfetta. L’amore, al contrario, è un sentimento più profondo e più solido basato su un’immagine più realistica dell’altro e della relazione.

Ciò significa che le reazioni chimiche che sperimentiamo all’inizio dell’infatuazione possono scomparire. È in quel preciso momento in cui l’amore entra in gioco. Pertanto, quando l’infatuazione scompare, possiamo contrattaccare alimentando un amore più maturo che ci permette di riscoprirci l’un l’altro – veramente – e accettare l’altro per quello che è – con le sue virtù e i suoi difetti.

Per raggiungere questo obiettivo, tuttavia, dobbiamo impegnarci nella relazione ed essere convinti che ne valga la pena. Se abbiamo completamente perso l’illusione, ci sentiamo delusi o semplicemente decidiamo che non è ciò che vogliamo, il disamore non sparirà.

Dobbiamo essere pronti a capire quando l’amore finisce e sapere come determinare se si tratta di una crisi di coppia o di una rottura definitiva. Rifiutare di riconoscere che abbiamo smesso di amare una persona o che ha smesso di amarci non fermerà il processo di perdita dell’amore, ma prolungherà solo l’agonia causando problemi più gravi dai quali sarà più difficile riprendersi.


La entrada Perdere l’amore: come riconoscere i sintomi? se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -