Perdere la pazienza con i figli: 7 soluzioni alla mancanza di pazienza

0
- Annuncio pubblicitario -
perdere la pazienza con i figli

“Perdo spesso la calma con i miei figli”

“Non ho pazienza con i miei figli”

Circa il 60% dei genitori riconosce che il problema principale nel crescere i propri figli è la pazienza. Perdere la pazienza con i figli è una situazione relativamente comune. I bambini non arrivano con un manuale di istruzioni sotto il braccio ei genitori spesso scoprono in situ che crescere un bambino è molto più difficile di quanto pensassero.

Il primo passo per smettere di perdere la pazienza con i figli è capire il vero motivo dietro la rabbia e la mancanza di pazienza. Solo in questo modo possiamo lavorare per creare un ambiente più positivo in casa e costruire una famiglia funzionale in cui tutti i membri si sentano a proprio agio.

- Annuncio pubblicitario -

Le cause della mancanza di pazienza con i bambini

1. Stanchezza. Viviamo in un mondo che ci chiede troppo. Lavoro, impegni sociali, faccende domestiche … La maggior parte delle volte possiamo fare tutto, ma terminiamo esauriti. A questo dobbiamo aggiungere che i bambini sembrano avere una quantità illimitata di energia, mentre noi ci svegliamo già stanchi. Questa stanchezza accumulata ci impedisce di esercitare l’autocontrollo e finiamo per perdere la pazienza.

2. Rabbia proiettata. A volte possiamo perdere la pazienza con i bambini quando escono tardi la mattina o versano una bevanda sul divano, ma la verità è che nella maggior parte dei casi il problema è più profondo. Da adulti, dovremmo capire che sono solo bambini e che è normale che commettano errori. Se non lo capiamo e ci arrabbiamo, probabilmente stiamo proiettando la nostra rabbia su di loro. Potremmo essere arrabbiati con qualcun altro, come il nostro capo o il partner, ma invece di affrontare questo conflitto latente, facciamo dei bambini il centro di quella rabbia e diventiamo impazienti con loro.

3. Aspettative irrealistiche. Non possiamo aspettarci mele da un banano. Ne siamo consapevoli, ma a volte lo dimentichiamo. I bambini sono bambini, se ci aspettiamo che si comportino come adulti alimenteremo aspettative irrealistiche che andranno in frantumi contro il muro della realtà. Tuttavia, ogni volta che un’aspettativa viene infranta, ci sentiamo frustrati ed è molto facile riversare quella frustrazione sui più piccoli in casa.

4. Mancanza di pianificazione. Spesso abbiamo un’agenda molto fitta che non prevede l’imprevedibilità della vita e della genitorialità o maternità in particolare. Il ritmo di questa società costringe la maggior parte delle persone che hanno figli a vivere più velocemente, piuttosto che permettere loro di andare a un ritmo più lento per accompagnare i bambini. Non pianificare che le cose possano andare storte ci farà arrabbiare e perdere i nervi, e a pagarla saranno i bambini.

5. Prospettiva distorta. A volte diamo per scontato che i bambini siano il nemico. Pensiamo che facciano le cose per infastidirci, stressarci e tenerci sotto assedio. Questa prospettiva distorta ci porta a vederci come combattenti su un campo di battaglia, quando la verità è che è difficile metterci nei panni dei bambini perché pensiamo sempre che le nostre preoccupazioni e i nostri obblighi siano più importanti.

Come smettere di perdere la pazienza con i figli?

Per essere buoni genitori l’amore non basta, è necessario esercitare e rafforzare il muscolo della pazienza. Fortunatamente, ci sono strategie semplici per sviluppare la pazienza e contrastare i motivi per cui perdiamo la pazienza.

- Annuncio Pubblicitario -


1. Ricarica le batterie. È complicato, ma se perdi spesso la pazienza con i tuoi figli, dovresti fare il possibile per riposarti quando ne hai la possibilità. Potresti ridurre i tuoi impegni sociali o, al contrario, uscire di più per schiarirti la mente, chiedere aiuto alla tua famiglia o distribuire le faccende domestiche in modo più uniforme con il tuo partner. L’energia psicologica non è un pozzo senza fondo, devi ricaricarla. Se non lo fai, le persone intorno a te finiranno per pagarne le conseguenze e la tua salute fisica ed emotiva ne risentirà.

2. Chiedi meno a te stesso. Per smettere di perdere la pazienza con i figli, a volte devi solo modificare le tue aspettative. Ti chiedi se stai chiedendo molto a te stesso o stai chiedendo molto ai tuoi figli? Potresti dover rallentare o accettare che alcune cose non saranno perfette, ma va bene. Il mondo non finirà. La maternità e la paternità sono difficili, quindi puoi concederti il ​​permesso di sforzarti di meno.

3. Priorizza. Non devi fare tutto. Non è necessario. In effetti, è probabile che durante la giornata svolgi diverse attività che richiedono una grande quantità di tempo ed energia ma non sono rilevanti. Analizza la tua quotidianità ed elimina quelle cose che non sono essenziali, prioritarie o rilevanti. In questo modo sarai meno sopraffatto e sarai più riposato alla fine della giornata.

4. Pianifica, pianifica e torna a pianificare. Immagina come sarebbe una giornata perfetta. Calcola quanto tempo ed energia richiede e triplicala per includere tutti gli eventi imprevisti che possono verificarsi. Come dice un vecchio proverbio inglese: “aspettati il ​​meglio, preparati al peggio e prendi ciò che viene”. Fai un elenco delle cose che devi fare. Quindi la tua giornata avrà un ordine e sentirai che hai il controllo.

5. Cerca la vera causa della tua rabbia. Chiediti da dove viene la rabbia. Potrebbe dipendere da un alterco che hai avuto con qualcun altro, un problema che non hai risolto o da altre preoccupazioni che non hanno nulla a che fare con i tuoi figli. Prima di perdere la pazienza con loro, ricordati che non è colpa loro.

6. Identifica i tuoi fattori scatenanti. Abbiamo tutti dei pulsanti che, se premuti, ci fanno perdere la pazienza. Devi identificarli. Perdi la pazienza più presto la mattina o la sera? Qualche comportamento particolare di tuo figlio ti dà fastidio? Quando si identificano questi fattori scatenanti, è necessario stabilire un piano d’azione per evitarli.

7. Fermati prima del punto di non ritorno. Il punto di non ritorno è quello in cui perdi la pazienza e urli. Per non arrivare a quell’estremo, puoi applicare il concetto del “triangolo cognitivo”, in base al quale i tuoi pensieri, comportamenti e sentimenti sono collegati, in modo che se vuoi cambiare come ti senti o il tuo comportamento con i tuoi figli, devi solo cambiare i tuoi pensieri. Quando inizia la spirale di pensieri negativi che i bambini possono scatenare, dì semplicemente a te stesso che accadrà. Non concentrarti sul lato negativo, pensa a qualcosa di positivo per aiutare il tuo cervello ad andare in un’altra direzione.

In ogni caso, se perdi la pazienza con i tuoi figli, non dimenticare di chiedere loro perdono. Tutti commettiamo errori, ma è importante riconoscerlo e cercare di riparare i danni causati. In questo modo diventerai un esempio positivo di gestione emotiva per i tuoi figli.

La entrada Perdere la pazienza con i figli: 7 soluzioni alla mancanza di pazienza se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -