Le delusioni della vita nascono dalle tue aspettative, non dare la colpa agli altri

0
- Annuncio pubblicitario -
delusioni

Ci sono delusioni che fanno male, che pungono, che irrompono dentro. Quando ti senti male, la sofferenza può offuscarti la vista. Può spingerti a cercare colpe all’esterno. Individuare dei capri espiatori.

Dare la colpa all’altro alleggerisce il peso emotivo della delusione. Riduce il peso di un ego addolorato. Ti aiuta ad avere compassione di te stesso. Ma il più delle volte non è giusto.


L’origine della delusione, dalle promesse non mantenute alle aspettative

Le delusioni nascono dalle aspettative. Ecco perché Alexander Pope scrisse: “beato colui che non si aspetta nulla perché non sarà mai deluso”.

A volte le aspettative hanno origine nelle promesse. Se qualcuno ha promesso di aiutarti ma non l’ha fatto, è comprensibile che tu possa rimanere deluso. Se qualcuno ti ha detto che sarebbe stato al tuo fianco per sempre e poi ti ha abbandonato senza spiegazioni, è normale sentirsi delusi.

- Annuncio pubblicitario -

Tuttavia, la stragrande maggioranza delle delusioni non deriva da promesse non mantenute ma dalle aspettative che riponi sugli altri.

Quando incontriamo una persona e ci connettiamo, iniziamo a costruire una relazione. Creiamo legami emotivi. Ci compromettiamo. Ci mettiamo tempo e impegno e facciamo anche sacrifici. Quindi iniziamo a nutrire aspettative. Ci aspettiamo reciprocità. Ci aspettiamo che l’altro assuma il suo “debito relazionale”.

Se quella persona non si comporta come previsto, ci sentiamo delusi. Quindi diamo la colpa a lei. Gli rimproveriamo la sua mancanza d’impegno, abnegazione, sensibilità, stabilità… Ma questi rimproveri non sono altro che l’espressione delle nostre aspettative infrante. Rivelano la rottura del modello in cui cerchiamo di inserirlo.

Generalmente costruiamo quel modello basandoci sui ruoli sociali e sull’idea che ci siamo formati su come dovrebbero essere i diversi tipi di relazioni. È così che finiamo per alimentare aspettative sui nostri figli, genitori, partner, amici e persino su colleghi e vicini.

Quel modo di pensare però ha un difetto: non tutti condividono la nostra idea di come dovrebbero essere le relazioni. Non tutti siamo d’accordo sulla misura della dedizione necessaria, sulla dose di sacrificio o anche sul tempo da trascorrere insieme.

Alle nostre aspettative, di solito, manca un tassello fondamentale: l’altro. Ecco perché svaniscono così facilmente. Proiettiamo i nostri desideri e le nostre illusioni sugli altri, sperando che li soddisfino. E quando non lo fanno, li incolpiamo.

- Annuncio Pubblicitario -

Le aspettative come forma di coercizione

Abbiamo tutti una tendenza naturale ad anticipare gli eventi e fare supposizioni sugli altri. È perfettamente comprensibile perché è così che ci prepariamo per il futuro. È normale per noi voler sapere su chi possiamo contare nelle ore buie o chi ci sosterrà quando dovremo spiccare il volo.

Ma spesso i nostri “piani” sono lontani dalla realtà. Non si basano su dati oggettivi o promesse serie ma sui nostri desideri e illusioni. Quando diamo per scontato che gli altri si comporteranno in un certo modo, confondiamo “spero” o “vorrei” con delle certezze. Le aspettative si mescolano pericolosamente con la realtà.

In questi casi, le aspettative irrealistiche non solo diventano fonte di delusione per te, ma anche una forma di coercizione per chi ti circonda.

Avere aspettative eccessive sugli altri contiene un obbligo implicito, è una pressione perché soddisfino i nostri desideri. Le aspettative incombono sulle persone come un’ombra e limitano la loro libertà spingendole in direzioni che potrebbero non aver scelto liberamente.

Pertanto, è sempre meglio che coloro che fanno parte della tua vita agiscano in totale libertà. Se fanno qualcosa per te, è perché l’hanno deciso consapevolmente e lo vogliono dal profondo del cuore. Ringraziali e sii felice. In caso contrario, non ossessionarti. Non sprofondare nella delusione e non cercare un colpevole.

Nella vita, cerca di non “legare” nessuno alle tue aspettative. Non spingere gli altri ad accontentarti solo per paura di deluderti o per evitare di sentirsi in colpa. Lascia che ti amino liberamente.

Sii come vuoi essere e lascia che lo siano anche gli altri. Non recriminarli o biasimarli quando non soddisfano i tuoi desideri, speranze o illusioni. Ricorda che non sei in questo mondo per soddisfare le aspettative degli altri, così come gli altri non sono in questo mondo per soddisfare le tue, parafrasando Fritz Perls.

Costruisci la tua felicità rispettando la libertà degli altri. Concentra le tue aspettative su ciò che puoi fare per te stesso e lascia che ti amino senza sottomissione, senza legami, senza aspettative. Lascia che tutti siano e ti offrano ciò che possono.

La entrada Le delusioni della vita nascono dalle tue aspettative, non dare la colpa agli altri se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -
Articolo precedenteKatia Follesa shock sul marito Angelo Pisani: “Ero una fan, lo pedinavo”
Prossimo articoloWilliam e Kate pronti per Natale: posano per la cartolina di auguri con i figli (la foto)
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!