La timidezza infantile può essere adattiva: 2 vantaggi dei bambini timidi

0
- Annuncio pubblicitario -

timidezza infantile

Ci sono bambini molto socievoli che fanno amicizia facilmente mentre altri sono molto timidi. La timidezza implica un certo grado di introversione nei contesti sociali, che si manifesta attraverso un comportamento chiuso e cauto.

I bambini timidi hanno la tendenza a fuggire o evitare il contatto sociale quando si trovano di fronte a estranei o in situazioni nuove. Infatti, l’inibizione nei contesti sociali è una delle caratteristiche più evidenti della timidezza infantile. Un bambino timido cercherà di mantenere le distanze e non parlerà di fronte a estranei, di solito per paura, ansia o imbarazzo.

La timidezza infantile non è una patologia, ma genitori ed educatori spesso reagiscono ad essa come se lo fosse. Questa reazione ha le sue radici nella cultura occidentale, in cui la socievolezza e l’estroversione sono valutate positivamente, in modo che i bambini siano incoraggiati a comunicare e connettersi con gli altri. Di conseguenza, la timidezza infantile viene spesso identificata come un tratto negativo che deve essere superato il prima possibile.

Ma la verità è che tutte le specie, culture e generazioni mostrano un certo grado di inibizione o addirittura di evitamento di fronte a estranei o in situazioni nuove. Come regola generale, tutti ci controlliamo di più quando siamo di fronte a sconosciuti e ci sentiamo più a nostro agio con persone conosciute. È comprensibile, perché non sappiamo cosa aspettarci e siamo preoccupati di fare una buona prima impressione.

- Annuncio pubblicitario -

L’ubiquità della timidezza ha stimolato nuove teorie che propongono che possa avere funzioni adattive. In molti casi, infatti, la timidezza non è uno svantaggio o un problema, ma una risposta naturale, comprensibile e normale nelle persone più caute, introverse e/o apprensive.

Maggiore capacità di rilevare le minacce

Gli psicologi della Pennsylvania State University hanno scoperto che i bambini timidi possono essere preparati meglio a percepire e rilevare le minacce sociali nel loro ambiente, rispetto ai bambini che non lo sono.

Quando i bambini timidi si trovano di fronte a una situazione nuova, è probabile che la percepiscano come spaventosa, quindi possono attivare strategie come la vigilanza remota che consentano loro di conoscere meglio la situazione rimanendo al sicuro. Infatti, è stato dimostrato che il cervello dei bambini timidi reagisce in modo diverso alle situazioni sociali.

Poiché i bambini timidi tendono a “calcolare prima di saltare”, è più probabile che rilevino potenziali minacce, il che potrebbe portarli a essere più attenti nelle situazioni sociali. Ad esempio, un bambino timido potrebbe notare più facilmente il profilo di un compagno di classe prepotente o di un adulto che vuole ferirlo perché ha una soglia più bassa per rilevare le minacce. Pertanto, la timidezza infantile potrebbe proteggerlo da pericoli fisici e psicologici, oltre ad evitargli conflitti interpersonali.

La timidezza infantile aumenta l’empatia

Gli psicologi del Lewis and Clark College hanno scoperto un altro vantaggio della timidezza infantile. Hanno visto che mantenersi a distanza nelle nuove situazioni sociali potrebbe migliorare lo sviluppo socio-cognitivo dei bambini.

Questi ricercatori hanno letto storie infantili ai bambini e hanno chiesto loro di spiegare perché i personaggi agivano in determinati modi o prendevano determinate decisioni. Così hanno valutato la teoria della mente, un aspetto della cognizione sociale che implica tenere in considerazione il punto di vista di un’altra persona.

Hanno scoperto che i bambini timidi davano spiegazioni più complesse sulle storie, riuscendo a mettersi nei panni dei personaggi. Mantenere le distanze osservando e ascoltando attentamente ciò che sta accadendo potrebbe consentire ai bambini timidi di apprendere e comprendere meglio come si sviluppano le situazioni sociali, il che faciliterebbe lo sviluppo dell’empatia.

Cosa dovrebbero sapere genitori e insegnanti sulla timidezza infantile?

La timidezza infantile non implica la condanna ad una vita solitaria. Non tutte le persone timide sono uguali e non tutte sono a rischio di soffrire di disturbi sociali.

In senso generale, la timidezza infantile è patologica solo quando influenza negativamente la vita del bambino, impedendogli di svolgere le attività della sua età, pregiudicando i suoi rapporti con i coetanei e/o danneggiando il suo rendimento scolastico. In questi casi, è necessario chiedere un aiuto specializzato.

- Annuncio Pubblicitario -


Tuttavia, è probabile che man mano che i bambini capiranno meglio le dinamiche delle interazioni interpersonali, svilupperanno abilità sociali che permetteranno loro di stringere e mantenere amicizie, nonché di inserirsi con successo in diversi contesti sociali. Nella maggior parte dei casi è meglio vedere la timidezza infantile come un tratto della personalità piuttosto che come una potenziale patologia.

Infatti, nelle società orientate ai gruppi in cui il mantenimento dell’armonia e della relazione interpersonale è valutato positivamente, la moderazione, la cura e la cautela intrinseche ai bambini timidi sono viste come indicatori di maturità sociale. Nella società tradizionale cinese, ad esempio, i genitori tendono a interpretare il comportamento timido come un segno di obbedienza e rispetto.

Se genitori ed educatori vogliono fare qualcosa per rendere la vita più facile ai bambini timidi, piuttosto che costringerli a liberarsi della timidezza, dovrebbero semplicemente aiutarli a sviluppare la capacità di risoluzione dei conflitti. Uno studio condotto presso la Shanghai Normal University ha scoperto che queste abilità mitigano i problemi sociali, psicologici e scolastici che possono avere i bambini timidi.

Sebbene i bambini timidi tendano ad essere ansiosi e cauti nelle situazioni sociali, l’applicazione di strategie costruttive e orientate al conflitto migliora la loro immagine con i loro coetanei e insegnanti, facendoli percepire come più prosociali e ben educati.

Fonti:

Zhu, J. et. Al. (2021) Shyness and Adjustment in Early Childhood in Southeast China: The Moderating Role of Conflict Resolution Skills. Front. Psychol; 10.3389.



Hassan, R. & Pole, K. (2020) Childhood shyness can be advantageous – don’t pathologise it. En: Psyche.

Poole, K. L. et. Al. (2019) Frontal brain asymmetry and the trajectory of shyness across the early school years. Journal of Abnormal Child Psychology; 47(7): 1253–1263.

LaBounty, J. et. Al. (2016) Relationship between Social Cognition and Temperament in Preschool-aged Children. Infant and Child Development; 26(2): e1981.

LoBue, V. & Pérez, K. (2014) Sensitivity to Social and Non-Social Threats in Temperamentally Shy Children At-Risk for Anxiety. Dev Sci; 17(2): 239–247.

Chen, X. & French, D. C. (2008) Children’s social competence in cultural context. Annu. Rev. Psychol; 59; 591–616.

La entrada La timidezza infantile può essere adattiva: 2 vantaggi dei bambini timidi se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteJulia Roberts, selfie per il Thanksgiving
Prossimo articoloLe migliori idee di arredamento per la casa ispirata allo stile nordico
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!