In che modo i riti funebri ci aiutano a elaborare il dolore della perdita?

0
- Annuncio pubblicitario -

Niente ci prepara alla morte di una persona cara. Inoltre, non c’è nulla che ci prepari per ciò che verrà dopo. Quando una persona muore, si lascia alle spalle una vita che dobbiamo chiudere. Gestire tutti questi dettagli è decisamente doloroso. Tuttavia, i riti funebri ci aiutano a esprimere i nostri sentimenti più profondi con la famiglia e gli amici.

Superare il dolore non è facile, ma i riti funebri sono sempre stati un mezzo pubblico, tradizionale e simbolico per esprimere le nostre convinzioni, pensieri ed emozioni sulla morte di una persona cara. Ricche di storia e cariche di simbolismo, le cerimonie funebri hanno una grande missione: aiutarci a riconoscere la realtà inesorabile della morte.

Quando non abbiamo la possibilità di dire addio alla persona amata, aumentano le possibilità di sviluppare un lutto non elaborato o complicato. I ricercatori dell’Università di San Paolo lo hanno confermato nel bel mezzo della pandemia. Hanno concluso che “la soppressione o l’abbreviazione dei riti funebri è un’esperienza traumatica perché ai membri della famiglia viene impedito di rendere l’ultimo tributo alla persona amata morta improvvisamente, il che provoca sentimenti di incredulità e indignazione”.

Le funzioni dei riti funebri

In Antigone, Sofocle raccontò come Creonte, il nuovo sovrano di Tebe, decise di punire Polinice per l’atto di ribellione impedendogli di ricevere un funerale adeguato. Ordinò che rimanesse insepolto sul campo di battaglia per essere divorato dagli animali.

- Annuncio pubblicitario -

Antigone, una delle sorelle di Polinice, sfidò gli ordini di Creonte ed eseguì un rito funebre per suo fratello. Per Antigone, non eseguire quei riti funebri era un atto altamente immorale così insopportabile che non esitò a farlo, anche a rischio della vita. La maggior parte di noi condivide il sentimento di Antigone, sente il bisogno di compiere quell’ultimo atto di accompagnamento.

E non è solo un rituale per consolare l’anima. Uno studio condotto presso l’Università di Cambridge ha rivelato che i riti funebri coinvolgono anche il corpo e ci aiutano a gestire meglio il dolore e la sofferenza attraverso le espressioni fisiche. Questo ci mostra che il dolore deve essere sentito a tutti i livelli, per non rimanere bloccati in quella fase.

1. Riconoscere la realtà e l’inevitabilità della morte

Quando perdiamo una persona cara, la nostra prima reazione è spesso la negazione. Possiamo capire razionalmente che la persona se n’è andata, ma non lo accettiamo emotivamente. Rifiutiamo la realtà perché è troppo dolorosa.

I riti funebri sono un punto di partenza che ci aiuta a capire e ad accettare la morte. Contattare i servizi funebri, fissare l’ora, pianificare la cerimonia, vedere il corpo e infine toccare la bara ci mette di fronte alla finalità della morte. È il primo passo per cominciare ad accettare la realtà della morte nel nostro cuore.

2. Esprimere il dolore e la sofferenza della perdita

Di fronte a un evento particolarmente doloroso, possiamo mettere in pratica meccanismi di difesa che finiscono per diventare un ostacolo all’elaborazione dell’accaduto. Rifugiarci nel lavoro, ad esempio, è una strategia comune per sfuggire al dolore. Tuttavia, i riti funebri ci “costringono” a fare una pausa per concentrarci sulla morte e sui nostri sentimenti.

Di conseguenza, diventano facilitatori di espressioni emotive. Ci impediscono di intellettualizzare o prendere le distanze dal dolore causato dalla perdita. Costituiscono, infatti, anche uno spazio sicuro in cui esprimere la nostra sofferenza, forse l’unico tempo e luogo durante il quale la società approva e condivide un’espressione così aperta di tristezza e sofferenza, sentimenti che normalmente si cerca di nascondere o ignorare.

3. Ricordare la persona morta

- Annuncio Pubblicitario -


Un’altra funzione dei riti funebri è quella di aiutarci a cambiare il nostro rapporto con la persona che è morta. Ci offrono un tempo e un luogo in cui fermarci e pensare ai momenti che abbiamo condiviso con quella persona, in modo che possiamo iniziare a trasformare la sua presenza fisica in un ricordo.

Il funerale ci invita a concentrarci sul rapporto che abbiamo avuto con quella persona e a condividere quei ricordi con gli altri. Spesso, questo ci aiuta a vedere quella persona da una prospettiva diversa e, in un certo modo, a chiudere la sua immagine per collocarla in un luogo più intimo nei nostri ricordi. Infatti, più possiamo “raccontare la storia”, più facile sarà per noi riconciliarci con il nostro dolore.

4. Ricevere appoggio dagli altri

I riti funebri sono un mezzo per esprimere i nostri sentimenti per la morte di una persona cara. Offrono anche un luogo pubblico per offrire appoggio agli altri e riceverlo nel mezzo del dolore. In questo luogo la nostra rete di supporto viene ricostruita e ci rendiamo conto che non siamo completamente soli con il nostro dolore

Infatti, ai funerali ci è “permesso” abbracciare, toccare e confortare l’altro. Torniamo alle manifestazioni di affetto più elementari quando le parole sono inadeguate o non sufficienti per esprimere ciò che sentiamo. Questi gesti di sostegno ci confortano e possono avere un enorme potere curativo.



5. Sviluppare una nuova identità personale

Siamo tutti esseri sociali, le nostre vite hanno un senso in relazione alle vite di coloro che ci circondano. Siamo figli, genitori, coniugi, amici, fratelli… Quando muore qualcuno a noi vicino, siamo costretti a ridefinire la nostra identità. Questo processo è doloroso. Non solo attraversiamo il lutto per la persona che ci ha abbandonato, ma anche per quella parte di noi che perdiamo.

Ancora una volta i riti funebri sono un aiuto per iniziare a ricostruire la nostra nuova identità. Infatti, spesso segnano l’inizio di una nuova vita sociale senza quella persona. Ci permettono, quindi, di fare il primo passo per riscoprire un nuovo posto in queste relazioni sociali e dare un nuovo significato alla nostra vita.

In breve, i riti funebri segnano un passaggio in cui viene enfatizzata l’irreversibilità della morte e allo stesso tempo forniscono un punto di partenza per la guarigione. Rendere l’ultimo tributo a una persona cara può aiutarci a fare pace e riconciliarci con la vita. Iniziamo ad abbracciare il dolore della perdita per iniziare a guarire.

Fonti:

Arantes, E. et. Al. (2020) The effect of suppressing funeral rituals during the COVID-19 pandemic on bereaved families.Rev Lat Am Enfermagem; 28: e3361.

Pearce, C. & Komaromy, C. (2020) Recovering the body in grief: Physical absence and embodied presence. Health (London); 1363459320931914.

La entrada In che modo i riti funebri ci aiutano a elaborare il dolore della perdita? se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteDedica agli Invisibili
Prossimo articoloLe neuroscienze confermano che vediamo passare la vita prima di morire
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!