Il sale rosa dell’Himalaya? Una bufala commerciale!!!

0
- Annuncio pubblicitario -








Negli ultimi anni è scoppiata la moda del sale rosa dell’Himalaya che sembra vanti numerosi qualità e benefici. In questo articolo approfondiremo il discorso sfatandone tutti i miti che girano intorno all’utilizzo di questo sale.

Nei “si dice” che ormai girano in rete sembra che si tratti di un sale diverso da quello che usiamo abitualmente. Infatti “si dice” si tratti di un sale puro molto antico privo di sostanze inquinanti e ricchissimo di più di 80 minerali. Non viene raffinato né contiene sostanze sbiancanti.

Ma sarà tutto vero???

Inoltre “si dice” che abbia innumerevoli benefici tra cui sembra che limiti il rischio di ritenzione idrica e di ipertensione, riduca i segni dell’invecchiamento, controlli e regoli i livelli di acqua nell’organismo, riduca i crampi, faciliti l’assorbimento dei cibi, migliori la salute delle ossa e dei reni, aumenti il desiderio sessuale e favorisca il sonno.

- Annuncio pubblicitario -








Tutto qui???

Eh no! Sembra che possa addirittura ridurre i dolori articolari se lo si utilizza durante un bagno caldo, è utilissimo e ricco di proprietà nutrienti se lo si usa come scrub sulla pelle ed è un disinfettante naturale in caso di raffreddore e mal di gola!

Insomma…un vero toccasana, se solo fosse tutto vero…

In realtà il sale rosa dell’Himalaya non viene estratto dall’Himalaya ma in Pakistan, non a mano ma con appositi macchinari e inoltre viene trasportato in spalla da uomini e donne che vengono sfruttati. Per non parlare dell’inquinamento legato al suo trasporto tra Oriente e Occidente.

Noti ricercatori, tra cui il chimico Dario Bressanini, hanno smentito le qualità benefiche di cui tanto “si dice”. Anzi numerosi articoli scientifici hanno dimostrato che il sale rosa non è ricco di tutti quei minerali di cui si vocifera ma anzi conterrebbero alcuni svantaggi tra cui la presenza di Cadmio e Nichel.

Un’altra voce autorevole che porta all’attenzione del pubblico ulteriori svantaggi legati all’utilizzo di questo sale è il nutrizionista e ricercatore del Crea, Andrea Ghiselli, che ha definito il sale rosa dell’Himalaya “un fenomeno social ma senza proprietà benefiche“. Infatti sembra proprio che non abbia alcuna proprietà utile alla salute, anzi si tratta di un sale impuro che costa il doppio del normale sale da cucina a cui siamo abituati.

Un ulteriore problema legato al sale rosa è l’assenza di iodio indispensabile per il corretto funzionamento della tiroide tanto da essere aggiunto spesso al sale tradizionale.

Non sarebbe il caso di ritornare a beneficiare dei vantaggi del classico sale bianco?

- Annuncio pubblicitario -








Articolo precedenteA NEW YORK APRE IL PRIMO MUSEO DEL MAKE-UP
Prossimo articoloCLASSIC BLUE È IL COLORE DELLA MODA 2020
Dott.ssa Ilaria La Mura. Sono psicologa specializzata in coaching e counseling. Aiuto le donne a ritrovare l’autostima e l’entusiasmo nella propria vita partendo dalla scoperta del proprio valore. Ho collaborato per anni con un Centro di ascolto Donna e sono stata leader di Rete al Femminile, un’associazione che favorisce la collaborazione tra donne imprenditrici e libere professioniste. Ho insegnato comunicazione per Garanzia Giovani e ho ideato “Parliamone insieme” un programma tv di psicologia e benessere condotto da me su RtnTv canale 607. Inoltre, sono autrice e conduttrice del programma tv "Soprattutto Donna". Insegno il training autogeno per imparare a rilassarsi e vivere il presente godendosi la vita. Credo che siamo nate con un progetto speciale scritto nel nostro cuore, il mio compito è quello di aiutarti a riconoscerlo e realizzarlo!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.