Il dolore cronico danneggia il cervello

0
- Annuncio pubblicitario -
dolore cronico

Il dolore non è un’esperienza unicamente fisica. Quando proviamo dolore ci è difficile pensare ad altro. La parte dolente richiede continuamente la nostra attenzione. Non ci lascia riposare. Dormire. Pensare. Essere…

Quando una persona prova continuamente dolore, giorno dopo giorno, è comprensibile che anche il suo umore sia influenzato. Non è facile affrontare un malessere che non da tregua. Di conseguenza, queste persone soffrono spesso di depressione e/o ansia. Possono anche avere difficoltà a prendere decisioni, anche le più semplici.

Oltre al dolore emotivo e al disagio, queste persone hanno spesso a che fare con l’incomprensione degli altri, che credono che i loro problemi psicologici dipendano dalla debolezza o dalla mancanza di forza di volontà. Tuttavia, il dolore cambia il funzionamento cerebrale, e questo potrebbe spiegare molte delle difficoltà emotive e cognitive di cui soffrono queste persone.

Il cervello delle persone con dolore cronico non riposa

In un cervello sano, le diverse zone mantengono una omeostasi, sono in uno stato di equilibrio. Quando una regione è attivata, le altre si calmano. Ma i neuroscienziati della Feinberg School of Medicine della Northwestern University hanno scoperto che il cervello delle persone con dolore cronico funziona in modo diverso.

- Annuncio pubblicitario -

Questi neuroscienziati hanno utilizzato la risonanza magnetica funzionale (fMRI) per scansionare il cervello di alcune persone con lombalgia cronica e un gruppo di volontari indolori mentre entrambi i gruppi guardavano una barra mobile sullo schermo di un computer.


I pazienti con dolore cronico hanno svolto bene il compito, ma il loro cervello ha funzionato diversamente dalle persone che non provavano dolore. Quando alcune aree della corteccia si attivavano nel gruppo senza dolore, altre venivano disattivate, mantenendo un equilibrio collaborativo tra le diverse aree del cervello. Tale equilibrio è anche noto come “reti cerebrali a riposo”.

Ma nelle persone che soffrivano di dolore cronico, uno dei nodi di questa rete non si calmava. La regione frontale della corteccia, associata principalmente al controllo delle emozioni e al processo decisionale, non si calmava mai.

Quelle aree non sono disabilitate quando dovrebbero. È come se fossero intrappolate funzionando a grande velocità, interrompendo le connessioni neurali e logorando i neuroni sottoposti a lavoro continuo. E questo costante lancio di neuroni potrebbe causare danni permanenti che portano a disturbi psicologici o deficit cognitivi.

La scia di danni prodotti dal dolore cronico

“Se sei un paziente con dolore cronico, hai dolore 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana, ogni minuto della tua vita, la percezione permanente del dolore nel tuo cervello rende queste aree continuamente attive. Questa continua disfunzione nell’equilibrio del cervello può cambiare le connessioni per sempre e potrebbe danneggiare il cervello.

“Quando i neuroni sono troppo attivi, possono cambiare le loro connessioni con altri neuroni o addirittura morire perché non riescono a mantenere questa attività troppo a lungo”, hanno spiegato i neuroscienziati.

È probabile che i successivi cambiamenti nelle connessioni cerebrali possano causare i problemi psicologici di cui soffrono molte persone con dolore cronico. In effetti, potrebbero essere alla base di disturbi come la depressione e l’ansia perché l’equilibrio del cervello è disturbato nel suo insieme.

La depressione, ad esempio, colpisce il 5% della popolazione generale, ma la sua incidenza aumenta tra il 30 e il 45% nei pazienti con dolore cronico. La relazione tra depressione e dolore è bidirezionale: la depressione prevede lo sviluppo del dolore cronico e il dolore cronico aumenta il rischio di depressione. Non è un caso che entrambi i problemi, la depressione e il dolore, condividano una disregolazione delle vie noradrenergiche e serotoninergiche a livello cerebrale.

- Annuncio Pubblicitario -

Nelle persone con dolore cronico, la depressione coesiste spesso con l’ansia, come dimostrato da uno studio del St.Thomas Hospital di Londra. Infatti, in psichiatria c’è un termine per riferirsi a questo stato: depressione agitata. In quel caso, la persona soffre di depressione, ma soffre anche di irrequietezza, insonnia e una sensazione di apprensione diffusa tipica dell’ansia.

Il dolore cronico influisce anche sulle nostre risorse cognitive e sulla capacità di prendere decisioni. Non è casuale perché i sistemi neurali coinvolti nella cognizione e nel dolore si sovrappongono e si modulano a vicenda.

In effetti, diversi studi hanno scoperto che i pazienti con dolore cronico spesso non riescono a prendere decisioni efficaci, specialmente in situazioni di rischio e carica emotiva.

La scienza, quindi, indica che i problemi emotivi e persino cognitivi che soffrono le persone con dolore cronico non sono solo “nella loro mente”, ma hanno una base neurobiologica.

Fonti:

Vadivelu, N. et. Al. (2017) Pain and Psychology—A Reciprocal Relationship. Ochsner J; 17(2): 173–180.

Walteros, C. et. Al. (2011) Altered Associative Learning and Emotional Decision Making in Fibromyalgia. J Psychosom Res; 70(3):294-301.

Woo, A. (2010) Depression and Anxiety in Pain. Rev Pain; 4(1): 8–12.

Baliki, M. et. A. (2008) Beyond Feeling: Chronic Pain Hurts the Brain, Disrupting the Default-Mode Network Dynamics. J Neurosci; 28(6): 1398–1403.

Apkarian, A. V. et. Al. (2004) Chronic Pain Patients Are Impaired on an Emotional Decision-Making Task. Pain; 108(1-2):129-36.

La entrada Il dolore cronico danneggia il cervello se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -