I migliori nootropi naturali per “hackerare” la mente

0
- Annuncio pubblicitario -

Il termine nootropico potrebbe non esserti familiare, ma è praticamente impossibile che tu non mai abbia bevuto una tazza di caffè per svegliarti la mattina o un tè nero per concentrarti meglio su un progetto. Queste bevande popolari possono essere classificate come nootropi, che non sono altro che sostanze che migliorano le nostre funzioni cognitive.

Composto dalle antiche parole greche νόος (nóos), che significa “mente”, “intelletto” o “pensare” e τροπή (tropḗ) che implica “girare” o “guidare”, i nootropi sono un modo per “hackerare” il nostro cervello per migliorarne il funzionamento, generalmente aiutandoci a rimanere più attenti, concentrati e rilassati o addirittura migliorando l’agilità mentale o la memoria.

A cosa servono esattamente i nootropi?

Corneliu E. Giurgea è stato colui che per primo usò il termine nootropico nei primi anni 70. Non era solo uno psicologo, ma anche un chimico, motivo per cui sintetizzò il piracetam, un farmaco nootropico che migliora il metabolismo dei neuroni ottimizzando l’assorbimento di ossigeno. Giurgea descrisse i nootropi come sostanze che attivano le funzioni cognitive, come la memoria e l’apprendimento, soprattutto quando queste sono interessate.

Nel corso degli anni sono stati scoperti diversi nootropi e ognuno agisce in modo diverso, sebbene tutti intervengano in un modo o nell’altro nel metabolismo delle cellule nervose che compongono il nostro sistema nervoso centrale. In alcuni casi possono migliorare l’apporto di glucosio e ossigeno al cervello, esercitando così un’attività antiipossica e proteggendo il tessuto cerebrale dalla neurotossicità.

- Annuncio pubblicitario -

Altri nootropi possono essere coinvolti nella sintesi delle proteine ​​neuronali e degli acidi nucleici e stimolare il metabolismo dei fosfolipidi nelle membrane neuronali. Ciò significa che possono migliorare il metabolismo cerebrale, anche se per ottenere cambiamenti stabili è necessario consumarli durante determinati periodi di tempo.


Oggi i nootropi sono usati per trattare i disturbi della memoria, della coscienza e dell’apprendimento. Sono raccomandati per detenere il danno cerebrale precoce che si manifesta con sintomi come perdita di memoria e cambiamenti qualitativi nella coscienza. Infatti, tendono ad essere più efficaci nelle persone che soffrono di disturbi cognitivi lievi o hanno un leggero rallentamento delle funzioni cerebrali.

I nootropi possono anche essere utilizzati per affrontare i disturbi dell’attenzione e della memoria dovuti a stanchezza e spossatezza. Per questo possono essere uno strumento utile nei periodi in cui siamo sotto forte stress o quando abbiamo bisogno di una dose extra di energia.

I nootropi naturali più efficaci utilizzati da secoli

1. Caffeina

Sapevi che la caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo? Si trova naturalmente nel caffè, ma anche nel cacao e nel guaranà. Agisce come un potente energizzante che riduce la sonnolenza poiché blocca i recettori dell’adenosina nel cervello, inibendo il segnale di stanchezza aiutandoci a rimanere svegli e concentrati.

In effetti, uno studio condotto in Canada ha rilevato che livelli bassi (40 mg o 0,5 mg/kg) o moderati (300 mg o 4 mg/kg) di caffeina migliorano la nostra prontezza, vigilanza, attenzione e tempo di reazione. Pertanto, due tazzine di caffè al giorno potrebbero aiutarci a combattere la stanchezza e mantenerci più attenti.

2. L-teanina

Il tè è la bevanda più consumata al mondo dopo l’acqua. Contiene L-teanina, un amminoacido che si può trovare anche come integratore. In generale, il tè nero e il tè pu’er contengono la più alta quantità di teina, seguiti dal tè oolong e dal tè verde.

La L-teanina è interessante perché ha un effetto calmante, ma senza provocare sonnolenza. Ci tiene svegli senza generare uno stato di eccitazione, come scoperto dai ricercatori dell’Unilever Food and Health Research Institute. Dopo aver analizzato la funzione cerebrale delle persone dopo aver bevuto una tazza di tè nero, hanno riscontrato un aumento dell’attività alfa, che è legata al rilassamento, ma anche all’attivazione della memoria e all’intuizione e alla creatività.

3. Rodiola

La Rodiola è un’erba che cresce nelle fredde regioni montuose dell’Europa e dell’Asia. Aiuta il nostro corpo ad affrontare in modo più efficace gli effetti dello stress. Infatti, è utile per ridurre la sensazione di spossatezza e affaticamento mentale, soprattutto quella generata da ansia e tensione psicologica.

In questo senso, i ricercatori dell’Università del Surrey hanno scoperto che le persone che consumavano un estratto di questo nootropico riportavano una significativa riduzione dei livelli di ansia, stress, rabbia, confusione e depressione in soli 14 giorni, accompagnati da un significativo miglioramento dell’umore generale.

4. Ginseng

La radice di Ginseng è usata da secoli per le sue proprietà medicinali e per stimolare le funzioni cerebrali. Anche se il suo meccanismo d’azione non è tuttora noto, si ipotizza che potrebbe dipendere dal suo potente effetto antinfiammatorio, che aiuterebbe a proteggere il cervello dallo stress ossidativo migliorandone il funzionamento.

Una serie di esperimenti condotti presso la Northumbria University rivelano che il Ginseng riduce l’affaticamento mentale e migliora significativamente le prestazioni in compiti complessi e particolarmente impegnativi intellettualmente. Migliora anche la memoria e può creare una sensazione di calma e benessere.

- Annuncio Pubblicitario -

5. Ginkgo Biloba

Anche le foglie dell’albero di Ginkgo Biloba possono avere effetti positivi sul cervello. Questa pianta medicinale originaria dell’Asia è utilizzata da oltre 2000 anni per trattare diversi disturbi, soprattutto quelli legati al cervello e al flusso sanguigno. Si ritiene infatti che i suoi benefici siano dovuti al fatto che stimola l’afflusso di sangue al cervello.

Il suo consumo quotidiano può migliorare la memoria e l’elaborazione mentale negli anziani. Ma è anche utile per ridurre lo stress. Uno studio condotto presso l’Accademia delle Scienze Slovacca dimostra che se consumiamo Ginkgo Biloba prima di sottoporci a una attività molto stressante, questo esercita un’azione inibitoria sulla pressione sanguigna e blocca in risposta il rilascio di cortisolo, che si traduce in meno stress.

Oltre i nootropi naturali

Il vantaggio principale dei nootropi naturali è che possono avere una maggiore varietà di effetti benefici grazie al fatto che sono costituiti da più sostanze che possono avere effetti sinergici tra loro. Tuttavia, a volte quegli stessi composti possono inibire l’attività di altre sostanze.

I nootropi naturali tendono anche ad avere una tossicità inferiore, il che riduce il rischio di sovradosaggio. Ciò significa anche che sono necessarie dosi più elevate per ottenere l’effetto desiderato, motivo per cui a volte è necessario ricorrere a estratti commercializzati come integratori.

Infatti, il mercato dei nootropi è molto vasto. I nootropi con piracetam sono tra i più noti per la loro capacità di migliorare la memoria e la concentrazione, tuttavia gli integratori Alpha GPC sono tra i migliori integratori nootropici in quanto questa sostanza è un’ottima fonte di colina, quindi contribuisce anche a migliorare la memoria favorendo la concentrazione.

Rispetto ai nootropi naturali, i composti sintetici si distinguono per la loro purezza farmaceutica e specificità di azione, motivo per cui possono essere più efficaci. Tuttavia, se decidi di consumare nootropi, informati prima sulle loro caratteristiche e acquistali in farmacia o in siti web affidabili che ne garantiscano l’autenticità. E se stai assumendo farmaci o soffri di qualche patologia, ricordati di consultare prima il tuo medico di famiglia.

Fonti:

Malík, M. &  Tlustoš, P. (2022) Nootropics as Cognitive Enhancers: Types, Dosage and Side Effects of Smart Drugs. Nutrients; 14(16): 3367.

McLellan, T. et. Al. (2016) A review of caffeine’s effects on cognitive, physical and occupational performance. NeurosciBiobehav Rev; 71: 294-312.

Cropley, M. et. Al. (2015) The Effects of Rhodiola rosea L. Extract on Anxiety, Stress, Cognition and Other Mood Symptoms. Phytother Res; 29(12):1934-9.

Nobre, A. C. et. Al. (2008) L-theanine, a natural constituent in tea, and its effect on mental state. Asia Pac J Clin Nutr; 1:167-8.

Reay, J. L. et. Al. (2006) (2006) Effects of Panax ginseng, consumed with and without glucose, on blood glucose levels and cognitive performance during sustained ‘mentally demanding’ tasks. J Psychopharmacol; 20(6):771-81.

Jezova, D. et. Al. (2002) Reduction of rise in blood pressure and cortisol release during stress by Ginkgo biloba extract (EGb 761) in healthy volunteers. J PhysiolPharmacol; 53(3):337-48.

La entrada I migliori nootropi naturali per “hackerare” la mente se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -