Fasi del cambiamento personale: in quale ci arrestiamo?

0
- Annuncio pubblicitario -
fasi del cambiamento

Il cambiamento è inerente alla vita. Tutto è in movimento. Tutto si trasforma. Continuamente. Ma a volte restiamo bloccati in una delle fasi del cambiamento. Retrocediamo, viviamo le stesse esperienze e riproduciamo gli stessi conflitti, così restiamo intrappolati in una matassa di emozioni negative come paura, rabbia, colpa, angoscia o insicurezza.

Altre volte sviluppiamo una forte resistenza al cambiamento. Ci aggrappiamo al passato, al conosciuto e ci rifiutiamo di andare avanti ed evolvere. Perché è così difficile cambiare? Lo spiega il modello TransTeorico del Cambiamento Comportamentale di James Prochaska.

Quando la nostra idea di cambiamento ci impedisce di andare avanti

Prochaska suggerisce che non riusciamo ad andare avanti a causa della nostra percezione del cambiamento. Il cambiamento nel comportamento e nell’atteggiamento non dipende da un singolo evento, come pensiamo di solito, ma si produce gradualmente nel tempo.

Passiamo attraverso diverse fasi del cambiamento personale prima di abbandonare le vecchie abitudini e i modi di pensare. La progressione, di solito, non è lineare. Tendiamo a spostarci avanti e indietro attraverso le diverse fasi del cambiamento. A volte le analizziamo più volte, fino a quando il cambiamento non sarà completamente consolidato.

- Annuncio pubblicitario -

Conoscere le fasi del cambiamento personale ci consentirà di identificare in quale di queste ci troviamo, per comprendere meglio la nostra posizione nel processo. Ci aiuterà anche a mantenerci motivati ​​e fissare gli obiettivi giusti per passare alla fase successiva.

Le 6 fasi del cambiamento personale che attraversiamo tutti

1. Precontemplazione

Nella prima fase del cambiamento ci assalgono i primi dubbi. Iniziamo a sospettare che ci sia un problema, anche se non sappiamo molto bene di cosa si tratta. Infatti, possiamo attraversare una fase di negazione in cui siamo consapevoli che dobbiamo cambiare qualcosa, ma ci rifiutiamo di riconoscere la radice del problema.

È anche possibile che siamo consapevoli del cambiamento necessario nel comportamento, nell’atteggiamento o nel modo di pensare, ma non siamo ancora pronti o disposti a realizzarlo. È una fase in cui non c’è la piena consapevolezza dei problemi.

È probabile che non siamo pienamente consapevoli delle conseguenze dei nostri comportamenti o non abbiamo abbastanza informazioni. Per questo motivo, per passare alla fase successiva, dobbiamo trovare una motivazione per il cambiamento, analizzare i vantaggi che questa ci porterà.

Possiamo chiederci: ho mai provato a cambiare questo comportamento? Cosa dovrebbe accadere per considerare problematico un comportamento? Se continuo su questa strada, è probabile che accada? Cosa otterrò dal cambiamento?

2. Contemplazione

In questa fase del cambiamento personale sviluppiamo una maggiore comprensione e consapevolezza del comportamento, dell’atteggiamento o del modo di pensare che vogliamo cambiare. Riconosciamo il problema e iniziamo a cercare soluzioni.

Questa può essere una fase di cambiamento particolarmente difficile e frustrante perché è accompagnata da un alto grado d’incertezza. Infatti, possiamo passare molto tempo in questa fase perché sviluppiamo una postura ambivalente: sebbene siamo consapevoli dei benefici del cambiamento, vediamo anche le rinunce e i costi che questo comporta.

Altre volte non abbiamo gli strumenti psicologici necessari per affrontare il cambiamento. Non siamo pronti a impegnarci nella trasformazione. Quindi possiamo rimanere bloccati in questa fase, sentendoci impotenti.

Per andare avanti possiamo fare un’analisi razionale dei pro e dei contro del cambiamento, consapevoli che per avanzare nella vita, dobbiamo sempre liberarci della zavorra. Dobbiamo chiederci quali benefici ci porterà il cambiamento e se i costi sono troppo alti, cercare di trovare modi alternativi che minimizzino i sacrifici.

3. Preparazione

Quando entriamo nella fase di preparazione siamo pronti a impegnarci a cambiare e intendiamo farlo immediatamente. Cominciamo a fare piccoli passi verso la trasformazione, come iniziare a informarci su ciò che possiamo fare o cercare aiuto professionale.

Questa fase di cambiamento è decisiva per il progresso. Se esploriamo le nostre possibilità, pianifichiamo e prendiamo decisioni informate, abbiamo maggiori probabilità di avanzare più facilmente e riuscire ad attuare il cambiamento.

In questa fase è importante proiettarci nel futuro e immaginare gli ostacoli che potrebbero sorgere, al fine di stabilire piani d’azione alternativi che ci consentano di continuare ad andare avanti. È anche essenziale fissare obiettivi realistici che possiamo raggiungere in modo da evitare lo scoraggiamento. Se condividiamo i nostri obiettivi con altri, in particolare quelli che hanno una certa autorità o status, avremo maggiori probabilità di cambiare, come prova uno studio condotto presso la Ohio State University.

- Annuncio Pubblicitario -

4. Azione

In questa fase del cambiamento personale passiamo all’azione. Iniziamo a mettere in pratica i nostri piani per ottenere il cambiamento desiderato. Adattiamo la nostra routine, le relazioni o gli ambienti per raggiungere i nostri obiettivi.

In questa fase si richiede un maggior compromesso e una volontà di ferro per riuscire ad essere sistematici. In genere, entriamo in questa fase con molta motivazione, ma col passare dei giorni questa diminuisce.

Inizieremo anche ad incontrare i primi ostacoli. Può darsi che le persone ci diano un feedback negativo o l’ambiente in cui ci muoviamo non ci incoraggi a cambiare, ma ci tenga legati a al passato.

Per passare alla fase successiva del cambiamento personale dobbiamo ricordare i motivi che ci hanno portato fin qui. Dobbiamo concentrarci sui benefici del cambiamento e cercare di premiarci lungo il cammino.

5. Mantenimento

In questa fase del cambiamento ci rendiamo conto che possiamo riuscirci. I comportamenti iniziali iniziano a diventare abitudini, quindi tornare alla vecchia routine è più difficile.

È attraverso questa fase che lavoriamo per consolidare il cambiamento nel lungo termine perché è ancora presente la possibilità di ricadere nei vecchi comportamenti e tornare alle fasi precedenti. Quindi è importante non abbassare la guardia.

Vale la pena ricordare gli ostacoli che abbiamo superato perché ci darà forza e ci farà sentire più energici. Possiamo anche riflettere sugli errori che abbiamo commesso per evitarli in futuro. E possiamo chiederci come continuare a migliorare.

6. Ricaduta

Le ricadute sono come un fantasma sempre presente accanto al cambiamento. Infatti sono abbastanza comuni. Quando torniamo indietro possiamo sentirci falliti, delusi e frustrati perché sentiamo che tutti gli sforzi sono stati vani. Anche se non è così.

Tutto il cammino fatto ci ha reso più forti ed è diventato una fonte d’esperienza. Dobbiamo evitare di recriminarci eccessivamente perché finiremmo per odiarci. Punirci è inutile.

Invece, dobbiamo attivare un meccanismo di riflessione cosciente per individuare gli errori e cercare di correggerli in modo da non inciampare sulla stessa pietra due volte. Dobbiamo chiederci che cosa ha causato la ricaduta e cosa possiamo fare da quel momento in poi per evitare che si ripeta in futuro.

In ogni caso, dobbiamo ricordare che i cambiamenti non avvengono in modo lineare. Le vecchie abitudini attendono sempre un’occasione propizia per tornare. Questo fa parte del percorso di crescita. Se in qualsiasi momento ci troviamo bloccati tra le diverse fasi, possiamo prenderlo come un segnale per fermarci lungo la strada, fare un esercizio d’introspezione e imparare di più su noi stessi.

Fonti:

Prochaska, J.; DiClemente, C. & Norcross, J. (1992) In search of how people change. American Psychologist; 47(9): 1102-1114.


Klein, H. J. et. Al. (2020) When goals are known: The effects of audience relative status on goal commitment and performance. Journal of Applied Psychology; 105(4): 372–389.

La entrada Fasi del cambiamento personale: in quale ci arrestiamo? se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -