È morto Eugenio Scalfari, maestro del giornalismo italiano

0
- Annuncio pubblicitario -

EUGENIO SCALFARI morto

Eugenio Scalfari è morto oggi 14 luglio a Roma. Il grande giornalista aveva 98 anni, nato a Civitavecchia il 6 aprile 1924 da genitori calabresi, è sempre stato considerato una delle migliori penne del secondo ‘900. Inizia la carriera da studente universitario durante gli ultimi anni del regime fascista, mentre nel dopoguerra collabora con Il Mondo di Mario Pannunzio e L’Europeo di Arrigo Benedetti.



LEGGI ANCHE > Alessio La Padula coinvolto nell’affaire Ilary-Totti? L’ex ballerino di Amici dice la sua

Il suo nome rimarrà però sempre legato indissolubilmente al settimanale L’Espresso, che nasce nel 1955 e di cui è direttore amministrativo e al quotidiano La Repubblica, che fonda nel 1976 dopo che avrà cercato invano di dar vita a un giornale insieme a Indro Montanelli, altro gigante del giornalismo.

- Annuncio Pubblicitario -


È morto Eugenio Scalfari, maestro del giornalismo italiano
Foto: Ipa

LEGGI ANCHE > Paola Turani travolta dall’odio sui social: “Non mi tapperò la bocca”

- Annuncio pubblicitario -

Eugenio Scalfari era laureato in Giurisprudenza dopo avere conseguito la maturità classica al liceo classico G.D. Cassini di Sanremo, dove aveva come compagno di banco Italo Calvino. Sposato in prime nozze con Simonetta De Benedetti, figlia del giornalista Giulio, dalla fine degli anni settanta era legato a Serena Rossetti che sposerà dopo la scomparsa della prima moglie. Aveva due figlie Enrica e Donata.

LEGGI ANCHE > Khloe Kardashian e Tristan Thompson di nuovo genitori: arriva il secondo figlio tramite madre surrogata

Eugenio Scalfari morto: se ne va un pilastro del giornalismo italiano

Secondo il quotidiano La Stampa: “Sempre temuto e nel contempo rispettato per la sua autorevolezza, è stato uno dei più grandi editorialisti italiani, oltre che acuto e pungente scrittore”, mentre Il Sole 24 Ore ricorda che “non esce di scena solo un grande giornalista: a sottolineare il ruolo che egli ha avuto nella trasformazione e modernizzazione del sistema informativo nazionale basterà ricordare le esperienze dell’”Espresso” prima e di “Repubblica” dopo”.

 

- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteAlessio La Padula coinvolto nell’affaire Ilary-Totti? L’ex ballerino di Amici dice la sua
Prossimo articoloGiulia Salemi e il rapporto con gli haters: “I social ormai stanno diventando tossici”
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!