Darsi una seconda opportunità: quando ne vale la pena?

0
- Annuncio pubblicitario -

 
seconda opportunità

Darsi una seconda possibilità è una grande dimostrazione di amore e compassione per noi stessi. Ma spesso è più facile perdonare il danno che qualcun altro ci ha causato e dargli la possibilità di fare ammenda piuttosto che perdonare noi stessi e riprovarci.

In realtà, possiamo diventare i nostri giudici più severi. Ci critichiamo quando commettiamo errori e ci etichettiamo come incapaci quando non riusciamo a raggiungere i nostri obiettivi. In un certo senso è un atteggiamento comprensibile perché nessuno meglio di noi può conoscere i nostri limiti, ma anche per sapere che, se davvero avessimo dato il massimo, ci saremmo riusciti.

Non possiamo sfuggire al nostro giudice interiore. E non è una cosa negativa, perché quella voce nella nostra testa ci spinge ad espandere i nostri limiti e crescere. Ma a volte possiamo essere troppo severi con noi stessi e superare il confine tra critica costruttiva e giudizio distruttivo. Quando dietro la nostra “mano dura” si nascondono l’abitudine, la colpa, l’incapacità di essere indulgenti con noi stessi o il desiderio inconscio di punirci, abbiamo un problema che dobbiamo risolvere il prima possibile.

È proprio in questo momento che molte persone gettano la spugna. Decidono di aver perso la battaglia e che è inutile continuare a provare. Quindi possono cadere in una sorta di apatia vitale in cui si negano la possibilità di essere di nuovo felici o provare piacere. Per evitare questi estremi, è essenziale imparare a darsi una seconda possibilità nell’amore, nel lavoro lavoro o nella vita.

- Annuncio pubblicitario -

Perché ci neghiamo una seconda possibilità?

1. Perché siamo troppo esigenti con noi stessi

Quando ci poniamo degli obiettivi molto ambiziosi, accontentarci di meno è difficile. Questo è il motivo per cui ci sentiamo così male quando commettiamo errori e la nostra prima reazione è rinunciare, pensando che non saremo più in grado di ottenere ciò che ci siamo proposti. In quei casi mettiamo in pratica una sorta di pensiero dicotomico: o ce la faccio la prima volta o niente. Questo tipo di ragionamento è il motivo principale per cui rifiutiamo una seconda possibilità e non ci riproviamo.

2. Perché chiediamo troppo agli altri

A volte impostiamo l’asticella troppo in alto, in modo che nessuno può saltare. Quando ci aspettiamo troppo dagli altri, è facile finire delusi. Se alimentiamo aspettative irrealistiche sulle relazioni che stabiliamo e chiediamo molto agli altri, è probabile che finiremo per trovarci con le spalle al muro. Quindi crediamo che il problema siano gli altri e ci chiudiamo a stabilire nuove relazioni, negandoci la possibilità di essere felici attraverso di esse.

3. Perché ci ancoriamo al passato

Ci sono persone che non vogliono guardare al futuro perché si sentono a proprio agio nel passato, anche se sono consapevoli che non esiste più. Queste persone hanno paura di uscire dalla zona di comfort e, per diversi motivi, preferiscono vivere nel mondo dei ricordi. Credono che il presente o il futuro non abbiano nulla di gratificante o eccitante da offrire come quello che hanno vissuto in passato. Ecco perché rifiutano una seconda possibilità.

4. Perché pensiamo di non meritarlo

Alcune persone consentono a un errore di determinare l’immagine che hanno di se stessi. Quando si etichettano come “perdenti” o “falliti” pensano di non meritare cose buone, quindi non cercano nemmeno una seconda possibilità. Si tratta generalmente di persone con un’autostima danneggiata e una scarsa immagine di sé che impedisce loro di lottare per ciò che vogliono.

5. Perché abbiamo paura di sbagliare di nuovo

In molti casi, darsi una seconda possibilità significa voltare pagina e andare avanti, ma quella prospettiva può essere spaventosa per alcune persone. Se siamo stati feriti in passato, darci una seconda possibilità di amare ci renderà di nuovo vulnerabili. Se abbiamo fallito in un progetto professionale, intraprendere di nuovo un percorso simile implica la possibilità di fallire di nuovo. A volte quella paura è così grande che ci paralizza.

Le 5 chiavi per darti una seconda possibilità

Non siamo sempre consapevoli che il più grande ostacolo per essere di nuovo felici siamo noi stessi. La nostra mente è complessa e spesso ci pone delle trappole in cui cadiamo facilmente. Tuttavia, ci sono tre passi da fare, abbastanza comuni, per darti una seconda possibilità:

1. Non avere fretta di guarire. Il mondo non finirà domani, non cercare di curare la ferita mettendoci sopra un cerotto perché alla lunga il rimedio sarà peggiore della malattia. Prenditi tutto il ​​tempo di cui hai bisogno per guarire e ricominciare di nuovo. Le ferite emotive non guariscono così facilmente, quindi non devi avere fretta di guardare al futuro. Assicurati solo di rimettere insieme i pezzi rotti. Segui il tuo ritmo, ma assicurati di fare piccoli passi verso la guarigione in modo da non rimanere bloccato nel passato.

2. Apriti alle opportunità. Uno degli errori più grandi che possiamo fare è chiuderci alle opportunità. A volte, dove meno ce lo aspettiamo, ci aspetta una sorpresa che può cambiare la nostra vita, o almeno una parte di essa. Assicurati che il colpo subito non ti tolga il desiderio di scoprire ed esplorare. Sii aperto a persone e proposte interessanti. Quindi, quando una buona occasione bussa alla tua porta, sarai pronto ad approfittarne e darti una seconda possibilità.

- Annuncio Pubblicitario -

3. Impara dagli errori. Ti sei sbagliato? Non succede nulla, rifletti sulle decisioni che ti hanno portato a quel punto e cerca di prendere una strada diversa la prossima volta. Gli errori sono opportunità per imparare e fare meglio la prossima volta. Le esperienze possono renderci più saggi e resilienti, a patto di imparare da esse. Dopotutto, le persone non si giudicano per le cadute, ma per la forza che hanno di rialzarsi.

4. Non lasciare che il fallimento ti limiti. I fallimenti possono essere colpi dolorosi difficili da sopportare. Senza dubbio. Ma il vero fallimento non è quello di un progetto professionale o di una relazione d’amore, piuttosto è lasciare che quel contrattempo determini la tua vita per sempre. Siamo persone in continua trasformazione, ci evolviamo e impariamo, quindi non c’è motivo di pensare che ciò che è andato storto ieri, oggi non andrà bene.

5. Integra l’esperienza nella tua storia di vita. Uno studio condotto all’Haverford College ha confermato che per darsi una seconda possibilità dopo un’esperienza dolorosa o difficile, devono confluire due fattori. In primo luogo, dobbiamo dare un senso a ciò che è accaduto e, quindi, dobbiamo raggiungere una risoluzione positiva e coerente. Questo “implica riconoscere le emozioni negative del passato e collegarle con lo sviluppo di nuovi modi di vivere le emozioni positive nel presente”, come spiegano questi psicologi. Significa che non è necessario dimenticare l’esperienza, ma trovargli un significato positivo per integrarla nella nostra storia di vita.

Perché è bene darsi una seconda possibilità?

Le seconde possibilità sono grandi momenti per ottenere ciò che ci è sfuggito la prima volta. Dopo una sconfitta o un fallimento, possiamo imparare da ciò che abbiamo sbagliato per correggerlo e migliorarlo. Possiamo renderci conto delle cose in cui falliamo e dei punti di forza su cui dobbiamo lavorare.

Anche a livello interpersonale è bene dare una seconda possibilità. Implica dare fiducia all’altra persona e credere che il cambiamento sia possibile. Implica anche la capacità di perdonare e lasciar andare il risentimento. A lungo termine, queste relazioni possono persino diventare più forti e soddisfacenti.

Quando non ne vale la pena?

Tuttavia, non è sempre bene darsi o dare una seconda possibilità. Ci sono circostanze in cui semplicemente non ne vale la pena o potrebbe essere un segno di testardaggine o addirittura masochismo. Pertanto, pensaci due volte prima di dare una seconda possibilità quando:

• Il progetto ha cessato di interessarti o ha perso la sua ragione d’essere

 • Non pensi che l’altra persona possa cambiare


• C’è uno schema di fallimento sistematico nel tempo

 • Non sei maturato abbastanza per riprovarci

• Non sei disposto a impegnarti al 100% e assumerti i rischi non ne vale la pena

Fonti:   

Pals, J. L. (2006) Authoring a Second Chance in Life: Emotion and Transformational Processing Within Narrative Identity. Research in Human Development; 3(2-3) 101-120.

Giles, J. (1990) Second Chance, Second Self? Gender and Education; 2(3): 357-361.

Lalljee, M. et. Al. (1989) Confidence and Control: a Psychological Perspective on the Impact of ‘Second Chance to Learn’. Studies in the Education of Adults; 21(1): 20-28.

La entrada Darsi una seconda opportunità: quando ne vale la pena? se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -