Charlie Sheen: dai problemi di alcol e droga alle accuse di stupro

0
- Annuncio pubblicitario -

Oggi Charlie Sheen, iconica figura degli anni 80-90 con film del calibro di Hot Shots e Platoon, compie 55 anni. Purtroppo non ha avuto una vita semplice condita da molti errori. L’attore è finito più di una volta sui giornali per i suoi eccessi, tra difficoltà di gestione della rabbia e soprattutto dipendenze assortite che per anni hanno alimentato il suo comportamento autolesionistico.





IL LICENZIAMENTO DA 2 UOMINI E MEZZO

La famossissim serie tv in cui ha recitato dal 2003 al 2011. Sheen è arrivato a guadagnare 1,25 milioni di dollari a episodio, ma è stato cacciato dalla produzione per aver rivolto a produttori e sceneggiatori della serie – in particolare al producer Chuck Lorre e al manager Mark Burg – pesanti insulti antisemiti.

- Annuncio pubblicitario -

I PROBLEMI CON DROGA E ALCOL

Nel 1998 il suo primo ricovero in ospedale per un’overdose di cocaina. Sheen fu costretto a seguire una cura disintossicante, ma abbandonò la clinica dopo poche ore. Ha combattuto contro le sue dipendenze constantamente fino al 2018, quando si è finalmente disintossicato (ha detto di averlo fatto per i suoi figli). Ed è riuscito anche a smettere di fumare.

«Se potessi tornare indietro nel tempo e non iniziare lo farei assolutamente» 




LE VIOLENZE DOMESTICHE

Il giorno di Natale nel 2009 l’attore ha passato una notte in carcere, arrestato qualche ora prima ad Aspen, famosa località di sci e teatro di film come Vacanze di Natale 95, accusato di violenza domestica nei confronti della terza moglie Brooke Mueller (le puntò un coltello alla gola). La coppia ha divorziato nel 2010 con l’emissione di un’ordinanza restrittiva.

LA PRECARIA SITUAZIONE ECONOMICA

“Sono finito nella lista nera di Hollywood. Tutto ciò ha comportato una significativa riduzione dei miei guadagni”.

L’attore ha chiesto nel 2018 una revisione degli assegni di mantenimento verso le due mogli in quanto non riusciva a trovare un lavoro stabile.

- Annuncio Pubblicitario -


LE ACCUSE DI COREY FELDMAN

Nel documentario «(My) Truth: The Rape of Two Coreys» (2018) Corey Feldman ha accusato pubblicamente Charlie Sheen di aver stuprato nel 1986 Corey Haim, scomparso nel 2010 a soli 38 anni (accuse già apparse nel 2017 sul National Enquire). I due quell’anno recitavano in «Lucas» di David Seltzer: Sheen aveva 19 anni, mentre Haim ne aveva soltanto 14. La risposta dell’attore fu questa

«Queste accuse malate, contorte e bizzarre non si sono mai verificate»

ha replicato Sheen, invitandolo a «considerare la fonte e leggere cosa ha da dire Judy Haim» (ovvero la madre dell’attore che nel 2017 aveva già smentito la versione di Feldman).




LA SIEROPOSITIVITA’

«Sono qui per ammettere che sono sieropositivo»: così Charlie Sheen confermò in tv le voci che circolavano da tempo. Durante la trasmissione tv ‘Today’ della Nbc, l’attore americano disse di aver contratto il virus dell’Hiv quattro anni fa e che le poche persone che lo sapevano gli chiesero i soldi per mantenere il segreto




L’articolo Charlie Sheen: dai problemi di alcol e droga alle accuse di stupro proviene da Noi degli 80-90.

- Annuncio pubblicitario -