Il nostro cervello è un maniaco dell’ordine e del controllo. Dopotutto, la sua missione è tenerci al sicuro, quindi deve anticipare le possibili minacce per allertarci. Per questo motivo, cerca ovunque degli schemi che lo aiutino a dare un senso al passato e a prevedere il futuro.

Le pareidolie, che consistono nell’interpretare uno stimolo vago e aleatorio come una forma riconoscibile, come quando vediamo un’immagine nelle nuvole, è un esempio dei tentativi del nostro cervello di cercare degli schemi riconoscibili e portare un certo ordine nel caos.

Anche nella vita quotidiana cerchiamo di dare una spiegazione a ciò che ci accade. Cerchiamo di capire da dove viene il rumore che ci ha spaventato o perché il nostro partner ha deciso di porre fine alla relazione. Abbiamo un urgente bisogno di trovare un significato logico a ciò che ci accade. Ma a volte possiamo rimanere intrappolati nella ricerca del senso

Maggiore è l’incertezza, maggiore è la necessità di cercare una spiegazione

Nel 2008, gli psicologi dell’Università del Texas progettarono una serie di esperimenti per testare come rispondiamo alle situazioni incerte. Attivarono il senso di insicurezza e mancanza di controllo dei partecipanti e poi chiesero loro di immergersi in ambienti immaginari, come il mercato azionario, o di guardare immagini statiche in televisione.

Scoprirono che le persone senza controllo avevano maggiori probabilità di percepire schemi deliranti, come vedere immagini nello schermo televisivo senza segnale, trarre correlazioni inesistenti nei dati del mercato azionario, percepire cospirazioni e sviluppare superstizioni.

È interessante notare che quando gli psicologi chiesero loro di eseguire degli esercizi di autoaffermazione, i partecipanti si calmarono e smisero di cercare degli schemi dove non esistevano.

Questi esperimenti mostrarono che quando sentiamo di non avere il controllo del nostro destino, il cervello inventa degli schemi per darci la sensazione di controllo che ci fa sentire più sicuri. Ovviamente, è una sicurezza illusoria, ma quando non la troviamo, la prospettiva può essere anche peggiore perché il nostro cervello può rimanere bloccato nel ciclo della ricerca del senso.

Quando l’analisi porta alla paralisi

Viktor Frankl, uno psichiatra sopravvissuto ai campi di concentramento nazisti, fece della ricerca del senso il suo leitmotiv. Credeva che per superare le avversità dobbiamo dare un senso a ciò che ci accade. Tuttavia, il senso a cui si riferiva Frankl non era una spiegazione logica ma un significato psicologico personale. La differenza può sembrare sottile, ma è importante.

Le persone che cercano di trovare una spiegazione per tutto ciò che accade loro cadono in una trappola: pensare troppo. È comune quando perdiamo una persona cara, soprattutto se la sua morte è stata inaspettata. Il primo impulso è cercare una spiegazione. Ci diciamo che se riusciamo a capire cosa è successo, possiamo superarlo. Ma non è sempre così.

A volte possiamo restare intrappolati nella ricerca del senso. Possiamo ripassare mille e una volta su un dettaglio che non chiarisce nulla perché la verità è che gli incidenti accadono e non sempre c’è una spiegazione logica che possa calmarci.

Ciò che la nostra mente sta cercando è la fiducia che deriva dal controllo e dall’ordine. Cerchiamo un rapporto di causa-effetto lineare che ci restituisca la sensazione di sicurezza che abbiamo perso. Ma quando affrontiamo dei cambiamenti imprevisti, regna il caos e l’imprevedibilità, pertanto, spesso cercare il senso ci porta in un vicolo cieco.

Cercare di trovare una spiegazione per tutto non sempre risolve i problemi. Se cadiamo in questa trappola, possiamo persino confondere il pensare con il fare. Così l’analisi porta alla paralisi.

Sebbene sia difficile accettarlo, non sempre riusciamo a trovare una spiegazione logica alle cose. Non sempre riusciamo a trovare la causa. A volte possiamo solo tentare, immaginare o cercare di risolvere le questioni in sospeso. In effetti, a volte la conoscenza – esaltata dalla nostra società come il valore più alto – non offre nemmeno conforto, soprattutto quando non possiamo fare nulla per risolvere il problema.

A volte quella ricerca del senso finisce per essere angosciante. Lungi dall’aiutarci ad accettare l’accaduto, ci mantiene in uno stato di negazione, rifiutando i fatti solo perché non si adattano alla nostra visione del mondo. Ma non dobbiamo cadere nell’errore hegeliano di pensare che se la teoria non è d’accordo con i fatti, peggio per i fatti. Se non accettiamo i fatti, non saremo in grado di adattarci e le possibilità di soffrire sono maggiori.

Prima l’accettazione, poi la ricerca del significato personale

È difficile. Lo so. Sentiamo il bisogno di trovare una spiegazione per il comportamento degli altri e per le cose che ci accadono perché in questo modo crediamo di avere un certo controllo, che ci sia un certo ordine e logica nel mondo.

Ma ci sono dei momenti in cui dobbiamo smettere di pensare e iniziare ad accettare.

Questo non significa che dobbiamo dare tutto per scontato e accontentarci delle prime risposte o che ci adagiamo nella pigrizia cognitiva, ma dobbiamo fare in modo che il pensiero non vada in loop, essendo del tutto infruttuoso.

Dobbiamo accettare che non possiamo capire tutto. Anche se ci pesa. Che non sempre troveremo una spiegazione ragionevole che ci soddisfi o ci conforti. Che le cose non sempre si adattano alla nostra visione del mondo.

A volte, per il bene del nostro equilibrio psicologico e della nostra salute mentale, è meglio smettere di torturarci cercando una spiegazione. A volte dobbiamo solo applicare l’accettazione radicale. Darci il permesso di voltare pagina. Lasciare andare il dolore.

A quel punto, quando avremo accettato l’accaduto, possiamo passare alla ricerca del significato personale. Quel significato non è una spiegazione logica dell’accaduto, ma piuttosto un significato soggettivo che ci permette di integrare l’esperienza nella nostra storia di vita. Non è la ricerca di cause e motivazioni nel passato, ma la ricerca di un insegnamento in vista del futuro.

Il significato personale è ciò che ci permette di andare avanti. Come racconta Frankl: “Una volta un vecchio medico generico mi consultò per una grave depressione di cui soffriva. Non riusciva a superare la perdita della moglie, morta due anni prima e che aveva amato sopra ogni cosa. Come potevo aiutarlo? Cosa potevo dirgli? Ebbene, mi astenni dal dirgli qualsiasi cosa e invece gli lanciai la seguente domanda: ‘Cosa sarebbe successo, dottore, se fosse morto prima e sua moglie le fosse sopravvissuta?’ ‘Oh…’ disse, ‘Sarebbe stato terribile per lei, avrebbe sofferto molto!’ Al che risposi: ‘Vede, dottore, le ha risparmiato tutta quella sofferenza; ma ora deve pagarlo sopravvivendo e piangendo la sua morte’.

“Non disse niente, mi prese lentamente la mano e lasciò il mio ufficio in silenzio. La sofferenza cessa di essere in un certo modo sofferenza nel momento in cui trova un senso, come il sacrificio”.

Fonti:

Whitson, J. A. & Galinsky, A. D. (2008) Lacking Control Increases Illusory Pattern Perception. Science; 322 (5898): 115-117.

Frankl, V. (1979) El hombre en busca de sentido. Editorial Herder: Barcelona.

La entrada Cercare il senso di ogni cosa può condannarti alla negazione e alla paralisi se publicó primero en Angolo della Psicologia.

Buy traffic for your website