«Chi mai amò, che non abbia amato a prima vista?», così scriveva Christopher Marlowe. Per anni, infatti, si è pensato che l’amore passasse attraverso gli occhi e che unisse irrimediabilmente due persone per il resto della loro vita. Tuttavia, esiste un modo per riconoscere questo momento che precede l’amore vero? Quel che è certo è che esista una serie di sensazioni che ci fa capire se ci stiamo innamorando oppure no. Varranno anche per il cosiddetto “love at first sight“?

Nel 1999 usciva al cinema un film emblema della commedia all’italiana con protagonista Vincenzo Salemme, dal titolo Amore a prima vista. Dopo varie peripezie quel grande amore scoppiato tra due dei personaggi principali si rivela un sogno e, quindi, un’illusione. Ancora una volta viene da porsi un grande quesito: il colpo di fulmine, quell’amore istantaneo che sboccia attraverso un solo sguardo, esiste?

Amore a prima vista: esiste davvero?

Come per tutti i sentimenti, anche l’amore e tutta la sua evoluzione sfugge a un’unica definizione, quindi anche sul fatidico colpo di fulmine esistono varie teorie e ipotesi contrastanti. A differenza della semplice “cotta”, esso consiste in una forte attrazione che si verifica all’improvviso tra due persone. Coinvolge non soltanto la sfera fisica e gli impulsi sessuali, ma anche quella mentale ed emotiva.

Così, secondo Stephanie Cacioppo dell’Università di Chicago il mezzo di “trasmissione” dell’amore a prima vista è lo sguardo. Funzionerebbe, quindi, come già dicevano i poeti stilnovisti nel Medioevo: tutto partirebbe dagli occhi. L’immagine viene trasmessa al cervello e solo successivamente la sensazione arriva al cuore. Sembra incredibile, ma è proprio il cervello a innamorarsi per primo!

Poi, secondo il libro The Neuroimaging of Love di Stephanie Ortigue, docente della Syracuse University, tutto ciò può richiedere un tempo infinitamente piccolo, pari a meno di un quinto di secondo, proprio come un battito di ciglia! Durante questo istante entrano in gioco dei processi chimici che coinvolgono sostanze come l’adrenalina, che ci dà quella sensazione di benessere e felicità, la dopamina, ovvero l’ormone del piacere e della ricompensa, l’ossitocina, alias quello dell’amore.

© Getty Images

Come si riconosce un colpo di fulmine?

Sembrerebbe che i più sensibili a questa “folgorazione” siano gli uomini. Almeno 1 su 4 afferma di avere provato l’amore a prima vista una volta nella vita. Tuttavia, nemmeno le donne non ne sono indifferenti, ma è necessario capire quali siano i “segnali” del colpo di fulmine. I più tradizionali sono quelli che si vedono spesso nei grandi film d’amore del cinema, per esempio:

Amore a prima vista? Ecco come comportarsi!

Assodato che il colpo di fulmine può esistere e che molte persone lo sperimentato almeno una volta nella vita, viene spontaneo chiedersi come ci si debba comportare quando si verifica. Quante volte abbiamo visto per strada, su un mezzo pubblico o in un locale qualcuno che solo guardandolo negli occhi ci piaceva? Capita spesso, ma il problema è che non si agisce. Si prova quell’attrazione sperando che, come nei film, lui si avvicini e faccia la prima mossa. In realtà, si può mettere in atto qualche comportamento per far capire il nostro interesse nei confronti di quella persona e vedere se ci sia una qualche risposta dall’altra parte.

© Getty Images

Il colpo di fulmine vs l’amore vero

Come accennato, l’amore a prima vista consiste in questa forte attrazione che due persone sconosciute provano l’una nei confronti dell’altra. È una reazione biochimica, dovuta anche all’impulso sessuale, allo stato d’animo e al contesto in cui si verifica quel primo incontro. Per questo motivo si preferisce alla definizione di “love at first sight“, quella di colpo di fulmine, perché essa mette in risalto l’istantaneità del fenomeno e non il sentimento in sé.

L’amore vero, invece, va molto oltre al puro istinto e alla chimica. Essere innamorati ha bisogno di una serie di requisiti come complicità, intimità, condivisione e impegno, tutte caratteristiche che richiedono tempo e cura affinché si possano creare. Il colpo di fulmine è molto più vicino all’infatuazione piuttosto che all’innamoramento vero e proprio. Perché possa diventare amore necessita della voglia di mettersi in gioco dei due eventuali partner e della loro dedizione. Solo così quell’attrazione improvvisa potrà trasformarsi nel grande amore dei film, capace di portare a una relazione che può durare anni e persino al matrimonio.

Le canzoni d’amore più belle di sempre© iStock
Mina – Mi sei scoppiato dentro il cuore© Pinterest
Bryan Adams – Please forgive me© Pinterest
Jeff Buckley – Hallelujah© Pinterest
Mia Martini – Almeno tu nell’universo© Pinterest
Amy Winehouse – Love is a losing game© Pinterest
Bon Jovi – Bed of Roses© Pinterest
Demis Roussos – Rain and Tears© Pinterest
Elisa – Una poesia anche per te© Pinterest
Take That – Back for good© Pinterest
Buy traffic for your website