5 modi di pensare che ti tengono intrappolato in una relazione tossica

0
- Annuncio pubblicitario -

Ogni relazione è sempre cosa di due. Anche le relazioni tossiche. Ciò significa che, in un certo senso, anche noi abbiamo contribuito a fare in modo che il rapporto raggiunga un punto in cui è insoddisfacente o addirittura dannoso. Ci sono alcuni modi di pensare che possono tenerci intrappolati in una relazione tossica, impedendoci di recidere il legame che ci lega alla persona, anche se siamo consapevoli che quel legame ci sta danneggiando. Comprendere i pregiudizi nella nostra valutazione di ciò che ci accade ci aiuterà a fare il passo definitivo.

Come contribuiamo a una relazione tossica attraverso i nostri pregiudizi?

1. Pregiudizio dello status quo

Un vecchio proverbio dice che è meglio un male conosciuto piuttosto che un bene da conoscersi. La saggezza convenzionale rafforza l’idea che è preferibile che le cose rimangano come sono, a meno che non siano veramente terribili. Siamo vittime del pregiudizio dello status quo, una preferenza irrazionale per la situazione attuale.

In pratica, quando stabiliamo una linea di base, questa diventa il nostro punto di riferimento e percepiamo ogni cambiamento come una perdita o una minaccia, anche se positiva. Infatti, anche nelle relazioni tossiche e tutt’altro che ideali, possiamo trovare un equilibrio precario.

- Annuncio pubblicitario -

Quando adottiamo questa mentalità, preferiamo la continuità al cambiamento, un passato noto a un futuro incerto. Scegliamo la certezza della sfortuna alla sfortuna dell’incertezza. Pensiamo che non troveremo nessuno migliore o cerchiamo di consolarci pensando che in realtà non è così male come sembra.



2. Avversione alla perdita

Odiamo perdere qualcosa quando abbiamo già investito in essa, che si tratti di denaro, tempo o fatica. Questa è un’altra ragione per cui restiamo bloccati nelle relazioni tossiche. In effetti, è uno dei motivi principali per cui le coppie che hanno costruito una vita insieme ma non hanno più nulla in comune non si sciolgono.

Quando applichiamo questa mentalità alle relazioni possiamo diventare profondamente infelici, aggrappandoci a una relazione che non ci soddisfa più, solo perché non vogliamo “buttare via” tutto ciò che abbiamo “costruito insieme”.

In questo modo finiamo per concentrarci esclusivamente sulle perdite, senza renderci conto di quanto potremmo guadagnare. Non c’è dubbio che 5, 10 o 20 anni di relazione sono tanti e ci saranno storie condivise e molto investimento emotivo, ma quando una relazione è tossica, terminarla è più vantaggioso per entrambi.

3. Bias di conferma

Ci piace pensare che sbagliamo poco e prendiamo buone decisioni. Quel pensiero ci conforta e ci rassicura. Pertanto, non è difficile cadere in quello che è noto come bias di conferma. È la tendenza a privilegiare i dati e gli indizi che confermano le nostre convinzioni mentre respingiamo o ignoriamo quelli che le negano.

- Annuncio Pubblicitario -


Questo fenomeno si intensifica ancor di più nei contenuti di natura emotiva, come le relazioni. Quando non vogliamo terminare una relazione, probabilmente perché ci sono ancora forti legami affettivi, tendiamo ad esagerare i lati positivi e minimizzare i negativi.

In effetti, molte persone che sono vittime di abusi nelle loro relazioni giustificano il loro partner dicendo che “in realtà è una brava persona”. Quando l’amore esiste ancora, è difficile togliere la benda per vedere la realtà così com’è, quindi a volte preferiamo concentrarci solo sui rinforzi positivi che riceviamo, come un regalo o un dettaglio inaspettato. Questo ci tiene eccitati, pensando che il cambiamento sia dietro l’angolo, quando probabilmente non è così.

4. Effetto del falso consenso

La nostra mentalità non si forma solo sulla base delle nostre esperienze, ma prendiamo atto anche di ciò che accade intorno a noi. Infatti, guardiamo continuamente all’esterno per confrontare ciò che ci accade con ciò che presumibilmente accade agli altri. Ma nel confronto non siamo obiettivi.

Tendiamo a pensare che le nostre opinioni, credenze, valori e abitudini siano più diffuse tra il resto della popolazione di quanto non lo siano in realtà. Questo è noto come effetto del falso consenso e può diventare uno dei motivi per cui rimaniamo bloccati nelle relazioni tossiche.

Se sviluppiamo questa mentalità, crederemo che sia giusto sopportare quella relazione perché, dopo tutto, la maggior parte delle relazioni è così. Possiamo pensare che “tutte le coppie litigano”, “che tutte le madri controllano” o che “è normale che il proprio partner sia possessivo”. In questo modo normalizziamo la situazione di abuso che stiamo vivendo, pensando che sia normale, quando non lo è.

5. Senso di colpa

La colpa è una delle peggiori catene che ci tengono intrappolati nelle relazioni tossiche. Ci sono persone che hanno una mentalità altamente autocritica o l’hanno sviluppata dopo anni di dinamiche manipolative come il gaslighting.

In questi casi, è probabile che la persona pensi: “non è colpa sua, sono troppo sensibile” o “gli ho dato delle buone ragioni”. Generalmente, questo genere di pensieri in cui la vittima si assume la colpa sono un tentativo di giustificare l’altro e mantenere la relazione a un livello accettabile, chiudendo gli occhi sull’abuso.

Tuttavia, è importante tenere presente che, sebbene ogni relazione sia cosa di due, ci sono alcune linee rosse che non dovrebbero essere superate. E proprio perché ogni relazione è cosa di due, deve essere soddisfacente per entrambi. Se la relazione è fonte di costante disagio, potrebbe essere il momento di terminarla. Lasciare il conosciuto può far male, ma non farà male per sempre.

La entrada 5 modi di pensare che ti tengono intrappolato in una relazione tossica se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteEmily VanCamp festeggia l’anniversario con Josh Bowman
Prossimo articoloAnsia paradossa: perché ti stressi cercando di rilassarti?
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!